Società

di Mario Adinolfi

GRAMELLINI SARÀ CONTENTO

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Massimo Gramellini, comodo nel doppio mastodontico stipendio CorSera-Rai, se l’è presa con la gente del Quarticciolo che ha dato qualche sganassone a un trentenne indiano che aveva appena scippato Gina, la sarta novantenne del quartiere. Da bravo borghese impannucciato ha fatto la predica alla reazione degli otto (tra i quali due donne) che hanno punito un vile che se l’era presa con un’anziana per farsi di crack, visto che le forze dell’ordine quel quartiere lo disertano. Tutti i giornali hanno usato nei titoli la parola “linciaggio”. Leggo sul dizionario che la parola linciaggio significa “esecuzione sommaria operata dal furore della folla”. Comunico ai caporedattore di tutti i giornali e a Gramellini che mi sono fatto cronista al posto loro. Al Pronto Soccorso ha avuto un giorno di prognosi. Un giorno, capito? Dov’è il linciaggio? Poi lui, clandestino e scippatore di una novantenne, ha denunciato chi gli ha tirato qualche schiaffo. Il processo per direttissima per lo scippo si farà il 3 novembre. L’immigrato ha già fatto perdere le sue tracce. Mi chiedo con quale coraggio si può fare la predica, dati questi fatti, ai denunciati del Quarticciolo. Che il processo, a differenza dell’indiano che s’è fatto di nebbia, il processo dovranno subirlo. Non hanno linciato nessuno, hanno fatto supplenza ad uno Stato assente rendendo giustizia e refurtiva ad una anziana novantenne a cui vogliono bene. Dovranno pure pagarsi l’avvocato. Gramellini sarà contento.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

11/09/2023
2306/2024
San Giuseppe Cafasso

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Io quasi quasi andrei

Quarant’anni sono passati e il ricordo di Bachelet è scolorito eppure uccidere il vicepresidente del Csm fu un’impresa terroristica di altissimo livello, forse seconda per importanza istituzionale dell’obiettivo solo al sequestro e all’uccisione di Aldo Moro. L’obiettivo dei terroristi erano i cattolici impegnati in politica, un mese prima a Palermo era stato ucciso il presidente democristiano della Regione Sicilia, Piersanti Mattarella. Anna Laura Braghetti aveva partecipato all’assalto alla sede della Democrazia Cristiana di Roma in piazza Nicosia, uccidendo gli agenti Antonio Mea e Pierino Ollanu. Bruno Seghetti, che aveva già gambizzato l’esponente della Dc romana Publio Fiori e il direttore cattolico del Tg1 Emilio Rossi, sarebbe stato arrestato il 19 maggio 1980 dopo aver ucciso il 49enne assessore democristiano alla Regione Campania, Pino Amato. Era la mattanza dei cattolici, ma non se ne conserva memoria, gli stessi cattolici impegnati in politica faticano a ricordarsene. E magari stanziano centinaia di migliaia di euro per celebrare il centenario del Partito comunista italiano, come se il brigatismo rosso non appartenesse a quell’album di famiglia.

Leggi tutto

Politica

PER UNA SERIE CAOTICA, TUMULTUOSA E EMOZIONANTE DI RAGIONI

Sulla stessa prima pagina su cui oggi Antonio Polito ha scritto ogni genere d’insulto ai danni di chi si batte contro l’aborto (“destra texana illiberale”), il 19.1.1975 Pier Paolo Pasolini scriveva: “Sono contro l’aborto. Sono traumatizzato, è la legalizzazione dell’omicidio”. In pratica, le stesse parole di Papa Francesco.

Leggi tutto

Politica

Il mondo che verrà

Che triste vita che preparano per chi verrà. Al concepimento subito ti mettono un revolver in testa e ti dicono: “Spara”. Hanno deciso la roulette russa negando il diritto alla vita a un bambino su 6. Se riesci a nascere hai fatto già incazzare gli ambientalisti, secondo i quali dovremmo essere sempre di meno e ogni nuova maternità avvelena la Terra, come pure i bioeticisti alla Peter Singer (Università di Princeton) che scruteranno bene che tu non abbia difetti fisici altrimenti sono pronti a sopprimerti anche post partum “ma entro due settimane dalla nascita altrimenti i genitori si affezionano pure ai figli difettati”

Leggi tutto

Politica

Il PDF in piazza per la Costituzione

Nicola di Matteo sottolinea quanto sia importante intervenire sul caro vita, il rincaro bollette e soprattutto sui provvedimenti restrittivi delle libertà costituzionali introdotti dall’autorità governativa con la motivazione dell’emergenza Covid. L’invito è quello di manifestare con il Popolo per protestare contro il governo Draghi il giorno 5 Marzo a Roma.

Leggi tutto

Politica

Adinolfi - “La senatrice grillina Maiorino rispetti gli avversari”

Mario Adinolfi: ““La senatrice grillina Maiorino rispetti gli avversari e si faccia fornire i dati dei sondaggi da Tusciaweb…”

Leggi tutto

Società

Adinolfi “Truffati sono infinità”

A Morning News il caso della truffatrice col sonnifero che ha agito indisturbata in provincia di Monza: ecco il commento di Mario Adinolfi

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano