Chiesa

di Tommaso Ciccotti

VATICANO - Il 16 settembre la benedizione della statua di sant’Andrea Taegon

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Una statua in marmo di Sant’Andrea Kim Taegon (1821-1846), il primo sacerdote e martire della Corea, sarà installata in una nicchia fuori dalla Basilica di San Pietro e benedetta il 16 settembre prossimo, giorno della “nascita al cielo” di Sant’Adrea. L’idea, sostenuta e promossa dalla Conferenza Episcopale della Corea, nata a conclusione delle celebrazioni per commemorare il 200° anno di nascita del santo e riunirà a Roma una folta delegazione di oltre 300 membri della Chiesa coreana che giungeranno in Vaticano per l’occasione, tra Vescovi, sacerdoti, religiose, suore, laici. I fedeli coreani saranno ricevuti da Papa Francesco per una udienza privata nella mattina del 16 settembre.

“Siamo stati molto felici del fatto che Papa Francesco abbia voluto accogliere la nostra proposta. E’ un grande onore per la nostra chiesa coreana, che è molto legata alla figura di questo santo. Crediamo e speriamo che possa essere sempre più amato e la sua intercessione invocata dai fedeli di tutto il mondo”, ha detto all’Agenzia Fides il Cardinale Lazzaro Heung-sik You, ex vescovo di Daejeon, oggi Prefetto del Dicastero Vaticano per il clero che presiederà la santa messa che sarà celebrata, in lingua coreana, nella Basilica di san Pietro alle ore 15,00 di sabato 16 settembre, con l’assemblea dei fedeli giunti dalla Corea. Alle 16,30, con il Cardinale Mauro Gambetti, Arciprete della Basilica, vi sarà la solenne benedizione e inaugurazione della statua del santo coreano.
Alta quasi 4 metri e del peso di circa 6 tonnellate, l’opera è stata realizzata in marmo di Carrara dallo scultore coreano Han Jin-Sub, che ha lavorato con l’artista italiano Nicolas Stagetti nella cittadina di Pietrasanta, in Versilia, considerata la “capitale internazionale della scultura”. “Dopo aver ricevuto l’incarico dalla Santa Sede – ha raccontato Han Jin-Sub – ho cercato informazioni per creare l’immagine. Ho presentato diversi bozzetti e la Santa Sede ha scelto la versione in cui Sant’Andrea si mostra con le braccia aperte, in tradizionali vesti coreane”.
Del numero globale di martiri coreani, che viene calcolato intorno a diecimila, è conosciuto e documentato il martirio di 103 fedeli, il primo dei quali è Andrea Kim Taegon. Nato nel 1821 da una famiglia di cristiani convertiti, Andrea Kim fu battezzato all’età di 15 anni. Studiò in un seminario a Macao e fu ordinato sacerdote nel 1845, divenendo il primo sacerdote cattolico coreano. Fu arrestato e perseguitato per i suoi sforzi di evangelizzazione durante il governo della fedele dinastia Joseon e venne giustiziato con decapitazione il 16 settembre del 1846, all’età di 25 anni. Papa Giovanni Paolo II ha canonizzato 103 martiri coreani, tra i quali Andrea Kim Taegon durante la sua visita in Corea del Sud nel 1984. Tra i martiri coreani vi sono anche dieci missionari francesi, dei padri delle “Missioni Estere di Parigi”.
Il 24 maggio scorso, Papa Francesco , nel corso della catechesi dell’Udienza generale, riprendendo il ciclo dei testimoni esemplari che insegnano lo zelo apostolico ha detto: “Guardiamo al martire e primo sacerdote coreano Sant’Andrea Kim Tae-gon. L’evangelizzazione della Corea è stata fatta dai laici, non c’erano preti, noi saremo capaci di una cosa del genere? Circa 200 anni fa, la terra coreana fu teatro di una persecuzione severissima della fede cristiana. Credere in Gesù Cristo, nella Corea di quell’epoca, voleva dire essere pronti a dare testimonianza fino alla morte”. “Il cristiano è per sua natura testimone di Gesù. Sant’Andrea Kim e gli altri fedeli coreani hanno dimostrato che la testimonianza del Vangelo data in tempo di persecuzione può portare molti frutti per la fede”, ha detto il Papa.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

12/09/2023
2102/2024
Sant'Eleuterio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Papa Francesco: “Avviamo nuovo processo di costruzione di memoria collettiva”

Insisto “sull’importanza di un maggior impegno da parte di tutta la Comunità ecclesiale, ed in particolare della Santa Sede, verso la custodia della nostra memoria per immagini”. Lo ribadisce il Papa nel messaggio alla Fondazione Memorie Audiovisive del Cattolicesimo.

Leggi tutto

Chiesa

Mafia, 30 anni fa l’anatema di Papa Wojtyla

« Quel che disse il Papa ebbe un effetto deflagrante e io sono convinto che la mafia con gli attentati a San Giovanni in Laterano e San Giorgio al Velabro volle vendicarsi delle parole pronunciate dal Pontefice nella Valle dei Templi». A 30 anni dall’anatema contro i mafiosi lanciato da ad Agrigento, monsignor Carmelo Ferraro, che il 9 maggio del 1993 era vescovo della città

Leggi tutto

Storie

Bangladesh - Salvato un bambino vittima del traffico di vite umane

Md. Siddique, di soli tre anni, era stato adescato con l’inganno e venduto a una famiglia senza figli. La gioia del padre dopo il ritrovamento, avvenuto a oltre tre settimane dal sequestro. Arrestati i suoi rapitori, l’intermediario e la coppia. Un fenomeno crescente in Bangladesh.

Leggi tutto

Storie

Giovane cristiano pachistano condannato a morte

La protesta dell’avvocato: contenuti trovati sul telefono, in quattro anni non sono riusciti a provare il reato. Le false accuse di blasfemia contro le minoranze religiose in Pakistan sono spesso avanzate per risolvere vendette personali, dispute di proprietà, pregiudizi religiosi o rivalità commerciali.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco, controlli regolari

Prosegue regolarmente il decorso post operatorio di Papa Francesco, ricoverato al Policlinico Gemelli

Leggi tutto

Chiesa

Ostia Lido - Madonna dell’Attesa

Collocazione statua Maria dei Gigli - Madonna dell’Attesa presso giardino chiesa del borghetto dei pescatori, Ostia Lido

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano