Storie

di Nathan Algren

Bangladesh: il primo missionario del Pime della diocesi di Dinajpur

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Il 28 luglio la diocesi di Dinajpur ha avuto la gioia di vedere uno dei propri figli diventare il primo missionario locale del Pime. Il diacono Sukhen Dulal Tigga è stato ordinato sacerdote dal vescovo mons. Sebastian Tudu. Il rito dell’ordinazione si è tenuto nella Cattedrale di San Francesco Saverio, alla presenza di circa 1000 fedeli, tra cui un buon numero di sacerdoti e suore. Ieri poi si è tenuta la Messa di ringraziamento celebrata dal neo-sacerdote p. Tigga nel suo villaggio a Rajarampur.

I missionari del Pime svolgono il loro apostolato in Bengala dal 1855. P. Tigga, che è di etnia oraon, diventa il settimo sacerdote del Pime originario di una delle diocesi del Bangladesh. Mons. Tudu si è congratulato con p. Dulal: “Dio onnipotente sceglie le persone per la sua opera – ha detto nell’omelia -. Anche p. Sukhen Dulal Tigga è stato scelto per predicare il Vangelo. Le esortiamo a essere un ottimo sacerdote e missionario”.

Il vescovo di Dinajpur ha detto di sentirsi orgoglioso per p. Tigga: “I missionari del Pime hanno dato un contributo enorme in questa diocesi e, ora, abbiamo un missionario del Pime proveniente dalla nostra diocesi. È un dono: rappresenterà la nostra diocesi nel mondo. Quindi anche i nostri fedeli staranno con lui quando andrà in qualsiasi Paese come missionario. Gli offriremo il nostro sostegno con la preghiera e con l’amore”, ha assicurato mons. Tudu.

Il nuovo sacerdote del Pime ha 32 anni: “Quando ero uno studente della scuola primaria a Suihari - ha raccontato ad AsiaNews - ho notato la vita dei missionari del Pime. La loro vita disinteressata mi ha attirato a diventare anch’io missionario. Così ho espresso il mio desiderio a p. Fabrizio Calegari”.

Dulal ha ricordato anche il grande merito della zia paterna, Nomita Tigga. “Essendo la nostra una famiglia povera, i nostri genitori non potevano provvedere alle nostre necessità quotidiane. Ma mia zia ha sostenuto le spese di studio di tutti noi fratelli. Non si è mai sposata, ha sacrificato la sua vita per noi e mi ha incoraggiato a diventare sacerdote. La sua vita semplice e dedicata agli altri è stata per me fonte di ispirazione”.

Dopo l’ordinazione sacerdotale p. Tigga tornerà in Italia dove svolgerà il suo primo servizio nell’animazione missionaria con i giovani. “Con i giovani italiani condividerò la mia testimonianza di fede”, ha spiegato.

Il Bangladesh è un Paese a maggioranza musulmana con 165 milioni di abitanti, dove i cristiani sono appena lo 0,3% della popolazione. I nonni di p. Tigga ricevettero il battesimo dai missionari del Pime, ora il suo percorso si muove in direzione opposta. “Una volta i sacerdoti italiani del Pime venivano da noi per predicare il Vangelo, ora andrò io da loro come missionario. Chiedo la vostra benedizione e la vostra preghiera”, ha concluso.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

31/07/2023
2902/2024
Sant'Augusto Chapdelaine martire

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Pedofilia “nemico carissimo” del nostro mondo. Intervista a Don Di Noto

Il noto sacerdote siciliano, fondatore e direttore dell’Associazione Meter, fa il punto sul rapporto ambiguo della nostra società con l’abuso infantile.Abbiamo paura dei bambini. E’ una società pedofobica, ha paura dei bambini. Li erotizza, li diseduca nel campo della sessualità. Fa di tutto per dimenticarsi dei bambini. Papa Francesco più volte ha ribadito che una società senza bambini è impossibile. Loro non hanno la doppiezza di noi adulti. Una società senza bambini, diceva ancora Francesco, è triste e grigia Il bambino ha il diritto di crescere secondo i tempi dettati dallo sviluppo naturale del suo copro legato a quello psichico, senza forzature esterne che lo portino a pensare e ad agire in un modo contrario a questo sviluppo. Altrimenti nel nome di un diritto del bambino da rispettare, gli si fa violenza.
Non è solo una convinzione, ma un dato di fatto: usare l’educazione sessuale per dominare un bambino è facilissimo ed è la massima violenza.

Leggi tutto

Storie

BANGLADESH - I cattolici celebrano i Giubilei

La Chiesa cattolica del Bangladesh celebra i 400 anni di fondazione del dicastero di “Propaganda Fide” (1622-2022) e i 200 anni di costituzione delle Pontificie Opere Missionarie (POM) (1822-2022), riconoscendo con gratitudine il contributo ricevuto dalla Santa Sede e dalle POM per la storia dell’evangelizzazione nel subcontinente indiano e nella vita della Chiesa cattolica in Bangladesh.

Leggi tutto

Chiesa

Papa: i 60 anni della facoltà di medicina del Sacro Cuore

Nel celebrare la Messa in occasione dei 60 anni della Facoltà di Medicina e Chirurgia all’Università Cattolica del Sacro Cuore, Francesco ricorda che per amare davvero Dio bisogna appassionarsi all’uomo che vive il dolore: condividere, sostenersi, andare avanti insieme “è il futuro della sanità cattolica”.

Leggi tutto

Storie

Suore di clausura aprono pagina Facebook ma la Santa Sede dice no

Suore di clausura commissariate perché troppo social. E allora, loro, si oppongono all’arrivo di una nuova madre superiora. Succede in Toscana, a Pienza. L’ultimatum è scaduto ma le 13 suore di clausura non ne vogliono sapere di accogliere una nuova donna alla guida del loro convento di clausura, prevista da un decreto della Santa sede. Il monastero coinvolto è quello di “Maria Tempio dello Spirito Santo” a Pienza (in provincia di Siena), come riporta la stampa locale, che ospita 13 suore benedettine di clausura.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco e la giornata di digiuno per l’Ucraina

“La Regina della Pace preservi il mondo dalla follia della guerra”: è l’invocazione accorata del Papa al termine dell’udienza generale in cui chiama a raccolta soprattutto i credenti perché dedichino la prima giornata di Quaresima al raccoglimento per il Paese europe

Leggi tutto

Storie

BANGLADESH: promesse non mantenute

La protesta pubblica di 500 rappresentanti delle minoranze religiose contro l’Awami League a quattro mesi dalle elezioni. Gli impegni presi nel 2018 per i loro diritti non sono stati trasformati in legge dal governo e anche per questo in molti continuano a lasciare il Paese. Il cattolico Nirmol Rozario: “Difendiamo la nostra esistenza”.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano