Storie

di Giuseppe Udinov

All’Afghanistan 80 tonnellate di aiuti

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Medicinali, attrezzature mediche, kit ostetrici e chirurgici sono appena arrivati a Kabul con un volo partito dal magazzino dell’Unicef di Copenaghen. Si parla di oltre 80 tonnellate di aiuti per circa 43.000 famiglie. “Gli aiuti medici che sono arrivati a Kabul sono un’ancora di salvezza per migliaia di bambini e famiglie che hanno bisogno immediato di assistenza salvavita in seguito ai devastanti terremoti”, ha dichiarato Fran Equiza, rappresentante dell’Unicef in Afghanistan. Gli aiuti sono stati finanziati dalla Banca Asiatica di Sviluppo, la banca regionale multilaterale formata da 67 Stati membri.

Le diverse scosse di terremoto di magnitudo fino a 6.3 gradi che hanno fatto tremare la terra di Herat e le sue province il 7 e l’11 ottobre hanno portato l’Afghanistan sull’orlo della catastrofe umanitaria. Già il Paese versava in difficili condizioni socio-economiche dopo l’instaurazione del regime talebano nel 2021. Più della metà della popolazione afghana, secondo l’Unicef, ha bisogno di aiuti umanitari, i bambini sono più di 15 milioni. “Le squadre dell’Unicef sul campo stanno distribuendo aiuti fondamentali per i bambini e le famiglie in questo momento critico. Con l’inverno alle porte, abbiamo estremo bisogno di supporto, poiché i bambini delle aree più colpite sono sull’orlo del collasso”, spiega Fran Equiza mentre l’organismo chiede ulteriori finanziamenti per aiutare 96 mila bambini in gravi difficoltà.

Trovandosi vicino alla congiunzione delle placche tettoniche eurasiatica e indiana, lo Stato afghano è regolarmente colpito da terremoti che, insieme a inondazioni e vari disastri naturali rendono strutturalmente precaria la tenuta del Paese. Ma, le ultime due scosse sismiche hanno portato un’inedita devastazione nelle zone interessate, alcune delle quali completamente rase al suolo. Nei tre distretti più colpiti, circa 154 mila persone hanno perso le case o queste sono state gravemente danneggiate. Per questo, l’Unicef ha anche inviato 300 Tende ad Alta prestazione multiscopo da usare per le scuole, cliniche mediche, strutture per la nutrizione, punti di distribuzione e spazi a misura di bambino. La preoccupazione più recente riguarda l’inverno imminente, tipicamente rigido, difficile da affrontare per una parte della popolazione che ha perso le proprie case durante il sisma e già provata da una lunga siccità e da livelli allarmanti di malnutrizione

Le 80 tonnellate di attrezzature mediche appena ricevute dalla popolazione afghana, sono gli ultimi di una serie di aiuti che l’Unicef sta fornendo al paese guidato dal regime talebano. Ad oggi ha assicurato forniture essenziali di acqua e servizi igienici a oltre 17.800 persone e a 9.100 persone acqua potabile. È riuscita anche a consegnare 10.400 indumenti invernali e kit per le famiglie con forniture domestiche e dato assistenza in denaro a 1.193 famiglie. L’azione umanitaria dell’organismo delle nazioni unite non si ferma qui e per i prossimi tre mesi è previsto un piano di aiuti che raggiungerà 200 mila persone, tra cui 96 mila bambini, che vivono nelle aree più vulnerabili e devastate dal terremoto della provincia di Herat.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

27/10/2023
2202/2024
Cattedra di S. Pietro

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

Haiti: assassinato padre Andrè Sylvestre

Padre Andrè Sylvestre. Il parroco di Nostra Signora della Misericordia di Robillard, a Cap-Haïtien, è stato probabilmente vittima di una delle bande criminali che tengono negli ultimi mesi in ostaggio Haiti, gruppi armati proliferati soprattutto dopo il recente disastroso terremoto che ha causato morte e distruzione in una realtà già duramente indebolita da un precedente sisma e da una crisi politica che sembra senza uscita

Leggi tutto

Storie

Etiopia - Una fattoria comunitaria per le famiglie

La siccità e l’aumento dei prezzi stanno causando problemi di salute dovuti alla mancanza di cibo nella popolazione dell’Etiopia e il 70% delle famiglie nella città di Emdibir non è in grado di mettere il cibo in tavola: dalla consapevolezza di queste difficoltà nasce l’appello di “Catholic Mission”, Direzione nazionale delle Pontificie Opere Missionarie in Australia, che intende contribuire alla realizzazione di una fattoria comunitaria nell’Etiopia centrale.

Leggi tutto

Storie

Terremoto in Turchia e Siria

Una scossa di magnitudo 7.9 ha devastato la Turchia e la Siria causando più di 1.200 morti e portando distruzione ovunque: le terribili immagini che stanno facendo il giro del mondo

Leggi tutto

Storie

2 bambini su 5 vivono in quartieri svantaggiati

È importante mettere al centro dell’attenzione i bambini, le bambine e gli adolescenti che vivono nelle periferie geografiche ma anche educative del nostro Paese

Leggi tutto

Politica

Ue 175 milioni in aiuti umanitari per i Paesi dell’Africa

L’assistenza rientra nel più ampio sostegno fornito dall’UE alla regione, anche attraverso i contributi di Team Europa alla risposta globale al coronavirus, il sostegno agli interventi per la distribuzione dei vaccini attraverso lo strumento COVAX e altre azioni volte a fornire un sostegno a lungo termine per rafforzare i sistemi sanitari fragili.

Leggi tutto

Storie

Crisi alimentare in Somalia

In risposta alle conseguenze della perdurante siccità che sta colpendo la regione del Corno d’Africa, la Cooperazione Italiana ha disposto un contributo di emergenza di 500.000 euro in favore delle attività della Federazione Internazionale delle società di Croce Rossa e Mezzaluna Rossa (FICROSS) in Somalia.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano