Storie

di Nathan Algren

Lahore: donna cristiana e vedova, violentata e uccisa

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Uccisa perché non si voleva convertire all’islam per sposare un uomo che aveva messo gli occhi su di lei. Quattro uomini di fede musulmana hanno rapito, violentato e ucciso Shazia Imran. La donna, quarantenne e vedova, era cristiana e il principale indiziato per la violenza, l’omicidio e il tentativo di occultamento del cadavere con dell’acido, è Mani Gujjar, pretendente, che ha provato a costringerla a convertirsi per sposarlo.

Shazia lavorava in un asilo nido alla Lahore University of Management Sciences (LUMS) di Lahore: lì avrebbe conosciuto l’uomo diventato presumibilmente il suo assassino. La sera di martedì 6 giugno a fine turno non tornata a casa. I familiari hanno cercato la donna - madre di tre figli, due maschi, Salman (16 anni) e Abrar (6), e una figlia, Aliza (7) -, ma senza successo. In ultima istanza hanno chiamato la polizia perché la famiglia di Shazia Imran è convinta che anche il marito, picchiato a morte 18 mesi fa, non sia stato aggredito da “teppisti”, come la polizia ha derubricato il fatto, ma dalle stesse persone che hanno ucciso Shazia.

L’aggressione, fino allo stupro come “metodo coercitivo” di conversione, soprattutto delle donne delle minoranze religiose in Pakistan, non è una novità. E il caso di Shazia che rdi fronte al suo rifiuto è stata violentata e uccisa ha diffuso nelle ultime settimane una nuova ondata di paura, ma anche di rabbia e proteste tra la minoranza cattolica del Paese. Anche perché i parenti hanno raccontato di come la donna avesse confidato a una cognata le pressanti minacce di Mani Gujjar per farla convertire e per sposarlo.

Dei quattro imputati la polizia ha arrestato solo Mani. Il fratello di Gujjar e due cugini che avrebbero partecipato alla violenza di gruppo e all’omicidio, sono ancora latitanti.

Si è detto preoccupato per l’episodio il presidente di Voice for Justice - il primo portale digitale in Pakistan creato per fornire assistenza legale a tutti - Joseph Jansen, che ha chiesto un’azione rigorosa contro i colpevoli: “La persecuzione delle minoranze religiose deve essere frenata il prima possibile - ha aggiunto Jansen - e le autorità dovrebbero adottare misure efficaci per garantire la loro sicurezza all’interno della società e non farli essere cittadini di ‘Serie B’. Anche perché stanno aumentando in modo allarmante questo tipo di violenze contro ragazze e donne cristiane”. Anche l’attivista per i diritti delle donne Nadia Stephen sottolinea che “le donne e le ragazze appartenenti alle minoranze religiose non dovrebbero essere sottoposte a rapimenti, stupri e omicidi semplicemente perché si rifiutano di abbandonare la loro religione”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

04/07/2023
2202/2024
Cattedra di S. Pietro

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

Storie di conversioni

«L’opposto del peccato di superbia è l’obbedienza» dice a ragione Ziberna « il diavolo lavorava proprio contro l’obbedienza totale, indefessa di Santa Veronica, che ne rivela la grande e preziosa umiltà. Gesù è stato per primo lui stesso obbediente e umile nell’accettare il volere di Dio».

Leggi tutto

Politica

Anche solo il nostro esistere

Il Popolo della Famiglia va avanti: 355 cittadini hanno sottoscritto la mia candidatura a deputato del collegio Roma 1, abbiamo avuto la forza organizzativa per fare la raccolta in una settimana, siamo l’unica organizzazione cristianamente ispirata in grado di fare questo nel campo politico. Non ci è piaciuto il governo gialloverde, ancora meno ci è piaciuto il governo giallorosso che candida nel collegio addirittura il ministro dell’Economia Roberto Gualtieri, quello che ha irriso la famiglia con uno stanziamento di venti volte inferiore a quello necessario e promesso. Se i cattolici hanno un minimo di spina dorsale e coerenza, non possono votare per lui. A chi, come noi, non ha gradito neanche le inesistenti politiche di bilancio a favore della famiglia del governo precedente, noi offriamo un’alternativa.

Leggi tutto

Chiesa

La Quaresima e le Chiese Stazionali

Nel nostro secolo intendiamo con stazione un luogo di sosta lungo un percorso. Nel mondo romano la terminologia relativa alla viabilità era specializzata con termini specifici come mansio, mutatio e, appunto, statio che è perdurato fino a noi. Per statio si intendeva per lo più un posto di guardia militare, dislocato lungo le vie e i confini dell’Impero, ma nelle fonti il suo uso si riscontra flessibile e riguarda anche funzioni amministrative o di semplice sosta e ristoro.

Leggi tutto

Chiesa

In Italia una fede “dubbiosa”

Presentata l’indagine sociologica “L’incerta fede” commissionata dalla Conferenza episcopale italiana a 25 anni da “La religiosità in Italia”. A Messa solo il 22 per cento (nel 1995 era il 31), ma tiene la preghiera personale. Scende il numero di chi crede ad una vita oltre la morte, dal 41 al 28 per cento

Leggi tutto

Chiesa

Vaticano: stop alle spese militari!

A Ginevra, alla Conferenza della revisione della CCW, monsignor Putzer esorta a proseguire ogni sforzo verso un disarmo generale

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco ricorda padre Richard

All’udienza generale Francesco ha ricordato il sacerdote congolese dell’Ordine dei Chierici Regolari Minori, “vittima di una violenza ingiustificabile e deprecabile”, ucciso lo scorso 2 febbraio nel Nord Kivu

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano