Società

di Nathan Algren

Siria: allarme scomparsi

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

L’Assemblea generale delle Nazioni Unite ha approvato la creazione di un organismo “indipendente” per “far luce” sulla sorte di almeno 100mila persone scomparse durante gli anni più bui e violenti del conflitto siriano. Il via libera è arrivato ieri all’Onu nonostante il voto contrario di Damasco e l’astensione di alcuni Paesi, fra cui il Libano, e rappresenta un punto di partenza nel cammino di ricerca della verità su una ferita tuttora aperta e riguarda la sorte di persone spesso vittime “collaterali” della guerra. Fra questi vi sono anche alcune personalità di primo piano della Chiesa cattolica siriana, come il gesuita p. Paolo dall’Oglio (a fine luglio ricorre il decennale della scomparsa) e dei due vescovi ortodossi di Aleppo spariti nell’aprile del 2013.

La risoluzione - passata con 83 voti a favore, 11 contrari e 62 astensioni - stabilisce che “dopo 12 anni di conflitto e violenze” in Siria, si sono registrati “pochi progressi nell’alleviare le sofferenze delle famiglie” fornendo loro “risposte sul destino e sul luogo di tutte le persone scomparse”. In quest’ottica l’organismo indipendente “chiarirà il destino e il luogo” in cui si sono perse le tracce e “fornirà un sostegno adeguato alle vittime, ai sopravvissuti e alle famiglie degli scomparsi”.

Oltre a Damasco, fra quanti si sono opposte al voto in Assemblea vi sono Russia, Cina e Iran. “Questa bozza - ha detto il rappresentante siriano all’Onu Bassam Sabbagh, indicando in particolare gli Stati Uniti - riflette chiaramente una flagrante interferenza nei nostri affari interni e fornisce nuove prove dell’approccio ostile perseguito da alcuni Stati occidentali contro la Siria”. Il testo non specifica le procedure operative che ne regoleranno il funzionamento, i cui “termini di riferimento” dovranno essere redatti dal segretariato generale delle Nazioni Unite entro 80 giorni in collaborazione con l’ufficio dell’Alto Commissario per i diritti umani. Tuttavia, il testo precisa che dovrà garantire “la piena partecipazione e rappresentanza delle vittime, dei sopravvissuti e delle famiglie delle persone scomparse” e sarà guidata da un approccio incentrato sulle vittime.

“Una iniziativa necessaria! Le famiglie hanno il diritto di conoscere il destino e il luogo in cui si trovano i loro cari, per aiutare a guarire la società nel suo complesso” ha dichiarato su Twitter l’ufficio Onu per i diritti umani. Anche Human Rights Watch (Hrw) apprezza il voto, ma aggiunge che la nuova organizzazione deve avere a disposizione gli strumenti giusti per svolgere il proprio lavoro. Il voto di ieri è legato a un appello lanciato lo scorso agosto dal segretario generale Antonio Guterres, che chiedeva la formazione di un organismo per garantire risposte alle famiglie degli scomparsi. Un rappresentante dei parenti aveva dichiarato che molti guardano “i video circolati (in rete e sui social) sui massacri, per vedere se il congiunto è tra i corpi decapitati e mutilati”.

Il tema delle sparizioni è rilanciato anche dalla Chiesa siriana, in cerca della verità sulla sorte di alcune fra le più autorevoli figure di cui da tempo non si hanno notizie. In primis p. Dall’Oglio, il gesuita romano e fondatore della comunità di Deir Mar Musa al-Habashio, nel nord, a circa 80 chilometri da Damasco di cui ricorre a breve (il 29 luglio) il decennale della scomparsa. In diverse occasioni si sono levate voci sulla sua condizione, ma nessuna di queste si è mai rivelata attendibile; le ultime tracce portano a Raqqa, ex roccaforte del “Califfato” in Siria. Figura carismatica del dialogo interreligioso islamo-cristiano, p. Dall’Oglio è scomparso nella notte tra il 28 e il 29 luglio del 2013 dopo essere penetrato nel quartier generale dell’Isis dove voleva difendere i valori del dialogo e del confronto, chiedendo al contempo la liberazione di diversi ostaggi in mano jihadista.

Al gesuita romano si aggiungono i due vescovi ortodossi di Aleppo: mons. Yohanna Ibrahim, della diocesi siro-ortodossa e mons. Boulos Yaziji, della diocesi greco-ortodossa di cui non si hanno più notizie dal 22 aprile 2013, rapiti poco prima delle 6 del pomeriggio nella località di Kafr Dael, a circa 10 km da Aleppo. Secondo alcuni testimoni i due prelati stavano trattando la liberazione dei sacerdoti p. Michel Kayyal e p. Maher Mahfouz, sequestrati nel febbraio dello stesso anno. Giunti a un posto di blocco, l’auto è stata affiancata da uomini armati, forse jihadisti ceceni, che hanno sparato uccidendo l’autista diacono. Rapimenti anomali, cui non sono seguite rivendicazioni né trattative per il rilascio e che si inseriscono nel quadro degli eventi che hanno contraddistinto la fase più sanguinosa del conflitto siriano, con gruppi jihadisti sul territorio ad incendiare ancor più la situazione. Nel decennale della scomparsa, il 22 aprile scorso, la Chiesa siriana ha istituito una “giornata ecumenica” per gli scomparsi, rilanciando un tema sensibile nella speranza - sinora vana - di avere notizie certe sulla loro sorte.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

30/06/2023
2802/2024
San Romano

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Ecco la Balena Blu

Nel miserabile tentativo di azzardare un’analisi del fenomeno è ovvio che, in primo luogo, venga da puntare il dito sul gioco della Balena blu, ed è giustissimo farlo. Allo stesso tempo, però, è opportuno non dimenticare che quel gioco è un parto dei giorni nostri, un prodotto dell’odierna comunità umana globale. Il mondo non è mai stato un luogo perfetto ed ogni epoca ha conosciuto le sue nefandezze ma oggi la stupidità e la malvagità di pochi possono espandersi e amplificarsi come mai prima era stato possibile. Prendendo spunto dalla famosa e profonda riflessione di Hannah Arendt “La banalità del male” potremmo concludere che ciò che è banale nasce da menti banali e, contemporaneamente, attrae menti altrettanto banali.

Leggi tutto

Politica

Adinolfi (Pdf): “ddl Zan non è priorità, emergenza non c’è”

Sono 1.300 giorni che mi batto contro l’approvazione della fascistissima legge Zan, ora anche Enrico Letta si accorge che va cambiata. In 1.300 giorni non si è verificato neanche un serio caso di omofobia in Italia. Ma che emergenza è? Arrenditi Zan anche nel Pd ti hanno mollato.

Leggi tutto

Storie

Eutanasia: si uccidono anche i malati di Covid

Una nuova interpretazione da parte del Ministero della Salute della Nuova Zelanda della legge sul suicidio assistito recentemente promulgata, infatti, dimostra che la cultura della morte ha preso a pretesto il Covid per allargare il suo potere sui malati, ora uccisi con l’eutanasia proprio e anche perché affetti da Covid.

Leggi tutto

Società

Colombia: patto per la vita

Un patto per la vita e per eliminare violenze e intolleranze nel confronto politico in Colombia desta timori

Leggi tutto

Media

“Il cuore nel cuore” di Francesco Giannelli Savastano

Questo libro “Il cuore nel cuore” è un diario personalissimo e corale allo stesso tempo. Francesco racconta la sua avventura, racconta i suoi drammi nel viverla, e il dolore che prova ogni volta che incontra una nuova famiglia con il suo carico di sofferenze.

Leggi tutto

Storie

Disney presenta la nuova linea di abbigliamento LGBTQ per bambini

La Disney e la propaganda senza fini per i gender. Difendere i nostri figli è un dovere.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano