{if 0 != 1 AND 0 != 7 AND 0 != 8 AND 'n' == 'n'} MICHELA MURGIA E IL CONFLITTO DECISIVO

Società

di Mario Adinolfi

MICHELA MURGIA E IL CONFLITTO DECISIVO

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Michela Murgia (come Saviano) ha il pregio della chiarezza: vuole la fine della famiglia che chiama “tradizionale”, per lei è “tossica e patriarcale”, appartiene all’era “mesozoica”, dunque vive il matrimonio con un uomo a cui è costretta da non meglio precisate ragioni legali come evento luttuoso, per il quale non bisogna farle gli auguri. Punta piuttosto a forme evidentemente considerate più “moderne” di tutela d’ogni aggregato affettivo, avendo orrore del concetto di coppia e persino del numero due, da travolgere con la paradisiaca famiglia “queer” poliamorosa e in cui tutti sono un po’ amanti, un po’ genitori, un po’ figli (d’anima, guai a pretendere steccati biologici). Io sto con l’art. 29 della Costituzione: famiglia è società naturale fondata sul matrimonio. Che in Italia è tra uomo e donna, responsabili dei figli che eventualmente mettono al mondo. Ripeto, Michela Murgia ha il pregio della chiarezza, non si nasconde. Il contrasto che propone non è sanabile, non è riducibile: o vince lei o abbiamo ragione noi. Sappiamo da tempo che il conflitto decisivo sarà sulla domanda fondamentale: cos’è una famiglia? La risposta della Costituzione italiana è chiarissima. Il modo con cui la Murgia vuole travolgerla anche. Ora scegliete. Con attenzione, perché è chiaro che la famiglia naturale è infinitamente più impegnativa di un aggregato queer dove ci si scambiano in tanti molte parti in commedia e da cui dunque è semplicissimo sfilarsi. Per varie ragioni ora Michela Murgia viene acclamata per qualsiasi cosa dica o faccia. Ma il post accigliato e luttuoso con cui ha annunciato il suo matrimonio spiega quanto veleno e rabbia stia mettendo in questa cruciale battaglia, quanto odio vero e proprio abbia per l’istituto verso il quale si è piegata, a suo dire costretta dalle circostanze. Ecco, non dimentichiamolo quest’odio perché la Murgia ha il pregio di esporcelo chiaramente. Altri, più ipocriti, usano il mantra “a voi cosa cambia”. Michela Murgia sa bene cosa propone e cosa cambia. O la famiglia naturale o la “famiglia queer”. Delle due solo una starà in piedi. Per quale modello intendete battervi?

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

22/07/2023
2202/2024
Cattedra di S. Pietro

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Il fallimento delle unioni civili

Credo che i Family Day abbiano ottenuto concretamente lo stralcio della stepchild adoption, lo stop alla legalizzazione di fatto dell’utero in affitto e abbiano anche reso evidente la presenza di un popolo pronto a dare battaglia politicamente, cosa che si è verificata poi con la nascita del Popolo della Famiglia. Le manifestazioni Lgbt hanno portato a casa una brutta legge che non piace neanche a chi si è battuto per averla, peraltro con una mancanza di soggettività politica reale. Sbaglierò ma vedo il mondo Lgbt frastagliato in mille sigle e siglette tra loro anche in conflitto aspro. Esiste poi una dimensione lobbistica in cui invece credo che siete un passo avanti a noi.

Leggi tutto

Politica

NON È UN CASO, È IDEOLOGIA

Non è un caso che il ministro Azzolina stia deliberatamente agendo per escludere le scuole paritarie (in maggioranza cattoliche) dal sostegno che viene riconosciuto invece a qualsiasi altro settore in difficoltà e per questo la metà delle scuole cattoliche a settembre non riaprirà. Non è un caso che una circolare del ministero dell’Interno per giorni abbia obbligato i cattolici italiani a non poter entrare in una chiesa (da singoli, per dire una preghiera magari per un caro defunto) sé quella chiesa non si trovava “sul tragitto” verso un’altra attività considerata essenziale, tipo andare dal tabaccaio. Non è un caso che settori del governo abbiano provato a pretendere la chiusura totale delle chiese, a cui alcune diocesi s’erano persino acconciate prima che la voce ferma di Papa Francesco richiamasse tutti a riaprirle subito con tanto di camminata solitaria del Pontefice per andare a pregare davanti al crocifisso di San Marcello a via del Corso a Roma. Non è un caso che sia stata vietata ogni manifestazione pubblica “cum populo” di natura religiosa per la Pasqua. Non è un caso che si sia addirittura arrivati a vedere l’irruzione e il tentativo di interruzione di una messa da parte della forza pubblica. Non è un caso che nel corso della conferenza stampa Conte abbia accennato a contrasti che evidentemente ci sono stati anche in seno alla task force di Colao e al comitato scientifico sulla riapertura delle messe da lasciare “sine die”, evidentemente delle forze hanno agito con determinazione per ottenere questo obiettivo. Non è un caso, è ideologia.

Leggi tutto

Politica

DIRITTI SOCIALI vs I FALSI DIRITTI CIVILI

Eccoci qua, ennesima domenica elettorale per il Popolo della Famiglia, che cade nell’anniversario del nostro incontro del 17 ottobre 2018 con Papa Francesco in San Pietro: urne aperte a Torino per cercare l’impresa di dare alla città il primo sindaco non di sinistra da quando esiste l’elezione diretta, siamo schierati anche a Spoleto e a San Benedetto del Tronto con analoga aspettativa.

Leggi tutto

Politica

Eutanasia come ddl Zan

Mario Adinolfi: Eutanasia? “Tutto rinviato a fine febbraio. Ecco un altro ddl Zan abbattuto senza fare neanche troppa fatica.

Leggi tutto

Storie

Per chi tifano i politici italiani?

Politici e calcio: ecco per chi si tifa nel governo e nel parlamento.

Leggi tutto

Politica

Adinolfi candidato a sindaco di Ventotene

Ripopolare l’isola sperimentando il reddito di maternità”. E’ questo l’obiettivo del Popolo della famiglia che, dopo aver presentato le sue liste di ispirazione cristiana nei comuni capoluogo in vista delle amministrative del 12 giugno prossimo, scende in campo a Ventotene con la candidatura a sindaco del presidente nazionale del movimento Mario Adinolfi.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano