Politica

di Mario Adinolfi

ORA SIATE CONSEGUENTI

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

“Siamo arrabbiati, affranti e pieni di vergogna. Da quando è nata hanno cercato di sbarazzarsi di lei senza che nessuno lo sapesse ma io e Clare ci siamo assicurati che sarebbe stata ricordata per sempre”. Nelle parole del papà di Indi Gregory c’è tutto. Sono le parole dei genitori di Alfie Evans, di Charlie Gard, ma anche di T.S. ragazza 19enne disabile soppressa per sentenza in un ospedale inglese nonostante lei dicesse chiaramente che voleva vivere e dei tanti uccisi dagli apparati sanitari degli Stati che usano la cultura della morte per tagliare i costi, partendo da quelli della cura degli inguaribili. Non mi attardo sul dato emotivo, oggi tutti hanno chiaro lo strazio di quei genitori e la bellezza eroica della piccola morta stanotte. Vi voglio portare sul dato razionale che questa e tutte le altre vicende spiegano oltre ogni ragionevole dubbio: l’eutanasia è una pratica che nulla ha a che fare con la libertà, ci verrà imposta, viene imposta, è stata imposta a Indi e non è un caso isolato. Se non sei più produttivo, se sei malato e non puoi guarire (sorte che toccherà a quasi tutti noi) la società dei produttivi farà in modo di farti sentire come un peso, fin quando o chiederai tu stesso di essere soppresso o provvederanno loro: “Hanno cercato di sbarazzarsi di lei senza che nessuno lo sapesse”. Questa è la verità. Accadrà e talvolta già accade nel silenzio generale. Il Nord Europa, utilitarista e pragmatico, già procede in quella barbara direzione. Ancora una volta spetta all’Italia essere faro del diritto e della civiltà tra le genti. Per questo la battaglia per mantenere l’Italia nel solco della sua splendente tradizione giuridica che vede nella vita un bene indisponibile è la battaglia cruciale da combattere. L’Italia avrebbe accolto Indi perché in Italia non uccidiamo i sofferenti, in Italia curiamo gli inguaribili, in Italia nessun giudice può disporre della vita altrui. Capiamola bene questa lezione, perché i barbari sono anche tra di noi e vorrebbero portare quei boia tra noi. La trincea della resistenza a costoro è la trincea in cui è necessario spendere la propria vita, per Indi e ancor di più per T.S. della cui soppressione si sono talmente vergognati da non dare alcun dettaglio, facendoci capire che è una tra le tante, il Milite Ignoto di questa guerra per la civiltà e il diritto alla vita. Non dimenticatele le parole del papà di Indi: “Hanno cercato di sbarazzarsi di lei senza che nessuno lo sapesse”. Prima proveranno a imporre la cultura della morte, magari senza le leggi ma usando i tribunali. Poi tenteranno di renderci assuefatti a suicidi assistiti e uccisione di Stato. I più arditi racconteranno la frottola, efficace mediaticamente fin dal Terzo Reich, che è uno straordinario nuovo diritto che viene concesso al cittadino quello di farsi ammazzare da un medico che ti toglie aria, acqua e cibo, poi se non basta ti inietta il Pentobarbital. Infine ci saremo talmente abituati che ci consegneremo noi stessi, storditi, al carnefice e diranno che lo abbiamo liberamente chiesto. Ricordatevi allora la lezione di Indi: vogliono solo sbarazzarsi dei non produttivi, che sono un costo, senza far rumore. Ma quella bambina è andata via urlando e svegliando il mondo intero. Il “senza che nessuno lo sapesse”, stavolta, è operazione fallita. Ora siate conseguenti a quel che Indi con il suo sacrificio vi ha spiegato.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

15/11/2023
0712/2023
Sant'Ambrogio vescovo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

La truffa della finta unione gay

Il crimine politico commesso da Renzi e Alfano è avere ceduto ai lobbisti Cirinnà e Lo Giudice che, per ragioni oscillanti tra gli interessi diretti e l’ideologia, hanno scritto una legge incostituzionale in cui peraltro il diritto alla reversibilità è previsto solo per la coppia omosessuale, mentre in una coppia eterosessuale che pure usa la stessa legge per ufficializzare la propria unione, al superstite non spetta nulla. Dunque il batterista jazz di Schio si godrà una bella pensione ringraziando per sempre Monica Cirinnà avendo recitato l’essere omosessuale, mentre una povera donna in una coppia di fatto eterosessuale che perde improvvisamente il compagno con cui magari ha generato tre o quattro figli si ritrova con il nulla e con il diritto negato all’accesso alla pensione di reversibilità. Vi pare una legge giusta questa, una legge che tutela le truffe compiute da para-omosessuali (in tutto 7.513 coppie) e ignora un milione di persone unite in coppia di fatto che allevano più di settecentomila figli minori?

Leggi tutto

Storie

Intervista con la presidente di “Jamais sans Marwa”

Non è una faccenda di scontro di civiltà, l’accostamento di questi due innocenti tanto vicini eppure lontani ce lo ricorda. Anzi, Justine, la fondatrice e presidente dell’associazione “Jamais sans Marwa”, ci tiene a ribadirlo: «Per quanto riguarda la parte religiosa, durante questa battaglia abbiamo espressamente fatto in modo di tenercela nell’intimità: noi veniamo da ogni luogo e abbiamo ogni tipo di origine; è una battaglia umana, non di ingiustizia religiosa». Appunto con lei ci siamo intrattenuti per osservare da vicino “il piccolo principe” inglese e la “principessina” francese, riservandoci di commentare più avanti gli sviluppi giuridici del caso Gard per come si stanno snodando nelle udienze di Mr. Justice Nicholas Francis.

Leggi tutto

Società

Il primo diritto è quello a NON emigrare

La Commissione Episcopale per le Migrazioni (organo della Cei) ha emanato un documento che prende posizione sui migranti.

Leggi tutto

Società

L’Alta Corte di Londra ha giudicato in favore della vita di Tafida Raqeeb

L’Alta Corte di Londra ha giudicato in favore della vita (prima che della famiglia) di Tafida Raqeeb. Per la prima volta in Regno Unito un giudice ha disposto il mantenimento del sostegno vitale di un paziente pediatrico in un caso di conflitto tra l’ospedale e la famiglia. La decisione è arrivata con una sentenza di non facile lettura - e per come vi è espresso il bilanciamento dei punti di vertenza e per l’estensione del testo (70 pagine, le prime 30 di sintesi delle posizioni delle parti) – e tuttavia estremamente netta a concludersi:

Leggi tutto

Storie

Schwazer: “Giustizia È Fatta”

Quasi cinque anni dopo, siamo alla sentenza dove il Gip del Tribunale di Bolzano, Walter Pelino, ha disposto l’archiviazione del procedimento penale, perché Schwazer per “non aver commesso il fatto”.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco; percorso di alta formazione per continuare ad annunciare la Buona Novella

Lettera del Santo Padre al Gran Cancelliere della Pontificia Università Lateranense, sull’istituzione di un Ciclo di studi in “Ecologia e Ambiente. Cura della nostra Casa Comune e Tutela del Creato”

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano