Storie

di Nathan Algren

Il viaggio di Missioni Don Bosco in India

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Dieci giorni di immersione totale nella realtà indiana e nei progetti in corso di Missioni Don Bosco. Partirà domani da Nuova Delhi il viaggio del presidente della Onlus Don Bosco, Don Daniel, che durante il quale visiterà diverse metropoli e centri rurali insieme con la reporter Ester Negro. Porterà testimonianza di una forte sensibilità salesiana ai problemi dello sviluppo in una Federazione che da sola costituisce un subcontinente e una delle potenze economiche emergenti nel mondo: ma che vive pesantemente i drammi della discriminazione e della povertà materiale di interi territori e di classi sociali.

Arrivo dunque a New Delhi e rientro da Chennai passando per Calcutta, utilizzando i capoluoghi per puntate nei vari centri di presenza missionaria: Ranchi, Dhobasole, Thurucazhkundram, Katpadi e Polur. Non un viaggio di rappresentanza, nelle intenzioni di don Daniel, ma una immersione fra la gente, e in particolare fra i giovani e i ragazzi per leggere con i propri occhi le radici delle povertà alle quali centinaia di salesiani dedicano il loro tempo. “Desidero guardare con gli occhi del cuore il volto di Don Bosco oggi, andando incontro a tutti coloro che sono i preferiti del nostro carisma” confida Don Daniel alla partenza. Una dimensione che richiama direttamente le origini dell’oratorio di Valdocco a Torino, dove gli ospiti venivano sottratti ai rischi connessi alla veloce trasformazione economica e al contempo aiutati a diventarne parte consapevole.
A Delhi la piccola delegazione di Missioni Don Bosco visiterà gli slum dove i salesiani sono attivi con un progetto medico che si è rivelato preziosissimo durante la pandemia di Covid 19, mentre nei dintorni della capitale incontrerà diverse comunità, inclusa quella di giovani transgender.
Calcutta sarà il punto di snodo per visitare i progetti in corso nelle località vicine, che riguardano i minori impegnati nella discarica, i bambini di strada, il reinserimento di persone emarginate e infine programmi di villaggio per lo sviluppo economico e sociale.
Chennai, dove l’esperienza salesiana vive un’ampia fioritura, è il faro di orientamento di due interventi particolarmente delicati, denominati rispettivamente “Dream” e “Bright”: il primo (il sogno) contrasta lo sfruttamento di ragazzi nella fabbricazione di sigarette (conosciute come beedi), che comporta per loro una forte intossicazione e posture sbagliate per molte ore, mentre il secondo (l’illuminazione) offre consapevolezza e opportunità a chi appartiene alla casta degli esclusi dalla vita sociale, i Dalit. È il progetto sul quale Missioni Don Bosco investirà ulteriori risorse per dare supporto a un’impostazione inclusiva della società, favorendo una trasformazione ai diversi livelli.
Questa visita segue quella effettuata dal precedente presidente, Giampietro Pettenon, nella città di Hyderabad nel gennaio 2020. La ricchezza vocazionale salesiana in India continua a consentire la realizzazione di progetti di largo respiro e desiderabili in una nazionale che brilla per le capacità industriali e scientifiche ma che contiene ancora consistenti sacche di povertà e di arretratezza, alle quali il carisma di Don Bosco porta risposte efficaci.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

28/09/2023
2202/2024
Cattedra di S. Pietro

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Adinolfi (Pdf): “ddl Zan non è priorità, emergenza non c’è”

Sono 1.300 giorni che mi batto contro l’approvazione della fascistissima legge Zan, ora anche Enrico Letta si accorge che va cambiata. In 1.300 giorni non si è verificato neanche un serio caso di omofobia in Italia. Ma che emergenza è? Arrenditi Zan anche nel Pd ti hanno mollato.

Leggi tutto

Storie

India - Demolita per ordine delle autorità civili una statua di Cristo

Uno dei fedeli locali, Rayappa racconta: “La scorsa notte, per la demolizione, vi erano oltre 400 poliziotti. Preghiamo davanti alla statua dal 2004. Non ci hanno nemmeno ascoltato e l’hanno semplicemente distrutta con i bulldozer. L’avevamo costruita grazie a una piccola raccolta fondi tra la gente del villaggio”. Secondo gli abitanti del villaggio, alcuni membri di un’organizzazione radicale induista volevano creare tensione nella regione e hanno presentato un ricorso all’Alta Corte, chiedendo la demolizione della statua.

Leggi tutto

Media

“Il cuore nel cuore” di Francesco Giannelli Savastano

Questo libro “Il cuore nel cuore” è un diario personalissimo e corale allo stesso tempo. Francesco racconta la sua avventura, racconta i suoi drammi nel viverla, e il dolore che prova ogni volta che incontra una nuova famiglia con il suo carico di sofferenze.

Leggi tutto

PoliticaStorie

Eutanasia: libro dela Binetti

Nel pomeriggio la senatrice dell’Udc Paola Binetti presenterà nella Sala Zuccari del Senato il suo ultimo libro ‘No all’eutanasia, Sì alle cure palliative’.

Leggi tutto

Media

Libro - “Zi’ Tore. Il “parroco” di Padre Pio”

Una immensa folla, il 16 giugno di venti anni fa, riempiva Piazza San Pietro e tutta via della Conciliazione, fino al lungotevere sotto Castel Sant’Angelo, per la canonizzazione di Padre Pio da Pietrelcina.

Leggi tutto

Storie

SRI LANKA - Urgono aiuti internazionali per il paese

Il Cardinale Ranjith: urgono aiuti internazionali per il paese, soprattutto nella sanità

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano