Politica

di Mario Adinolfi

CI STANNO PREPARANDO

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

All’Istituto Dermopatico dell’Immacolata di Roma ricordano quella notte di ormai 5 anni fa in cui un medico di guardia 32enne iniettò cloruro di potassio in una signora 50enne, su richiesta del marito imprenditore 53enne secondo cui la moglie aveva richiesto una “morte dignitosa” soffrendo molto per i dolori di un cancro terminale al colon. L’Idi, ospedale cattolico, licenziò subito il medico che venne sospeso dall’Ordine e indagato. Marito e medico finalmente dopo 5 anni andranno il 10 novembre all’udienza preliminare, sapremo se si farà un processo. Sono tecnicamente mandante e esecutore materiale di un omicidio volontario, almeno secondo il pm, ma i media li proteggono da sempre con l’anonimato (riguardo che non si riserva mai a nessun presunto assassino) e il sistema giudiziario li protegge non avendoli mai fatti oggetto di un provvedimento di custodia cautelare, né in carcere né ai domiciliari, neanche per un giorno (altra rarità assoluta in caso di indagini per omicidio volontario). Di fatto è già passata culturalmente l’idea che il medico abbia fatto bene a praticare l’iniezione letale, viva l’eutanasia e tutta quella roba lì. Invece questo caso spiega bene cosa accadrà negli ospedali italiani se verrà approvata la legge sull’eutanasia: qualcuno dirà che in qualche modo il paziente l’ha chiesta e si procederà alle esecuzioni, alla mattanza dei sofferenti, senza indagare più di tanto sulle motivazioni di mandanti (parenti) e esecutori materiali (medici). La signora uccisa all’Idi non era cosciente al momento in cui è stata uccisa, ma basta la dichiarazione del marito che avesse chiesto l’eutanasia per offrire a lui e al medico uno scudo mediatico e giudiziario di cui nessun altro imputato di omicidio volontario godrebbe mai. E questo accade con l’eutanasia assolutamente illegale. Figuriamoci cosa accadrà quando dovesse essere legalizzata. Mi scuso per la ripetizione quasi ossessiva dell’allarme, ma se non vedete ancora con chiarezza a quale inferno ci stanno preparando, allora siete davvero ciechi.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

06/10/2023
2202/2024
Cattedra di S. Pietro

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

In estrema sintesi

La sfida del 3% nazionale è a portata di mano e sbaglia chi torna a riproporre lo schema vecchio delle candidature di bandiera del Family Day all’interno dei partiti del centrodestra, è lo schema che ci ha portato al disastro attuale. Bisogna prenderne atto: Forza Italia ha dato libertà di voto sull’eutanasia e si è astenuta sulla legge su gender e omofobia in Umbria; leghisti importanti come Zaia sono addirittura apertamente a favore dell’eutanasia e insieme a Fratelli d’Italia propongono la legalizzazione della prostituzione; il divorzio breve è stato votato da tutti i gruppi politici con appena 11 voti contrari al Senato, mentre alla Camera sull’eutanasia i contrari sono stati 37.

Leggi tutto

Politica

La piccola Banda

Il Pd è ora una banda senza popolo, che gestisce ancora interessi enormi ma senza ormai passione

Leggi tutto

Politica

La politica che lucra sulle dipendenze

Se il centrodestra ha Salvini che promuove la prostituzione, a sinistra Civati vanta i soldi che si farebbero con la droga. Sui nostri figli!

Leggi tutto

Storie

101 VERBI - COSE FATTE E SUGGERIMENTI

Ringraziare è anche condividere e allora vai con i 101 diversi verbi che pensavo di far diventare un nuovo libro e che invece voglio regalare a voi che mi seguite sui social, alla fine per farvi i fatti miei e allora che siano raccontate le cose fatte, in una vita che è stata anche devastata e devastante, ma ha corso al ritmo serrato di una opera rock. Nessuno si è annoiato.

Leggi tutto

Società

Il CAV e l’ombra dell’aborto: il curioso caso di Bergamo

Escluso dal tavolo dei relatori di sabato il presidente FederVita Paolo Picco. La difesa del PdF locale. A Bergamo si è consumato un vergognoso assalto totalitario, in cui un gruppo di pressione ha disposto a proprio piacimento di un organo del Consiglio Comunale, con la connivenza dell’amministrazione Gori, che non si è fatta problemi ad accettare la proposta di sostituzione di Paolo Picco con l’assessore alla Coesione Sociale Maria Carolina Marchesi.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco: aborto e eutanasia e l’abitudine a uccidere

Il Papa: l’aborto è omicidio, la Chiesa sia vicina e compassionevole non politica A questo grido, il Papa aggiunge quello delle tante “vittime della cultura dello scarto”: “C’è lo scarto dei bambini che non vogliamo ricevere, con quella legge dell’aborto che li manda al mittente e li uccide direttamente. E oggi questo è diventato un modo ‘normale’, una abitudine che è bruttissima, è proprio un omicidio”,

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano