Politica

di Mario Adinolfi

LA BARRICATA

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Nel 2013 mi capitò tra le mani un articolo del Journal of Medical Ethics che ispirò poi pagine presenti in molti miei libri da Voglio la mamma fino all’ultimo Contro l’aborto. Il lungo articolo era firmato da tre autorevoli accademici: Alberto Giubilini, Francesca Minerva e Nicola Riva. Il titolo non poteva non attrarre la mia attenzione: L’aborto post nascita. I tre professori italiani rilanciavano sulla principale rivista mondiale di bioetica le teorie che Peter Singer propagandava a Princeton. In sostanza esplicitamente aderivano alla teoria secondo cui se è lecito abortire un feto perché non è persona cosciente di sé, non lo è neanche il neonato che quindi può essere soppresso come il feto a prescindere dalla presenza o meno di difetti fisici. Attenzione, questa teoria esplicitata secondo cui si possono sopprimere tutti gli esseri umani non dotati di “un certo grado di autocoscienza” o della “capacità di usare un linguaggio verbale”, oggi è alla base di chi sostiene il “diritto all’aborto”, qui è la trave su cui viene sorretto il “diritto all’aborto post-nascita” (cioè all’infanticidio), domani servirà a chi con eutanasia e suicidi assistiti fondati su “testamenti biologici” proporrà la mattanza dei disabili a partire dai malati di Alzheimer e demenza senile grave per alleviare i costi sanitari di una società italiana che diventerà sempre più anziana. Dalla teoria si passerà alla pratica e chi potrebbe finire sotto quella mannaia potresti essere proprio tu che stai leggendo. Ho cominciato a lanciare l’allarme dieci anni fa. Oggi è ampiamente diffusa nella società, grazie alle teorie esplicitate da testi come questo che vedete qui riprodotto, l’idea che la vita con scarsa coscienza e scarsa possibilità di articolare parola non sia “degna di essere vissuta”. Questo permette l’aborto e agevola la propaganda dei Cappato. Addirittura in Inghilterra abbiamo visto sopprimere per sentenza persone che chiedevano di vivere, bambini i cui genitori chiedevano di poter andare altrove per provare a curarli. Per questo dobbiamo essere noi la voce di chi non ha voce. Perché altrimenti alla fine li ammazzeranno tutti e diranno che lo fanno senza che l’etica possa condannarli, perché se si può abortire affermando che il feto non è persona perché ha scarsa coscienza di sé e non parla, anche molti altri esseri umani dai neonati a centinaia di migliaia di ospiti nelle RSA e negli hospice sono in analoghe condizioni. L’aborto è davvero la frontiera su cui bisogna alzare la barricata, altrimenti il diritto alla vita umana sarà travolto. Perché, se davvero esiste un “diritto all’aborto”, allora l’articolo di Giubilini, Minerva e Riva afferma una verità cristallina. Hanno ragione loro, se ammettiamo e legalizziamo l’aborto descrivendolo addirittura come diritto.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

04/10/2023
2202/2024
Cattedra di S. Pietro

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Tag associati

Articoli correlati

Politica

Alea iacta est

Il Popolo della Famiglia è l’unica risposta possibile da dare nelle urne alle prossime elezioni amministrative, data l’avanzata dei progetti contrari all’istituto matrimoniale e al diritto dei più deboli

Leggi tutto

Politica

Vadecum per il voto amministrativo delle liste PDF

Per il Popolo della Famiglia, che è un movimento politico, la prova del nove è quella con le urne. A chi ci dice che siamo quattro gatti ricordiamo i risultati delle amministrative 2016, in cui già decine di migliaia di persone scelsero di mettere la croce sul nostro simbolo sostenendo i nostri candidati sindaco, con questi risultati nelle principali città:

Leggi tutto

Politica

Verso il 4 Marzo: frenare la deriva

Appello di sacerdoti e religiosi a sostenere il Popolo della Famiglia

Leggi tutto

Politica

La supercazzola chiamata PD

La Storia del PD dalla sua fondazione ad oggi. Dieci anni di sopravvivenza sono pure troppi

Leggi tutto

Politica

Un congresso che va difeso, non sostenuto

Il PDF lamenta alcune scelte concernenti l’evento veronese. Gli organizzatori del WCF2019 stanno pagando lo scotto per aver liberamente esposto la manifestazione su un piano politico che non le è connaturale

Leggi tutto

Società

Popolo della Famiglia e pensiero unico: intervista a Mario Adinolfi

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano