Politica

di la redazione

Minacce alla consigliera anti-Islam

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

«Giuro che ti decapitiamo», «Ti aspettiamo sotto casa tua», «Molestiamo tuo figlio», «Devi bruciare». «Sono alcune delle minacce di morte tra i tanti insulti che ho ricevuto negli ultimi giorni sui social network. Provengono per la maggior parte da giovani ragazzi di origine straniera e probabilmente di seconda generazione». La denuncia è di Silvia Sardone (nel tondo) eurodeputata della Lega, di nuovo nel mirino degli haters.

«Due le cause scatenanti - spiega la commissaria provinciale del Carroccio -: le minacce del trapper Baby Gang di qualche giorno fa e le mie posizioni sul velo islamico. Ovviamente non mi faccio intimorire da queste minacce, ci sono ormai abituata e negli anni ne ho denunciate tante agli organi competenti, da tempo ne ricevo per i miei interventi sull’islamizzazione dell’Europa, sulle moschee abusive, sul velo, sulle donne sottomesse per motivi religiosi». Un paio di settimane fa, infatti, Sardone e il vice presidente del Consiglio e segretario della Lega Matteo Salvini erano finiti nel mirino del trapper milanese, al secolo Zaccaria Mouhib, 22 anni e 2 milioni di follower, condannato a 4 anni e 10 mesi a gennaio per una serie di rapine quando era già in carcere per la sparatoria a Como, e scarcerato a marzo perché secondo il magistrato «ha intrapreso un serio processo di rielaborazione dei propri trascorsi criminosi». «La vostra vita in questa terra non ha senso, dovete morire» aveva scritto in risposta a un video in cui l’eurodeputata, esaminando i disordini in Francia, spiegava che all’origine delle violenze non c’era l’uccisione del diciassettenne Nahel da parte di un poliziotto, ma il fatto che non fosse stato fatto nulla per arginare immigrazione e islamizzazione in Francia. O meglio che «assistiamo alle seconde generazioni islamiche che alzano la testa per ribellarsi con odio verso una cultura occidentale che noi dobbiamo assolutamente difendere».

«Questa volta si è aggiunto anche un odio nato dal sostegno di tanti giovani verso il “cattivo maestro” Baby Gang e le sue farneticanti accuse. Non sono metodi che possono mettermi paura - assicura -. Continuerò a dire chiaramente che il velo islamico non è simbolo di libertà ma di sottomissione, che le moschee abusive vanno chiuse, che l’islamizzazione in Europa è un pericolo, che anche nelle nostre periferie si stanno creando ghetti che, possono diventare simili ad alcune aree di Francia e Belgio». Questo finché si tratta di sé, ma a preoccupare Sardone è l’incolumità dei due figli, che conoscono le minacce indirizzate alla madre. «È stato mio figlio, tramite la segnalazione di un amico, ad avvertirmi del video di Baby Gang perchè l’ha visto sui social.

«Questa volta si è aggiunto anche un odio nato dal sostegno di tanti giovani verso il “cattivo maestro” Baby Gang e le sue farneticanti accuse. Non sono metodi che possono mettermi paura - assicura -. Continuerò a dire chiaramente che il velo islamico non è simbolo di libertà ma di sottomissione, che le moschee abusive vanno chiuse, che l’islamizzazione in Europa è un pericolo, che anche nelle nostre periferie si stanno creando ghetti che, possono diventare simili ad alcune aree di Francia e Belgio». Questo finché si tratta di sé, ma a preoccupare Sardone è l’incolumità dei due figli, che conoscono le minacce indirizzate alla madre. «È stato mio figlio, tramite la segnalazione di un amico, ad avvertirmi del video di Baby Gang perchè l’ha visto sui social.
Non solo, oggi mi ha chiesto se qualcuno lo guarda all’uscita di scuola».

L’europarlamentare ha annunciato che anche questa volta farà denuncia, ma con scarsa fiducia negli esiti: «Sono denunce articolate e complesse che richiedono un paio di giorni di lavoro - spiega - e che finiscono spesso nel nulla, finchè un giorno non succederà un fatto…

Per una era stata proposta l’archiviazione, perchè l’autore delle minacce si era detto pentito e mi sono dovuta opporre. Colpisce il senso di impunità di questi ragazzi di seconda generazione che alimentano l’odio verso chi difende i nostri valori, la libertà e la rivendicazione di voler vivere “all’occidentale”».

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

21/07/2023
2502/2024
San Tarasio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Scuola, Appendino ideologica e autoritaria

L’assessore alla Scuola Federica Patti, per cercare di limitare il clamore suscitato dalla decisione della giunta – quella di spezzare le reni agli istituti paritari – ha rilasciato un’intervista a Paola Pintus che appare la classica toppa peggiore dello strappo. Patti si esibisce allora in una serie di omissioni e di manipolazioni della legge Berlinguer 62/2000 che solo alla disonestà o all’impreparazione può attribuirsi

Leggi tutto

Politica

Gli italiani ed il Ministero della Pace

Questa curiosa scelta ( ma molto significativa) risulta da un sondaggio commissionato dalla Comunità Papa Giovanni XXIII e realizzato da Demetra.

Leggi tutto

Politica

VALUTAZIONI POLITICHE SU VERONA

Finalmente si può parlare del Congresso di Verona potendo commentare le parole effettivamente pronunciate, lasciando da parte i sentito dire, ed è un bel sollievo: basta dietrologie e spazio alla valutazioni su quanto si è affermato.  Il Popolo della Famiglia come si sa non partecipa al Congresso di Verona proprio per il legame evidente e troppo stretto che si è voluto creare con un governo la cui azione è giudicata molto negativamente

Leggi tutto

Storie

A tu per tu con Rosaria Radaelli

L’ostetrica Rosaria Radaelli ci parla della sua professione.

Leggi tutto

Media

IL CORRIERE DELLA SERA DA BOBBIO A FEDEZ

Quando una volta i politici dovevano formarsi e studiare, lo facevano sui libri di Bobbio. Ancora oggi non sono in grado di fornire una distinzione più chiara e lucida di destra e di sinistra di quella regalataci nel piccolo ma fondamentale libro del pensatore piemontese intitolato appunto: “Destra e sinistra”. Oggi non si legge più, meno che mai testi di filosofia della politica. Chi avesse interesse a farlo parta da quel libro.

Leggi tutto

Politica

E ORA? CINQUE ATTI PER VINCERE ANCORA

Il ddl Zan ha perso tra l’applauso del Senato, di quella parte della politica fiera di aver seguito la battaglia de Il Popolo della Famiglia ed aver salvato l’Italia da una legge violenta e liberticida. Avremmo tutti applaudito con vigore se fossimo stati li in quel momento.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano