Politica

di Mario Adinolfi

CI STANNO PREPARANDO

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

All’Istituto Dermopatico dell’Immacolata di Roma ricordano quella notte di ormai 5 anni fa in cui un medico di guardia 32enne iniettò cloruro di potassio in una signora 50enne, su richiesta del marito imprenditore 53enne secondo cui la moglie aveva richiesto una “morte dignitosa” soffrendo molto per i dolori di un cancro terminale al colon. L’Idi, ospedale cattolico, licenziò subito il medico che venne sospeso dall’Ordine e indagato. Marito e medico finalmente dopo 5 anni andranno il 10 novembre all’udienza preliminare, sapremo se si farà un processo. Sono tecnicamente mandante e esecutore materiale di un omicidio volontario, almeno secondo il pm, ma i media li proteggono da sempre con l’anonimato (riguardo che non si riserva mai a nessun presunto assassino) e il sistema giudiziario li protegge non avendoli mai fatti oggetto di un provvedimento di custodia cautelare, né in carcere né ai domiciliari, neanche per un giorno (altra rarità assoluta in caso di indagini per omicidio volontario). Di fatto è già passata culturalmente l’idea che il medico abbia fatto bene a praticare l’iniezione letale, viva l’eutanasia e tutta quella roba lì. Invece questo caso spiega bene cosa accadrà negli ospedali italiani se verrà approvata la legge sull’eutanasia: qualcuno dirà che in qualche modo il paziente l’ha chiesta e si procederà alle esecuzioni, alla mattanza dei sofferenti, senza indagare più di tanto sulle motivazioni di mandanti (parenti) e esecutori materiali (medici). La signora uccisa all’Idi non era cosciente al momento in cui è stata uccisa, ma basta la dichiarazione del marito che avesse chiesto l’eutanasia per offrire a lui e al medico uno scudo mediatico e giudiziario di cui nessun altro imputato di omicidio volontario godrebbe mai. E questo accade con l’eutanasia assolutamente illegale. Figuriamoci cosa accadrà quando dovesse essere legalizzata. Mi scuso per la ripetizione quasi ossessiva dell’allarme, ma se non vedete ancora con chiarezza a quale inferno ci stanno preparando, allora siete davvero ciechi.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

06/10/2023
2206/2024
San Paolino da Nola

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

La Thailandia propone nuove leggi per la maternità surrogata

Bangkok vuole permettere alle coppie straniere di ricorrere alla maternità surrogata modificando le leggi nazionali che regolano il processo

Leggi tutto

Politica

I risultati del Popolo della Famiglia

Tutti i numeri del Pdf alle amministrative del 5 giugno

Leggi tutto

Politica

Avvenire prende un abbaglio sul M5S

Farebbe sorridere la svolta con cui il ddl sul fine vita proprio da ieri rischia di uscire dalla Camera grazie ai voti grillini: farebbe sorridere per il tempismo con cui parrebbe coronare le improvvide dichiarazioni del direttore del quotidiano della Cei, Marco Tarquinio, che mentre ospitava Grillo in prima pagina andava a cantare le lodi di Di Maio sul Corsera di ieri. In realtà c’è poco da sorridere.

Leggi tutto

Politica

PDF alle elezioni, le date fondamentali

In appena 90 giorni potremmo trovarci davanti ad un’Italia trasformata dalla grande sorpresa di un’affermazione del Popolo della Famiglia al voto, che si tiene a 65 giorni esatti da adesso. Vale la pena di essere protagonisti di questa lotta per il cambiamento, per la famiglia, per la vita.

Leggi tutto

Politica

Ragionare sulla disfatta a sinistra

Noi come Popolo della Famiglia lo abbiamo promesso e siamo stati conseguenti: la sinistra principale responsabile delle leggi contro il matrimonio, contro la vita, contro la famiglia stessa andava abbattuta democraticamente e così è stato. Abbiamo dato il nostro contributo a questo risultato con i 219.645 voti raccolti il 4 marzo sul simbolo del PdF e siamo stati parte attiva anche nelle vittorie ai ballottaggi di domenica 24 giugno, a Imperia e a Terni, a Massa e in qualche modo anche a Imola, dove il nostro candidato autonomo alla carica di sindaco lo abbiamo tolto al Pd, provocando l’avvio della frana che dopo tre quarti di secolo ha chiuso una storia che è stata, appunto, di pensiero unico.

Leggi tutto

Politica

DEF: provare a leggere i numeri

Nel 2050 l’Italia avrà perduto il 17% della popolazione. In un trentennio accadrà quanto non è accaduto nel trentennio che andò dal 1915 al 1945, quando l’Italia fu squassata da due violentissime guerre mondiali e perse meno del 10% della sua popolazione. L’emergenza demografica, che si annuncia sicurissima all’orizzonte, non è un tema di nicchia: è la questione centrale italiana oggi.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano