Società

di Roberto Signori

Incinta a 13 anni. La madre a processo

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Hanno giurato davanti ai giudici che il loro amore è sano e profondo, ma ciò non è servito a evitare il processo per un ragazzo di 21 anni e per la madre 50enne della compagna. Il giovane è accusato di violenza sessuale nei confronti della fidanzata di 15 anni. Due anni fa, nel 2021, quando lui aveva 19 anni, l’allora 13enne rimase incinta e scattò la denuncia da parte della scuola. In un primo momento a essere accusato fu solo il ragazzo, poi, anche la madre della minorenne è rimasta invischiata nelle maglie della giustizia, perché avrebbe consentito alla giovanissima coppia di dormire nello stesso letto.

L’episodio è accaduto nel Mantovano e ha suscitato scalpore tra i cittadini del luogo. In particolare, è l’atteggiamento della 15enne a rendere la vicenda surreale. La ragazza, oggi mamma di una bimba, è scoppiata in lacrime quando è entrata nel tribunale di Mantova, dove sono sotto processo sia il fidanzato sia sua madre. La minorenne ha ripetuto più volte che non c’è stata alcuna violenza sessuale e che quella bambina è il frutto della loro bella relazione. Per lei è paradossale vedere alla sbarra le persone che ama di più, anche perché si sente una madre felice e una compagna innamorata.

La 15enne convive attualmente con il fidanzato, mentre la madre, che ha un’impresa di pulizia, abita in un altro paese. L’altro giorno erano tutti e tre presenti in tribunale per l’udienza preliminare a carico dei due maggiorenni, con l’accusa di violenza sessuale ai danni di minore infraquattordicenne. Secondo il pubblico ministero, come riporta il Corriere del Veneto, i rapporti sessuali tra l’allora 13enne e il ragazzo 19enne sarebbero avvenuti nell’appartamento della sorella di lei. Con loro viveva anche la loro madre, indagata a sua volta, poiché avrebbe “istigato la minore infraquattordicenne ad accondiscendere alle richieste del fidanzato co-imputato di congiungersi carnalmente con lei”.

Per la legge italiana, trattandosi di una minorenne di età inferiore ai 14 anni, i rapporti intimi tra i due ragazzi vanno annoverati come reato di violenza sessuale. L’allora 13enne quando rimase incinta frequentava la scuola media e furono proprio i professori a denunciare il caso ai servizi sociali. La minorenne fu ascoltata dai carabinieri e, nonostante spiegò che i rapporti erano consensuali e frutto dell’amore che era nato tra di loro, fu avviato un procedimento d’ufficio nei confronti del 19enne. Nei confronti della madre della 15enne, probabilmente, ci sarà il rinvio a giudizio, mentre il fidanzato 21enne ha scelto il rito abbreviato, anche perché, hanno fatto sapere, condanna o meno, nessuno riuscirà a separare una coppia unita dall’amore e dal rispetto reciproco.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

12/10/2023
2202/2024
Cattedra di S. Pietro

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

La nostra pace sicura

“Venite a me, voi tutti, che siete affaticati e oppressi, e io vi ristorerò. Prendete il mio giogo sopra di voi e imparate da me, che sono docile e piccolino di cuore, e troverete ristoro per le vostre anime. Il mio giogo infatti è dolce e il mio carico leggero” (Mt 11, 28-30).

Leggi tutto

Storie

Kerber incinta, niente US Open: “Due contro uno non era corretto…”

Evviva la mamma. Tennista lascia importante competizione ed annuncia con gioia la sua maternità

Leggi tutto

Chiesa

Un disperato bisogno di padri

La figura paterna è un pilastro educativo che va sempre accompagnato al suo naturale complemento – quella materna. Dalla rivoluzione industriale in qua si è verificata una inedita scollatura tra le due – da allora le madri hanno esortato i figli a essere “meglio” e “più” dei padri – nella quale le mogli “castravano” (simbolicamente) i mariti e questi si vendicavano nell’apatia e/o nella violenza. Ecco un equilibrio che deve essere ristabilito quanto prima

Leggi tutto

Storie

Mamma prenota chiesa per il matrimonio del figlio, il prete si rifiuta

“Sono sempre più le madri che vengono a prenotare la chiesa per il matrimonio al posto dei figli, ma io insisto che vengano gli sposi”. A parlare è padre Teo (ndf), parroco in una chiesa nel centro storico di Roma: tra le più gettonate per le nozze. “Le richieste sono ogni anno tantissime”. E altrettanto gli episodi curiosi. Come quello due mamme che si è recate in chiesa con i figli per fissare la data delle nozze, senza però che i nubendi intervenissero. Tanto che il prete, stupito, gli ha detto: “Se volete, potete anche sposare i vostri figli per procura”. Ironia a parte, Teo avverte: “Se gli sposi non vengono a prenotare, il rischio di errori è alto”. Quali sono?

Leggi tutto

Politica

Gb: deputata non può sedere ai Comuni con bebè

La Laburista Stella Creasy critica il regolamento di Westminster che lede i diritti di una madre e della famiglia.

Leggi tutto

Storie

Anche gli uomini potranno partorire

Leggete con attennzione questo articolo tratto da Panorama.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano