Società

di Giampaolo Centofanti

Le cause fontali della crisi in Italia

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Il nostro paese sta vivendo da tempo un declino progressivo in mille cose. La crisi demografica è uno dei tanti significativi aspetti.

Due problematiche di fondo stanno distruggendo l’Italia: una Commissione Europea che non dipende dalla fiducia di un parlamento democraticamente eletto e che per di più dispone della leva monetaria non più appannaggio delle nazioni comunitarie. Siamo in una dittatura. Una situazione di pensiero unico rafforzata dall’oligopolio delle Big Tech di internet.
L’altro problema, che potrà essere ancora più difficile da sbloccare accettando la situazione sopra descritta, è in realtà una questione a monte e dunque di intreccio non semplice: la cultura razionalista svuota le persone di ricerche personali profonde e di autentico scambio, di autentica partecipazione, imponendo un falsamente neutro tecnicismo a tutto campo che di fatto fa emergere con forza il denaro e il potere come criteri reali di discernimento. La via di superamento va forse cercata nella formazione fin dalla scuola alla luce dell’identità spirituale, filosofica, liberamente cercata ed in momenti distinti del solo allora autentico scambio. L’identità tende a dare i riferimenti profondi, lo scambio dal vivo tra cercatori di fedi, filosofie, diverse stimola il superamento delle ideologizzazioni, delle astrazioni, favorendo per esempio per i cristiani anche l’interesse per la vita dal vivo in ambienti come la parrocchia, la partecipazione educativa delle famiglie, anche nella cultura…

Dove identità e scambio confliggono o si mescolano o si ignorano si perpetua lo svuotamento delle persone. Su tali scie si ritiene di fatto anche giustamente poco decisivo il cambiamento della scuola. Oggi la scuola cattolica è anch’essa una scuola intellettualista con una patina leggera di religiosità che può incidere molto poco. Nei casi citati si finisce per restare nello svuotamento che tende a formare consumatori isolati persi in una massa anonima. Prevalgono gli apparati, la gioventù rischia sempre più di rivelarsi una bomba a orologeria, si va come il Titanic verso l’iceberg senza che in varie situazioni si possa facilmente fare qualcosa, essendo non pochi imprigionati ciascuno nel proprio ruolo di sistema. In tale situazione finendo per fomentarsi una falsa realizzazione nel proprio ruolo che tende a spegnere i margini di consapevolezza e di libertà che qua e là possono restare.
O forse le strade della rinascita saranno altre. Per esempio magari germoglieranno semi spontanei di spiritualità-culture rinnovate e si diffonderanno dal basso, anche magari sotto la spinta di un bisogno sempre più impellente di vie di rinascita. Chissà. Preghiamo, camminiamo nella fede, affidiamoci a Maria, a Gesù…

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

30/06/2023
2102/2024
Sant'Eleuterio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Il capitalismo della seduzione

Il vecchio sistema socioeconomico è stato da tempo superato da quello che il filosofo (marxista) Michel Clouscard ha definito il «capitalismo della seduzione». Lo scrittore Rodolfo Quadrelli lo ha descritto con efficacia: «Mentre il capitalismo primitivo, fondato sull’ascesi razionalizzata dei vizi spirituali, non poteva permettere lo scatenamento degli istinti sessuali, il nuovo capitalismo, largamente spersonalizzato, può permetterlo; o addirittura, nella sua più recente versione, può raccomandarlo, inteso com’è a liberarsi dalla famiglia e dal risparmio, entrambi potenti remore ai consumi»

Leggi tutto

Società

Il messaggio nella bottiglia

Ucraini e Russi di Ostia, nella prossimità uniti da fede, quotidianità e identità locale

Leggi tutto

Politica

Ruba le ceneri della madre della fidanzata per comprarsi l’eroina

Religione, rispetto, civiltà, etica sono troppo spesso soltanto parole

Leggi tutto

Chiesa

Don Centofanti: Vangelo giovedì 25 maggio e commento

Gv 17,20-26 Giovedì 25 maggio 2023, VII settimana di Pasqua

Leggi tutto

Chiesa

Don Centofanti: Vangelo di martedì 27 giugno e commento

Mt 7, 6.12-14 Martedì 27 giugno 2023, XII settimana del Tempo ordinario

Leggi tutto

Chiesa

Don Centofanti: Vangelo di martedì 25 luglio e commento

Mt 20,20-28 Martedì 25 luglio 2023, San Giacomo, apostolo

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano