Storie

di Giuseppe Udinov

Unicef: 4.008 i bambini morti a Gaza a un mese dall’inizio del conflitto

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Ad un mese dall’inizio del conflitto in Medio Oriente vogliamo ricordare che, secondo le notizie, sono 4.008 i bambini morti nella Striscia di Gaza e 7.695 quelli feriti: più di 420 bambini uccisi o feriti ogni giorno. Secondo le notizie, 31 bambini israeliani sono stati uccisi e 30 bambini sono attualmente ancora in ostaggio a Gaza. Le donne e i bambini rappresentano i due terzi delle morti segnalate”. Così Andrea Iacomini, portavoce di UNICEF Italia, che aggiunge: “a causa delle violenze, oltre 2.000 persone risultano disperse. Più di 2,2 milioni di persone non hanno più un accesso sicuro e adeguato all’acqua e ai servizi igienici. Dal 7 ottobre, 253 scuole hanno subito danni nella Striscia di Gaza”.

Dal 27 ottobre, continua Iacomini, “come UNICEF siamo riusciti a trasportare acqua ai rifugi, per un numero stimato di 1 milione di persone, tra cui oltre 560.000 bambini; abbiamo consegnato forniture mediche d’emergenza a ospedali e strutture sanitarie nella Middle Area e a Khan Younis, per coprire le esigenze di 94.000 persone per una settimana; fornito a oltre 3.500 bambini servizi di protezione dell’infanzia, salute mentale e sostegno psicosociale e garantito a più di 1.000 famiglie estremamente vulnerabili denaro a fini umanitari per soddisfare i loro bisogni di base”.
“Come UNICEF – aggiunge – abbiamo lavorato anche per mantenere in funzione l’unico impianto di desalinizzazione funzionante in tutta la Striscia di Gaza, con una capacità molto ridotta: l’impianto fornisce acqua sicura a 75.000 persone, ma senza carburante potrebbe presto fermarsi”.
“È necessario un immediato cessate il fuoco umanitario, un accesso umanitario illimitato e – conclude Iacomini – il rilascio immediato e sicuro di tutti i bambini rapiti

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

09/11/2023
2202/2024
Cattedra di S. Pietro

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Liberato padre Tom

Papa Francesco ha ricevuto in udienza privata Padre Tom Uzhunnalil, il salesiano rapito per diciotto mesi in Yemen e liberato pochi giorni fa. La Società di don Bosco ha deciso che nessun posto sarebbe stato adeguato e sicuro, per lui, quanto la casa salesiana in Vaticano. Il sacerdote si è prostrato a terra per baciare i piedi del vicario di Cristo, il quale ha baciato le mani del confessore

Leggi tutto

Storie

HAPPY HOUR, L’EPIDEMIA DISTOPICA DI FERRUCCIO PARAZZOLI

Ci si sveglia un giorno a caso in una qualunque periferia dell’Occidente medicalizzato, l’Occidente iperconnesso del XXI secolo, e di colpo la bolla patinata d’onnipotenza transumanista è svanita: basta un ridicolo microrganismo, un miasma invisibile a seminare un panico atavico.

Leggi tutto

Politica

Di Matteo (PdF):  “A Padova. Spaccio e degrado infiniti”

Di Matteo (PdF): “C’è voluta l’indagine del Sole24 per far aprire (forse) gli occhi a Giordani”. Furlan (PdF Padova): “Inascoltata la voce di chi grida contro le colonia del male”

Leggi tutto

Società

Africa: in crescita le spese militari

Le spese militari stanno indebolendo la capacità dei responsabili politici locali di effettuare investimenti pubblici in infrastrutture vitali per lo sviluppo economico e il miglioramento delle condizioni di vita delle loro popolazioni. Questo a sua volta genera malcontento e frustrazione specie tra i giovani, alcuni dei quali vanno ad alimentare i gruppi di guerriglia che operano nella regione.

Leggi tutto

Storie

Crisi in Ucraina: “la pace è il futuro”

Sono lontani i tempi, delle manifestazioni di piazza, dei giovani per la pace, dei cortei studenteschi con conseguenti occupazioni degli edifici scolastici, delle soste davanti alle ambasciate interessate, dei lumini accesi nei posti simbolo delle varie città, dei talk show televisivi e delle informative urgenti parlamentari che non davano tregua nemmeno la notte.

Leggi tutto

Politica

PDF Sardegna-Barbara Figus: “Paese di ‘pacifinti’ “.

Adinolfi: Le azioni del Governo Draghi in riferimento alla guerra in Ucraina, si stanno caratterizzando per un elevato tasso di incostituzionalità: “Prima con il Consiglio dei ministri e poi con il discorso in Senato di Mario Draghi, poi con la risoluzione votata dall’Europarlamento, Italia ed Unione Europea hanno sostanzialmente dichiarato guerra alla Russia schierandosi con sanzioni, uomini e mezzi. Questa scelta bellicista è folle e incostituzionale”.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano