Storie

di Nathan Algren

200 giorni di guerra in Sudan: 3 milioni di bambini in fuga

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

A oltre 200 giorni trascorsi dallo scoppio della brutale guerra in Sudan, il 15 aprile scorso, l’UNICEF chiede alla comunità internazionale e a tutte le parti in conflitto di “raddoppiare l’impegno per far fronte alla situazione di milioni di bambini e famiglie che, giorno dopo giorno, vivono un incubo senza tregua. I bambini continuano a pagare il prezzo più alto per una crisi che non hanno creato loro. Sempre più spesso con le loro stesse vite”.

Il Sudan adesso affronta la più grande crisi di bambini sfollati al mondo, con un numero record di 3 milioni di bambini in fuga da diffuse violenze alla ricerca di sicurezza, alimenti, rifugi e assistenza medica – la maggior parte all’interno del Sudan – mentre centinaia di migliaia si rifugiano in grandi campi improvvisati nei Paesi limitrofi.
I bambini – sottolinea l’Agenzia Onu – continuano a pagare il prezzo più alto della violenza. Circa 14 milioni di bambini in Sudan hanno urgente bisogno di assistenza umanitaria salvavita. Molti vivono in uno stato di paura continua – paura di essere uccisi, feriti, reclutati o usati da soggetti armati.
Le denunce di violenze sessuali legate al conflitto, compresi gli stupri, sono state dilaganti e con l’intensificarsi dei combattimenti nelle ultime settimane in luoghi come Khartoum, Darfur e Kordofans, la preoccupazione reale è che le violazioni dei diritti dei bambini continuino ad aumentare. Finora l’UNICEF ha ricevuto denunce di oltre 3.100 gravi violazioni, tra cui l’uccisione e la mutilazione di bambini.
“Nessuno dei bambini sudanesi è riuscito a tornare a scuola e il futuro di un’intera generazione è ora in bilico”, sottolinea l’Agenzia, ricordando che sono ben 19 milioni i bambini sudanesi che non possono tornare nelle aule scolastiche, il che fa di questa situazione una delle peggiori crisi dell’istruzione al mondo.
L’UNICEF e i partner stanno fornendo assistenza salvavita a milioni di bambini in Sudan e nei paesi vicini, che comprende acqua, salute, nutrizione, spazi sicuri e apprendimento. “I bisogni superano le risorse e il tempo sta per scadere. Abbiamo bisogno di un accesso umanitario sicuro e senza ostacoli per fornire aiuti e servizi salvavita e raggiungere ogni bambino in difficoltà”, l’appello dell’UNICEF.
Anche la minaccia incombente di malattie mortali – come colera, dengue, morbillo e malaria – è in aumento, con focolai già in espansione. Oggi, circa 7,4 milioni di bambini non dispongono di acqua potabile sicura. Quasi la metà di questi ha meno di cinque anni ed è a serio rischio di malattie diarroiche e colera. Molti altri non hanno vaccinazioni di routine contro malattie facilmente prevenibili, mentre quasi 700.000 bambini colpiti da malnutrizione acuta grave rischiano di morire senza cure. Le infrastrutture idriche e sanitarie devono essere preservate come previsto dal diritto internazionale umanitario.
Nel frattempo, l’appello umanitario dell’UNICEF per quest’anno è finanziato solo al 24%.
“Non possiamo permettere che la morte e la sofferenza di milioni di bambini in Sudan diventino un’altra catastrofe umanitaria dimenticata. Questi bambini hanno bisogno del nostro sostegno ora”, conclude l’UNICEF. “E soprattutto hanno bisogno di pace”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

09/11/2023
2802/2024
San Romano

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Peter Singer, il bioeticista che vuole uccidere i neonati

Cosa dice il docente di Princeton che teorizza l’eutanasia “non volontaria” sui disabili, soprattutto se appena nati, con l’obiettivo di “ridurre i costi sanitari”

Leggi tutto

Società

Non è un paese per bambini. Né per madri.

Alle madri è chiaramente impedito portare la propria visione della vita nei luoghi pubblici: di fatto la figura della madre è resa invisibile da mode (quella ecologista che vede l’avere figli come una violenza contro il pianeta, ad esempio), opinioni sbagliate (se hai più di due figli sei una povera idiota costretta al focolare, sei una che non conosce l’azione degli anticoncezionali, sei un’egoista) e proposte economiche imbarazzanti (i figli che dopo i 14 anni non valgono nulla, per il Ministero della Famiglia del paese).

Leggi tutto

Chiesa

La Madonna che viene dal mare

L’Osservatore Romano racconta la vicenda dell’antica immagine della Vergine esposta nella Basilica vaticana

Leggi tutto

Storie

Le rose di Santa Rita per aiutare i bambini

È giunta alla sesta edizione l’iniziativa del monastero delle agostiniane di Cascia che, attraverso la vendita in tutta Italia dei fiori simbolo della Santa dei Casi Impossibili, porta avanti progetti per i minori

Leggi tutto

Storie

Afghanistan - Unicef: ‘11 bambini morti per le alluvioni

Solo in Afghanistan sono decedute 256 persone per le forti piogge, un aumento del 75% rispetto all’anno precedente.

Leggi tutto

Società

Colombo: niente scuola c’è la crisi

Secondo le Nazioni Unite al momento oltre 6 milioni di persone hanno difficoltà a sfamarsi e le famiglie sacrificano l’istruzione per contenere le spese.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano