Storie

di Nathan Algren

Una scuola per gli ultimi del Nepal

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

In missione in una zona poverissima dell’ovest del Nepal. Con un grande sogno che sta muovendo i primi passi: quello di aprire a Dhangadhi una scuola per dare un futuro ai figli di chi vive in questa estrema periferia ai piedi dell’Himalaya. È la frontiera missionaria di p. Ajo Thelappilly, sacerdote cattolico indiano dei Carmelitani di Maria Immacolata (CMI), coordinatore delle opere sociali del Nepal Carmel Mata Samaj, una ong attiva da una decina d’anni in Nepal nell’ambito della missione che questo istituto religioso ha aperto nel Paese da una decina d’anni.

“Siamo arrivati il 22 marzo 2011 – racconta p. Thelappilly - su richiesta di mons. Anthony Sharma, gesuita primo vescovo locale del Nepal, poi morto nel 2015. Apparteniamo alla provincia di San Giovanni del nostro istituto che oltre che nel nord dell’India ha missioni anche fuori dal nostro Paese d’origine. Attualmente qui in Nepal siamo sei missionari attivi in quattro diverse missioni: Punarbas e Parasan nel distretto di Kanchanpur e a Dhangadhi e Phulwari nel distretto di Kailali, tutte nella parte più occidentale del Paese”.

Rispetto alla capitale Kathmandu queste sono aree molto più sottosviluppate del Nepal. “Gli abitanti – continua p. Ajo - appartengono principalmente ai gruppi Magar, Chhetri, Tharu noti per le loro antiche tradizioni e la loro cultura. L’agricoltura offre loro un sostentamento di base, ma sui mercati locali per i loro prodotti guadagnano ben poco. Occasionalmente, poi, la regione riceve forti piogge e conseguenti inondazioni, che rendono la vita ancora più difficile. Ci sono anche persone senza terra, che dipendono completamente dal lavoro quotidiano nella vicina India o a Dhangadhi, la città più importante della zona. La maggior parte dei loro figli lavora negli alberghi e nei mercati come bambini lavoratori”.

In questo contesto la presenza dei missionari avviene attraverso il Nepal Carmel Mata Samaj, una ong registrata secondo le norme e i regolamenti del governo nepalese. Il suo consiglio è composto da sette cittadini di nazionalità nepalese, di cui quattro sono sacerdoti del Vicariato del Nepal. Il Nepal Carmel Mata Samaj intraprende programmi educativi, di assistenza sanitaria e di promozione giovanile per tutti gli strati della società. Ora si accinge anche ad aprire una scuola a Dhangadhi, che prenderà il nome di Carmel School.

La scelta di puntare sull’educazione non è ovviamente casuale: “Questa provincia, abitata da 2,5 milioni di persone, ha un accesso limitato ai servizi di base - racconta il missionario indiano - la quota di povertà nelle statistiche ufficiali raggiunge quasi la metà della popolazione. Sono anche aree caratterizzate da diffuse discriminazioni di genere e di casta. La mancanza di un’istruzione adeguata e lo sviluppo economico sono gravi ostacoli al benessere generale della popolazione. Molte scuole sono influenzate politicamente e corrotte, con la qualità dell’istruzione che passa in secondo piano. La maggior parte di queste scuole non dispone nemmeno di misure antisismiche, nonostante questa regione sia molto soggetta a terremoti”.

Il coinvolgimento della popolazione locale nel progetto della nuova scuola è stato incoraggiante. “Sono stati loro – spiega p. Thelappilly - ad aiutarci a ottenere il terreno per la scuola e a metterlo a disposizione per un prezzo ragionevole. Anche le scuole locali hanno rilasciato certificati di non opposizione, a dimostrazione del loro interesse per la realizzazione della nostra scuola. Anche se non dispongono di risorse finanziarie, la gente qui è sempre pronta a prestare il proprio servizio in tutte le nostre necessità per realizzare il sogno di una scuola di qualità”.

Un’opera sociale che si inserisce nell’impegno per l’annuncio del Vangelo e il sostegno alla piccola Chiesa locale che è il cuore dell’attività dei Carmelitani di Maria Immacolata in Nepal: “La Chiesa locale è ancora agli inizi, ma la sua presenza si fa sentire in ogni attività - conclude p. Ajo -. Che Dio benedica tutti noi nel servizio del suo Regno”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

26/06/2023
1908/2023
San Giovanni Eudes

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Tag associati

Articoli correlati

Storie

Io, un’ostetrica nell’inferno degli aborti

Il corso di ostetricia che ho frequentato prevedeva diverse ore di insegnamento dei contraccettivi farmacologici, ritenuti i più sicuri ed efficaci per evitare gravidanze, innocui per la salute delle donne il cui diritto alla cosiddetta pianificazione familiare era considerato fondamentale a prescindere dalle esigenze del partner e di conseguenza senza nessuna considerazione dei metodi naturali per la conoscenza della fertilità che implicano una partecipazione attiva del partner e, a mio avviso, una più gratificante e serena vita di coppia perché la fertilità non è vista come un problema da mettere a “tacere” ma è valutata come aspetto determinante al valore di una persona. I metodi naturali ci sono stati presentati come “poco sicuri” rispetto alla pillola anticoncezionale. Ho però notizia da alcune mie colleghe che in altre scuole vengono presentati e valutati correttamente. Anche perché gli studi dimostrano che hanno un’efficacia sovrapponibile a quella dei contraccettivi ormonali, non hanno effetti collaterali e sono a costo zero. La pillola peraltro non viene mai definita una farmaco e per le giovani studenti sembra la cosa più naturale del mondo che una donna debba assumerla per stare bene con se stessa, anche indipendentemente dalla sua vita sessuale. È presentata come un aiuto che diminuendo l’attività delle ovaie ne conserva più a lungo la salute. In realtà il vero toccasana per l’apparato genitale femminile è proprio la gravidanza!

Leggi tutto

Storie

La confessione triste e postuma di George Michael

Una confessione totalmente inattesa giunge dalla memorie di George Michael che prima di morire, parlando della sua vita l’ha definita “ un’intera perdita di tempo”.

Leggi tutto

Società

Aborto no-limits: la ricetta newyorkese fa discutere

E nella discussione Open, il giornale di Mentana, taccia di “bufalari” i colleghi che fanno informazione. Il problema principale di fronte a certi azzardi è l’assenza di cognizione alcuna sia dell’impianto giuridico del common law angloamericano in generale e statunitense in particolare, sia della realtà clinica ginecologica che il RHA va a normare. In questi goffi tentativi si parte per categorie precostituite, quelle relative alla propria comprensione della legge 194/1978 (anch’essa in realtà malintesa) mettendo in scena la più classica petizione di principio: la tesi secondo cui la legge newyorkese sarebbe sovrapponibile alla legge italiana era già contenuta nell’ipotesi comparativa iniziale e non poteva che viziarne il debole tracciato argomentativo. La realtà è che la divaricazione non potrebbe essere più pronunciata.

Leggi tutto

Media

Giulia Bovassi e la bioetica

“Bioetica è una disciplina per certi versi ancora sconosciuta nel nostro territorio nazionale. Alcuni addirittura ritengono che il suo oggetto sia evanescente o,al contrario, di nicchia e non spendibile al di fuori delle mura accademiche. A mio avviso una visione di questo genere è lacunosa e forzatamente riduttiva rispetto al suo potenziale: il carattere interdisciplinare le conferisce complessità, senza dubbio, ma anche versatilità, rendendola un potenziale spendibile su larga scala, dall’ospedale cittadino agli organi internazionali di politica e cultura”

Leggi tutto

Chiesa

Cile, i vescovi per la difesa della vita

In Cile è stato approvato in via generale il disegno di legge per depenalizzare l’aborto fino alla 14esima settimana di gestazione, nel suo primo passaggio legislativo. I presuli ribadiscono che la vita inizia dal concepimento e va tutelata.

Leggi tutto

Politica

PDF: “Mobilitazione contro il razzismo verso i bianchi”

Il Popolo della Famiglia Sardegna facendo coro al suo presidente Adinolfi, vuole rimarcare con forza che all lives matter, ossia tutte le vite contano, al di là del colore della pelle, delle appartenenze politiche, etniche o religiose. Perché così è giusto che sia. Sempre”.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano