Storie

di Jack Harper

Unimusic: dal 10 settembre a Napoli la 5ª edizione

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

La Nuova Orchestra Scarlatti, che a marzo 2023 ha compiuto 30 anni, torna ad animare il Cortile delle Statue, la Chiesa di San Marcellino e Festo, i Musei scientifici della Università di Napoli Federico II con un mix di grande musica, talenti emergenti ed eccellenze campane: inizierà il 10 settembre la quinta edizione di Unimusic, il festival della musica e della cultura ideato e realizzato dalla Nuova Orchestra Scarlatti in partnership con l’ateneo napoletano.

Si parte domenica 10 settembre nel Cortile delle Statue dell’Università (Via Paladino 39, ore 18.30), con il “Concerto sinfonico dell’Orchestra Scarlatti Junior”; musiche di Mozart, Beethoven, Sibelius e altro ancora; direttore Gaetano Russo.
Lunedì 11 settembre, nella Chiesa dei SS. Marcellino e Festo (Largo San Marcellino 10, ore 20.00), “Le Stagioni di Vivaldi e Piazzolla” con la N.O.S., il violinista Francesco De Angelis e la violinista Daniela Cammarano.
Mercoledì 13 settembre al Cortile delle Statue (ore 20.00) “Ricordando Bosso”: concerto per violino, archi e timpani e altri brani originali di Ezio Bosso, popolare musicista prematuramente scomparso nel 2020; violino solista David Romano, direttore Carlo Rizzari.
Domenica 17 settembre, Cortile delle Statue (ore 20.00), con anteprima il 16 settembre al Teatro Partenio di Avellino, “Dentro il Barbiere” con Giacinta Nicotra (Rosina), Gaetano Amore (il Conte d’Almaviva), Juan Possidente (Figaro), dirige Massimo Testa.
Giovedì 21 settembre (Cortile delle Statue ore 20.00), con replica il 24 settembre al Teatro Di Costanzo-Mattiello di Pompei, “Dentro Rigoletto” con Carmela Osato (Gilda), Stefano Sorrentino (il Duca), Juan Possidente (Rigoletto).
Mercoledì 27 settembre (Cortile delle Statue ore 20.00), la N.O.S. & I Virtuosi di San Martino in un programma spaziante dal Musikalischer Spass di Mozart a una selezione dell’inedita Opera da Tre Euro (testi di Roberto del Gaudio, musica di Federico Odling), con la N.O.S. diretta da Marco Attura.
La rassegna chiude venerdì 29 settembre (Cortile delle Statue ore 20.00) con “Le Quattro Giornate di Napoli”, coreografie di ArtGarage e musica della Nuova Orchestra Scarlatti diretta da Giuseppe Galiano.
In cartellone anche tre appuntamenti realizzati in collaborazione con il Centro Musei delle Scienze Naturali e Fisiche della Federico II: matinée musicali per tutte le età (ore 11.00, ingresso gratuito) che animeranno i percorsi dei Musei di Mineralogia (12 settembre), Zoologia (20 settembre), Paleontologia (26 settembre),

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

06/09/2023
2102/2024
Sant'Eleuterio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Papa Francesco all’Unesco scrive di pace

In occasione dei 75 anni dalla nascita dell’agenzia delle Nazioni Unite, Francesco in un videomessaggio ne sottolinea il comune servizio alla pace e alla solidarietà, allo sviluppo della persona e alla tutela del patrimonio culturale.

Leggi tutto

Storie

Napoli, 12enne aggredito da un coetaneo

Il medico si è detto «estremamente preoccupato» da una serie di fenomeni «aggressivi post covid», sostiene. «Non passa giorno senza che ci vengano segnalati episodi di violenza tra e verso ragazzini spesso anche con meno di 10 anni. Una violenza senza precedenti», fa sapere il consigliere regionale di Europa verde Francesco Emilio Borrelli.

Leggi tutto

Politica

Rula Jebreal usa Sanremo per insultare Salvini

Durante il festival di Sanremo 2023 è arrivata pure una fragorosa stonata di Rula Jebreal. La giornalista palestinese ha “steccato” sui social proprio mentre stava per iniziare la seconda serata della kermesse canora. Come? Con una sonora invettiva contro Matteo Salvini. Solito spartito e solita musica, certo: quando si tratta di attaccare il leader leghista, l’ex collaboratrice di Michele Santoro attinge a un ampio repertorio. Ma in questo caso la bordata anti-Salvini è stata riferita un’affermazione del ministro propro sullo spettacolo al teatro Ariston.

Leggi tutto

Media

Sotto le mura di Gerusalemme

Demonizzati, “diversi” perché espatriati, rinchiusi in lembi di terra martoriata. Agli occhi degli occidentali i palestinesi sono sempre apparsi nel tumulto degli eventi, in una dimensione di lotta, di resistenza attiva, se non di vera e propria guerra. Questo movimento convulso, però, si quieta nelle fotografie di Tano D’Amico che ne ritrae l’esistenza di tutti i giorni. Mentre da fuori incalza rabbiosa la storia, si ha l’impressione che i momenti di vita, catturati dagli scatti di Tano, possano durare l’attimo di un sospiro. Accompagnate da poesie di autori palestinesi, le foto che qui vengono proposte ci parlano della quotidianità, della bellezza e del dolore di un popolo, un dolore per troppo tempo rimasto inascoltato.

Leggi tutto

Chiesa

Diocesi: monsignor Nolè (Cosenza) e la fede dei padrini

Monsignor Francesco Nolè, arcivescovo di Cosenza-Bisignano, ha spiegato la scelta di sospendere ad experimentum per un triennio i padrini e le madrine nella diocesi bruzia per le celebrazioni del sacramento della Cresima.

Leggi tutto

Chiesa

La statua della Vergine della Medaglia Miracolosa arriva in Campania

Il pellegrinaggio ha ora un orizzonte più vasto: si guarda al 27 novembre 2030, quando si celebrerà il duecentesimo anniversario dell’incontro tra la Beata Vergine Maria e S. Caterina Labourè. Era la notte tra il 18 e il 19 luglio 1830 quando Caterina Labouré, una giovane Figlia della Carità di San Vincenzo de’ Paoli, vide la Santa Vergine con cui ebbe un lungo incontro. Tra le parole della Santa Vergine: “I tempi sono molto tristi. Disgrazie verranno ad abbattersi sulla Francia. Il mondo intero sarà sconvolto da calamità di ogni genere. Ma tu vieni ai piedi di questo altare, qui le grazie saranno sparse su tutte le persone che le chiederanno con confidenza e fervore… ho sempre vegliato su di voi”. Ancora il 27 novembre 1830 Caterina Labouré vide la Santa Vergine con un piccolo globo, che rappresenta l’umanità, tra le mani; ne contemplò la bellezza e accolse la missione di far coniare una Medaglia: “le persone che la porteranno riceveranno grandi grazie!”.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano