Politica

di Mario Adinolfi

COSA PUÒ REALISTICAMENTE ACCADERE?

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Due popoli, due Stati? Dopo questa guerra non sarà possibile nemmeno pensarlo, i livelli di odio sono troppo alti. Leggo in tutti i reportage, anche quelli apertamente filopalestinesi, che ogni giovane di Gaza o della Cisgiordania ha un solo obiettivo: combattere gli ebrei, distruggere Israele. Quelli di Hamas sono considerati come i partigiani, un esercito di liberazione islamico, anche chi non è affiliato non considera la violenza contro gli ebrei ingiustificata. Oggi hanno arrestato una attivista ventenne, Ahed Tamimi, che sui social scrive: “Il nostro messaggio alle mandrie di coloni è che vi aspettiamo in tutte le città della Cisgiordania. Vi massacreremo e direte che ciò che vi ha fatto Hitler era uno scherzo. Berremo il vostro sangue e mangeremo i vostri teschi”. Questa ragazza è nota a livello internazionale perché a 17 anni schiaffeggiò due soldati israeliani, tra gli applausi dei soliti tifosi. Avesse avuto il modo, li avrebbe uccisi. A Gaza intanto l’esercito israeliano ha fatto diecimila morti. Chiaramente è tutta benzina sul fuoco. Il tema è: fino a dove divamperà l’incendio? Cosa si può fare di concreto per fermarlo prima che la miccia si consumi e faccia esplodere con un effetto domino il conflitto latente tra Occidente e Islam? Ayatollah iraniani, talebani afghani, Hezbollah libanesi, emiri qatarioti sostengono direttamente Hamas, il resto del mondo islamico è filopalestinese. In Occidente questa stessa linea convince una vasta area che va dalle sinistre “artistiche” alla Zerocalcare ai vari antiamericanismi progressisti, populisti e di destra. In una guerra che è diventata sulla legittimità o meno di Israele ad esistere, per me è impossibile puntare sulla sua distruzione. Il paradosso diventa ora difficilissimo da sciogliere, perché è evidente che Israele mira a mandare i palestinesi di Gaza in Egitto e quelli della Cisgiordania in Giordania, per far questo userà pesantissima violenza, insopportabile per i nostri occhi. Ma se non riusciamo a fare operativamente nulla, cosa bisogna augurarsi che possa realisticamente accadere? Da questa risposta dipende tutto. Provate a ragionare sul quesito, io eviterò di influenzarvi con la mia opinione, che pure ho e molto chiara.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

07/11/2023
2502/2024
San Tarasio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Ha ragione il Papa, dice frate Antenucci: «Il chiacchiericcio è peggio del Covid»

Il frate della Madonna del silenzio ci ricorda con le parole di Papa Francesco l’importanza di usare con attenzione le parole. «Tanta gente vive nel rumore perché nel silenzio emerge la coscienza, si evidenziano i problemi interiori. Nel silenzio non puoi nasconderti, costringe a pensare a chi sei veramente. E se insisti trovi Dio che è già nel tuo cuore e ti attende. Allora il silenzio, esercitato ogni giorno, diventa una ricarica, ti dona le parole da donare agli altri. Il silenzio cristiano non è mai vuoto, ma è la pienezza della presenza di Dio, è il suo respiro nella nostra anima. In questo senso il silenzio non è tecnica, ma un dono di Dio offerto a tutti. Un dono che libera e guarisce ».

Leggi tutto

Società

Così il gender minaccia la libertà

Eccovi un interessante articolo pubblicato su Il Giornale su gender e libertà di opinione

Leggi tutto

Società

Legge sulla blasfemia in Pakistan

Solo nel 2021 ci sono state 84 accuse. Le principali vittime sono i musulmani. La stragrande maggioranza dei casi si registrano nel Punjab. Un rapporto appena pubblicato dal Centre for Social Justice evidenzia come l’intolleranza parta dal sistema educativo.

Leggi tutto

Politica

Adinolfi: “Per l’Ucraina servirebbe un Aldo Moro”

“Mai come in questi giorni noi del Popolo della Famiglia non dimentichiamo. Beati gli operatori di pace, oggi serve un Aldo Moro e le gravi carenze dell’attuale classe dirigente italiana che non è cresciuta nel suo solco si ripercuotono sulla triste fase che il Paese e l’Europa stanno vivendo. Si torni presto alla lezione di Moro, che mai avrebbe armato una parte belligerante nel corso di una guerra ma si sarebbe frapposto per farla cessare, garantendo così un ruolo decisivo all’Italia nello scacchiere internazionale”.

Leggi tutto

Chiesa

Papa: il mondo ha bisogno di pace

Videomessaggio di Francesco al Consiglio nazionale cattolico per il ministero ispano degli Stati Uniti, riunito in congresso.

Leggi tutto

Storie

NIGERIA -  I veri motivi della strage nella chiesa di Owo

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano