Chiesa

di Tommaso Ciccotti

Santa Teresina e l’esortazione apostolica

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Con le 27 pagine in francese dell’esortazione apostolica “C’est la Confiance” (È la fiducia”), il Papa ha esaminato con tenerezza il genio spirituale e teologico di Santa Teresa del Bambin Gesù, definendolo sintetico ed essenziale. Una santa mistica e Dottore della Chiesa particolarmente cara a Papa Francesco, che ha voluto che le reliquie della monaca carmelitana francese e quelle dei suoi genitori, Zélie e Louis, canonizzati otto anni fa nell’ottobre 2015, fossero presenti in Piazza San Pietro durante un’udienza generale dello scorso giugno. Francesco ha poi tenuto anche una serie di catechesi sullo zelo apostolico e missionario, usando Teresina come esempio.

All’inizio di quest’anno, lo scrittore francese Jean de Saint-Chéron ha pubblicato con le edizioni Grasset un saggio biografico su Teresa di Lisieux, intitolato ”Éloge d’une guerrière” (Elogio di una guerriera), che sarà pubblicato in italiano dalla Libreria Editrice Vaticana (LEV) nel 2024. L’autore riflette con i media vaticani sul nuovo documento del Pontefice.

L’esortazione apostolica parla di fiducia. Quanto pensa che questa disposizione del cuore e della mente fosse forte in Teresa di Gesù Bambino?


Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

19/10/2023
2902/2024
Sant'Augusto Chapdelaine martire

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Senza bambini non si cresce

Il vescovo Negri dice che sei milioni di aborti hanno contribuito alla crisi del Paese e ha ragione

Leggi tutto

Chiesa

Una madre che protegge i propri figli

Che la dialettica degli strumenti di produzione dovesse portare, con l’abolizione della famiglia, alla scomparsa della prostituzione è un assunto indeducibile. Ma una volta eliminati i principi morali familiari che davano un senso al sesso, quest’ultimo è straripato e porta rovina ovunque

Leggi tutto

Storie

Gente che è stata muta

Meno sbarchi significa oggettivamente meno morti in mare e meno business sulla pelle dei migranti.  questo governo come Popolo della Famiglia non abbiamo mai fatto sconti, ma nel caso specifico il comportamento è quello corretto e chi protesta e fa sceneggiate è attivato dallo stesso cinismo, fa solo campagna elettorale. A noi interessa parlare di bene comune in materia di immigrazione e lo si fa solo tornando a istituire i flussi, trattandoli per quote a livello europeo, facendo arrivare i migranti integrabili per via aerea o con i corridoi umanitari, spazzando via il business dei mercanti di uomini in Africa e anche in Italia. Salvando così davvero migliaia di uomini, donne e bambini da morte certa nel Mediterraneo e ancora di più nel deserto che molti non riusciranno mai ad attraversare. E andando a prelevare dai Paesi africani migranti che siano veramente in stato di bisogno, perché quattromila euro a uno scafista li può dare solo chi appartiene al “ceto medio” africano e per questo il 90% di chi sbarcava sulle nostre coste negli anni passati era composto da maschi adulti. Troppi dei quali capaci poi di delinquere anche in forma organizzata (la mafia nigeriana è solo uno degli esempi, la fitta rete degli spacciatori tunisini, algerini e marocchini ne è un altro) in collaborazione con le forme nostrane di criminalità specie nel Sud Italia ma non solo.

Leggi tutto

Società

Non è un paese per bambini. Né per madri.

Alle madri è chiaramente impedito portare la propria visione della vita nei luoghi pubblici: di fatto la figura della madre è resa invisibile da mode (quella ecologista che vede l’avere figli come una violenza contro il pianeta, ad esempio), opinioni sbagliate (se hai più di due figli sei una povera idiota costretta al focolare, sei una che non conosce l’azione degli anticoncezionali, sei un’egoista) e proposte economiche imbarazzanti (i figli che dopo i 14 anni non valgono nulla, per il Ministero della Famiglia del paese).

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco in Slovacchia: l’importanza dell’integrazione

Papa Francesco è tornato a parlare di uno degli argomenti che gli stanno più a cuore con un richiamo all’integrazione, alla coesione e all’ospitalità. Tutto questo è avvenuto durante l’incontro, a Bratislava, con le Autorità, la Società Civile e il Corpo diplomatico

Leggi tutto

Chiesa

Cei: necessaria un’ecologia integrale

Il messaggio dei vescovi italiani per la 71.ma Giornata Nazionale del Ringraziamento: riconoscere i diritti di pescatori e pastori, evitare sempre sfruttamento e caporalato

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano