Politica

di Giuseppe Udinov

Santa Sede all’Onu: radicare i diritti umani nella dignità della persona

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Va rafforzato il radicamento dei diritti umani “nella dignità comune e inalienabile della persona umana”, perchè rende la promozione dei diritti umani stessi “una fonte di unità, invece di cadere preda dell’individualismo egoistico e della divisione”. Questo perché non mancano le pressioni “per reinterpretare i fondamenti” della Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo “e per comprometterne l’unità interna, in modo da facilitare l’allontanamento dalla tutela della dignità umana verso la soddisfazione di semplici interessi, spesso particolari”, come Benedetto XVI denunciava all’Assemblea della Nazioni Unite il 18 aprile del 2008. È l’invito dell’arcivescovo Ettore Balestrero, nuovo osservatore permanente della Santa Sede presso l’Ufficio delle Nazioni Unite ed Istituzioni Specializzate a Ginevra (nominato da Papa Francesco il 21 giugno), nel suo intervento di oggi, 13 settembre, all’ “Item 2” del Dibattito generale alla 54.ma sessione del Consiglio per i diritti umani.

Dopo aver ricordato che nel corso del 2023, la comunità internazionale e il Consiglio celebreranno il 75.mo anniversario dell’adozione della Dichiarazione universale, l’arcivescovo genovese ha sottolineato che “i diritti umani non sono semplicemente un privilegio concesso agli individui dal consenso della comunità internazionale”. Rappresentano piuttosto “quei valori oggettivi e senza tempo che sono essenziali per lo sviluppo della persona umana”.

Ciò significa che “anche se una società o la comunità internazionale rifiutassero di riconoscere uno o più diritti inclusi nella Dichiarazione, ciò non sminuirebbe la validità di quel diritto, né esimerebbe nessuno dal rispettarlo”. Ma anche che i cosiddetti “nuovi diritti” non acquisiscono legittimità “solo perché una maggioranza di individui o di Stati li afferma”. L’esempio più eclatante di questa errata concezione dei diritti, per Balestrero, “è rappresentato dai circa 73 milioni di vite umane innocenti che ogni anno vengono interrotte nel grembo materno, con il pretesto di un presunto ‘diritto all’aborto’ ”

.Guardando all’anniversario dell’adozione della storica Dichiarazione, l’osservatore permanente della Santa Sede ha sottolineato quanto sia tragico che “75 anni dopo molti dei nostri fratelli e sorelle soffrano ancora a causa della guerra, conflitti, carestie, pregiudizi e discriminazioni”. Ed ha lamentato la mancanza, troppo spesso, di quello “spirito di fraternità” al quale la comunità internazionale “si è impegnata in modo inequivocabile”, e denunciato che oggi, troppo spesso, “chiunque sia percepito come debole, povero o privo di ‘valore’ in base a determinate norme culturali viene ignorato, emarginato o addirittura considerato una minaccia da eliminare”. Per questo l’anniversario “offre un’importante occasione per riflettere su quei principi fondamentali che sono alla base della protezione dei diritti umani”

Per combattere la tendenza alla discriminazione ed emarginazione delle persone più vulnerabili, l’arcivescovo ha spiegato che “è essenziale adottare un’opzione preferenziale per i poveri e gli emarginati, per sostenere i loro diritti universali e consentire loro di prosperare e contribuire al bene comune”, come più volte chiesto da Papa Francesco nei suoi appelli a “combattere la cultura dell’usa e getta”. E ha concluso il suo intervento citando un passo dell’enciclica Fratelli tutti, nel quale il Pontefice invita ad impegnarsi “a vivere e insegnare il valore del rispetto per gli altri, un amore capace di accogliere le differenze, e la priorità della dignità di ogni essere umano rispetto alle sue idee, opinioni, pratiche e persino peccati”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

14/09/2023
2306/2024
San Giuseppe Cafasso

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Pedofilia “nemico carissimo” del nostro mondo. Intervista a Don Di Noto

Il noto sacerdote siciliano, fondatore e direttore dell’Associazione Meter, fa il punto sul rapporto ambiguo della nostra società con l’abuso infantile.Abbiamo paura dei bambini. E’ una società pedofobica, ha paura dei bambini. Li erotizza, li diseduca nel campo della sessualità. Fa di tutto per dimenticarsi dei bambini. Papa Francesco più volte ha ribadito che una società senza bambini è impossibile. Loro non hanno la doppiezza di noi adulti. Una società senza bambini, diceva ancora Francesco, è triste e grigia Il bambino ha il diritto di crescere secondo i tempi dettati dallo sviluppo naturale del suo copro legato a quello psichico, senza forzature esterne che lo portino a pensare e ad agire in un modo contrario a questo sviluppo. Altrimenti nel nome di un diritto del bambino da rispettare, gli si fa violenza.
Non è solo una convinzione, ma un dato di fatto: usare l’educazione sessuale per dominare un bambino è facilissimo ed è la massima violenza.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco trasferisce ai vescovi competenze riservate alla Santa Sede

Con un motu proprio Francesco ha stabilito che gli ordinari delle Chiese locali potranno intervenire in materia di gestione seminari, formazione sacerdotale, redazione di catechismi e in altri settori non chiedendo l’approvazione vaticana ma una più semplice conferma

Leggi tutto

Chiesa

Istruzione della Chiesa sulla scuola

Un passo determinante, che può aprire strade nuove a tutto campo.
La Congregazione per la Educazione Cattolica ha emanato una decisiva istruzione nella quale si afferma che è fondamentale che lo studente possa venire formato maturando in ogni cosa, anche nella cultura, alla luce della fede cristiana che liberamente ha scelto ed in altri distinti momenti possa vivere un così autentico scambio con chi forma o cresce alla luce di altre visuali.

Ad una prima lettura appare dunque un documento molto equilibrato che evita i due scogli dell’identitarismo chiuso in sé e dell’incontro omologante e svuotante, senza adeguato sviluppo delle identità.
Una pista che a mio parere si pone alla base di una società rinnovata a tutto campo, favorendo l’autentica maturazione delle persone e dunque anche una più viva democrazia.

Un percorso che può aprire anche ad un’uscita dalla cultura di fede e ragione, nella quale il falso svuotante tecnicismo può tornare ad imperare. Infatti una viva ricerca identitaria ed in altri momenti un autentico scambio possono favorire la ricerca di un vero, non intellettualistico, benessere integrale: la maturazione di ogni persona aiutata a trovare davvero, senza schematismi, moralismi, inutili sbrachi, sé stessa.

La formazione e l’informazione costituiscono le fondamenta di persone e di società davvero rinnovate. Un documento dunque di grande speranza.

Leggi tutto

Chiesa

Vaticano - Nominato il nuovo Superiore generale dei Camilliani

“Sono cosciente delle difficoltà e delle sfide che abbiamo ma sono anche cosciente delle nostre opportunità”. Si è rivolto con queste parole alla Consulta dei Ministri degli Infermi, MI, riuniti in occasione del LIX Capitolo generale padre Pedro Tramontin, eletto 61° Superiore generale dell’Ordine.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco in Kazakhstan come messaggero di pace

Papa - Una colomba con un ramo d’ulivo, le ali raffigurate come ali giunte. Il logo del viaggio di Papa Francesco in Kazakhstan si presenta così, mentre il motto è “Messaggeri di pace e unità”. Papa Francesco andrà in Kazakhstan dal 13 al 15 settembre, e parteciperà all’incontro per i Leader Mondiali delle Religioni di Nur Sultan.

Leggi tutto

Storie

Onu, boom nella coltivazione di oppio in Myanmar

Nel Myanmar guidato dalla giunta militare golpista, la coltivazione di oppio è aumentata del 33% lo scorso anno

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano