Politica

di Mario Adinolfi

O CAPIAMO (LA VERITÀ) O MORIAMO

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Ci rimproverano i toni troppo forti: “Hanno ragione ma hanno atteggiamenti millenaristici, sono spigolosi, spesso antipatici, urlano troppo, pensano di avere la verità in tasca”. Sono colpevole vostro onore, ho chiarissima la verità. E cioè che se continueremo a ammazzare i nostri bimbi nascituri, a massacrare la famiglia che è alveo naturale della società tutta intera, a mettere nel mirino anziani, addolorati e disabili per eliminarli fingendo che siano loro a chiederlo, se consentiremo agli adolescenti di curare i loro disagi (figli in realtà di famiglie scombinate e adulti irresponsabili) praticando la transizione sessuale o anche solo proclamandosi a scuola di un genere diverso (carriere alias), se continueremo a dire sfacciatamente che maschi e femmine sono uguali con la conseguente cancellazione delle specificità tra cui quelle del ruolo paterno e del ruolo materno (entrambi necessari), se renderemo legale ogni mercificazione da quella del corpo della donna a quella delle droghe stordenti e, più in generale, se permetteremo al caos irrazionale di prendere ancora più piede nel nostro già fragilissimo mondo, ciò che ci aspetta è una deriva infernale che farà soffrire maledettamente tutti, già le tracce sono visibilissime in una società disperata che non vede futuro, non crede a niente e aspetta la morte facendosi sorreggere da alcool, sostanze stupefacenti e psicofarmaci. Per questo non possiamo che usare toni forti, non si può sussurrare timidamente: o capiamo (la verità) o moriamo. Non c’è modo di dirlo simpaticamente o cercando complici, ammiccando. Ma nella nostra lotta c’è l’indicazione di una strada diversa e possibile. Percorriamola insieme, per guarire noi stessi e la società tutta intera.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

04/09/2023
2502/2024
San Tarasio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Tutto quello che non sapete sulla pillola dei 5 giorni dopo

Una donna che faccia uso prolungato della pillola estroprogestinica deve aspettarsi di abortire, statisticamente, almeno una volta ogni dieci anni. Il campione di utenti attualmente rilevato, quanto alla pillola “d’emergenza” dei 5 giorni dopo, è di sole 35 donne. Le donne che fanno ricorso alla contraccezione d’emergenza intesa come pillola del giorno dopo, assumono una dose ormonale pari a 400 vecchie pillole

Leggi tutto

Società

Parla Hadjadj: «La società del comfort totale è suicidaria»

Il problema sta nel clima spirituale della nostra epoca, intessuto di un superbo efficientismo.

Leggi tutto

Politica

Sul tema del voto dei cattolici

La questione che io pongo, però, è: se tutti si trovano concordi sulla necessità di questa benedetta “spinta dal basso”, perché nessuno si adopera per organizzarla sul serio? Guardate, sarei curioso persino di vedere all’opera i nuovi comitati civici “escludenti” di Fontana, sono convinto che sarebbero però più efficaci le “sardine bianche” in qualche modo evocate dalla Morresi, ma ormai mi sta bene tutto, purché io veda i cattolici fare qualcosa di politicamente decente e non solo lamentarsi fino alla prossima sconfitta, quando si lamenteranno di nuovo e ancora di più.

Leggi tutto

Società

OSTIA, FESTA DELLA VAGINA E CONCERTO DEL ‘BOSS’:  QUANDO GOVERNA LA POLITICA DEL RELATIVISMO

Scendono in campo le chiese di fronte all’ imbarazzante silenzio della politica locale, Nicola Di Matteo Popolo della Famiglia-democrazia cristiana: “deriva ideologica: vigileremo con Fabiola Cenciotti”.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco: “Non si volti la testa di fronte ai deboli”

Il Papa, nella Messa per la V Giornata mondiale dei poveri, celebrata nella Basilica di San Pietro, chiama i cristiani ad essere convertitori di bene

Leggi tutto

Politica

Referendum eutanasia e cannabis , Draghi: “Il Governo non si opporrà

Il Governo dei “migliori” si mostra ancora una volta lontano dal rispetto di libertà, vita e famiglie. Infatti Il presidente del Consiglio Mario Draghi ha fatto sapere che il Governo non si costituirà contro l’ammissibilità dei referendum sulla legalizzazione della cannabis e sull’eutanasia.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano