Storie

di Roberto Signori

Fai la mamma o lavori

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Battute a sfondo sessuale, un trasferimento e poi il licenziamento. E’ quello che è successo a una trentenne di Chivasso, nel Torinese, licenziata dopo avere riferito ai suoi datori di lavoro la volontà di sottoporsi alla fecondazione in vitro per diventare mamma. La dLa vicenda è stata ricostruita dal quotidiano La Stampa. La donna, Samantha G., fino a prima di comunicare il suo desiderio di diventare madre era considerata una lavoratrice modello. Ha fatto causa all’azienda contro il licenziamento. Il suo avvocato, Alexander Boraso, ha spiegato che alla sua assistita sarebbe stato contestato il superamento del totale delle assenze consentite per malattia. “Hanno sbagliato i calcoli”, ha aggiunto il legale, “nessun giorno di malattia è calcolabile se provocato dalla condotta del datore di lavoro”. Inoltre, nel computo delle assenze, sarebbero stati inseriti i giorni di ricovero per la fecondazione assistita e per l’aborto, che per legge non devono essere conteggiati. La donna, che era impiegata in un’azienda di idrotermosanitari, per lo stress avrebbe anche perso il bambino. Ora ha fatto causa contro l’azienda.

“Quello che mi ha fatto soffrire di più”, ha spiegato la donna, “è il comportamento di alcuni miei superiori, le loro battute i messaggi, quando quasi mi minacciavano dicendo: ‘Scegli se vuoi fare la mamma o mantenere il posto di lavoro’”. Samantha ha raccontato che il suo capo filiale sarebbe arrivato al punto da pubblicare sui social network una sua foto mentre era intenta a mangiare una brioche con sotto la scritta: “Mangia che poi che me ne importa?”. Non solo, le avrebbe anche detto: “Se il tuo compagno non ci riesce, ci penso io a metterti incinta”.

Il trasferimento e l’aborto Samantha sarebbe stata vittima per settimane di battute a sfondo sessuale. Quando si è sottoposta alla fecondazione in vitro, per non gravare sull’azienda ha preso un periodo di aspettativa e ha sfruttato le ferie arretrate. Però, al ritorno sul posto di lavoro le è stato comunicato il trasferimento nella sede di Torino, che dista 25 chilometri dalla sua casa. A causa dello stress, ha perso il bambino e ora è seguita da uno psicologo. Ora sull’accaduto dovrà decidere la sezione lavoro del tribunale di Ivrea.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

18/07/2023
1808/2023
Santa Elena

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

Ritrovarsi dopo aver perso un bambino

Uno dei più grossi problemi che le coppie si trovano a gestire in caso di morte di un figlio è l’afflusso di parole inutili.

Leggi tutto

Società

Una visione del mondo dal Patriarca Kirill

“La trasformazione sia del capitalismo che del marxismo in una parvenza di quasi-religione è ugualmente inaccettabile”, ha specificato il patriarca Kirill in un’intervista pubblicata martedì 26 ottobre 2021 sulla rivista Forbes (Francia).

Leggi tutto

Storie

Putin lancia l’operazione militare in Ucraina

La tanto temuta guerra in Ucraina è scoppiata. La Russia è entrata con le sue armate alle prime luci del giorno ed ha iniziato quella che Putin definisce un’operazione di difesa dei confini russi ed una reazione alla terribile strage di Odessa.

Leggi tutto

Società

Nigeria sull’orlo del precipizio

Lo Stato nigeriano sembra essere sull’orlo del collasso” afferma una dichiarazione sulle elezioni presidenziali e parlamentari che si terranno nel 2023 firmata dal Segretario Generale del Segretariato cattolico di Abuja, padre Zaccaria Samjumi; dal Direttore degli Affari pastorali, padre Michael Banjo; e dal Direttore della sezione Chiesa e Società, padre Uchechukwu Obodoechina.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco: valorizzare i santi della porta accanto

Papa Francesco riceve in udienza i partecipanti al Convegno su “La santità oggi”, organizzato dal Dicastero delle Cause dei Santi: “Santità è gioia, non rinunce, sforzi e musi lunghi. Un santo triste è un triste santo”

Leggi tutto

Società

SANREMO, 1988

Scorrevo l’elenco dei partecipanti al festival che si apre domani. Più della metà, totalmente sconosciuti. Sfido chiunque di voi senza googlare a citarmi un brano di Colla Zio, Mr Rain, Setu, Shari, Rosa Chemical, Will o Olly. Solo i nomi fanno capire lo stato di confusione mentale. Ospiti d’onore attesissimi sono i Maneskin, mentre Amadeus conduce con la Ferragni e Paola Egonu, quella che non fa una figlia in Italia per non farle avere quel che ha avuto lei, cioè montagne di soldi, fama e la conduzione di Sanremo pure se non capisce una mazza di musica italiana. Anzi, l’Italia non manca mai di insultarla raccontandola come un Paese razzista e ovviamente omofobo.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano