Storie

di Roberto Signori

UGANDA -Dolore e interrogativi dopo strage nella scuola di Lhubiriha

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Il gruppo che ha commesso il massacro nella scuola secondaria di Lhubiriha (distretto di Kasese nell’Uganda occidentale) nella notte tra il 17 e il 18 giugno, si era introdotto nell’area da almeno due giorni. È quanto ha dichiarato il generale Prit Olum, comandante della divisione da montagna dell’esercito ugandese, che controlla l’area di confine tra Uganda e Repubblica Democratica del Congo, da dove proveniva il commando appartenente alla ADF (Allied Democratic Forces) che ha assalito la scuola, uccidendo almeno 37 persone, in maggioranza studenti, e rapendo almeno 6 allievi.

Secondo il generale Olum, l’assalto alla scuola che si trova a pochi chilometri dal confine congolese, è una risposta all’offensiva avviata da tempo dalle forze armate congolesi e ugandesi contro le ADF nel territorio della RDC, dove il gruppo di origine ugandese ha da decenni le sue basi. Come più volte riportato dall’Agenzia Fides le ADF assaltano quasi esclusivamente le popolazioni civili congolesi. Il massacro in territorio ugandese avviene a 25 anni da un episodio simile perpetrato l’8 giugno 1998 quando i ribelli dell’ADF assalirono il Kichwamba Technical Institute uccidendo 80 studenti e rapendone diversi altri.
Gli ultimi atti di terrorismo attribuiti alle ADF in Uganda risalgono al 2021 con una serie di attentati dinamitardi nella capitale Kampala e un tentativo poi sventato di assalire la località di Ntoroko nel dicembre 2022.
Le dichiarazioni dell’alto ufficiale ugandese fanno sorgere domande sull’efficienza delle forze di sicurezza ugandesi. Pure il Presidente ugandese Yoweri Museveni sembra rivolgere una velata critica all’esercito quando nella sua dichiarazione sul massacro si è chiesto: “”È stato suonato l’allarme e da chi? Come hanno risposto i responsabili della sicurezza nelle vicinanze? Perché la nostra gente che opera in Congo non aveva informazioni su questo gruppo scissionista?”. Museveni non è nuovo a critiche ai propri militari

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

20/06/2023
2202/2024
Cattedra di S. Pietro

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Media

Il Papa non legge Repubblica

Elenco di una serie di notizie che non lo erano, dal lapsus papale all’elenco dei 13 paesi europei che hanno messo il matrimonio uomo-donna in Costituzione contro i 12 che hanno varato le nozze gay

Leggi tutto

Chiesa

Una madre che protegge i propri figli

Che la dialettica degli strumenti di produzione dovesse portare, con l’abolizione della famiglia, alla scomparsa della prostituzione è un assunto indeducibile. Ma una volta eliminati i principi morali familiari che davano un senso al sesso, quest’ultimo è straripato e porta rovina ovunque

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco e l’Angelus dell’Immacolata

8 Dicembre - da Piazza San Pietro l’Angelus di Papa Francesco in occasione di questa festività così importante. Eccomi è la parola-chiave della vita. Segna il passaggio da una vita orizzontale, centrata su di sé e sui propri bisogni, a una vita verticale, slanciata verso Dio. Eccomi è essere disponibili al Signore, è la cura per l’egoismo, è l’antidoto a una vita insoddisfatta, a cui manca sempre qualcosa. Eccomi è il rimedio contro l’invecchiamento del peccato, è la terapia per restare giovani dentro. Eccomi è credere che Dio conta più del mio io. È scegliere di scommettere sul Signore, docili alle sue sorprese. Perciò dirgli eccomi è la lode più grande che possiamo offrirgli. Perché non iniziare così le giornate, con un “eccomi, Signore”? Sarebbe bello dire ogni mattina: “Eccomi, Signore, oggi si compia in me la tua volontà”. Lo diremo nella preghiera dell’Angelus, ma possiamo ripeterlo già ora, insieme: Eccomi, Signore, oggi si compia in me la tua volontà!

Leggi tutto

Chiesa

Pedofilia “nemico carissimo” del nostro mondo. Intervista a Don Di Noto

Il noto sacerdote siciliano, fondatore e direttore dell’Associazione Meter, fa il punto sul rapporto ambiguo della nostra società con l’abuso infantile.Abbiamo paura dei bambini. E’ una società pedofobica, ha paura dei bambini. Li erotizza, li diseduca nel campo della sessualità. Fa di tutto per dimenticarsi dei bambini. Papa Francesco più volte ha ribadito che una società senza bambini è impossibile. Loro non hanno la doppiezza di noi adulti. Una società senza bambini, diceva ancora Francesco, è triste e grigia Il bambino ha il diritto di crescere secondo i tempi dettati dallo sviluppo naturale del suo copro legato a quello psichico, senza forzature esterne che lo portino a pensare e ad agire in un modo contrario a questo sviluppo. Altrimenti nel nome di un diritto del bambino da rispettare, gli si fa violenza.
Non è solo una convinzione, ma un dato di fatto: usare l’educazione sessuale per dominare un bambino è facilissimo ed è la massima violenza.

Leggi tutto

Chiesa

Il Sinodo in ascolto dei fedeli

La Segreteria generale vaticana diffonde il Documento preparatorio e il Vademecum per orientare il cammino del Sinodo sulla sinodalità, che sarà aperto il 9-10 ottobre

Leggi tutto

Chiesa

Papa: l’Europa malata di stanchezza

Papa Francesco celebra a San Pietro la Messa coi partecipanti alla plenaria del Consiglio delle Conferenze Episcopali d’Europa (Ccee), per il 50.mo dell’istituzione.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano