Società

di Raffaele Dicembrino

La lingua italiana ponte di pace e di fede

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

L’italiano, sebbene la lingua ecclesiastica sia il latino, è l’idioma veicolare della Chiesa cattolica e della Santa Sede. Religiose, religiosi, seminaristi e sacerdoti di tutto il mondo lo parlano ogni giorno, nella loro azione pastorale, nelle diocesi di tutta Italia, lo approfondiscono per studiare nelle Università Pontificie e lo impiegano nei loro incarichi di rappresentanza e nelle interazioni formali tra la Santa Sede e lo Stato italiano. Lo studio della lingua italiana è indispensabile per i religiosi che interagiscono con i fedeli su problematiche, culture e atteggiamenti che richiedono un elevato livello di comprensione. Lo stesso Santo Padre sceglie spesso l’italiano per comunicare, anche nel corso di suoi viaggi all’estero.

Per soddisfare le esigenze linguistiche e comunicative degli apprendenti religiosi, la Società Dante Alighieri e la Segreteria di Stato del Vaticano avviano dunque un percorso di formazione linguistica per chi, giunto in Italia dall’estero, necessita di studiare l’italiano per poi utilizzarlo nel proprio incarico.
Il percorso sarà avviato lunedì 27 novembre in Palazzo Firenze a Roma dal presidente della Società Dante Alighieri, Andrea Riccardi, e dal sostituto per gli Affari Generali della Segreteria di Stato vaticana, monsignor Edgar Peña Parra, che firmeranno un accordo finalizzato ad assicurare l’adeguata formazione linguistico-culturale a discenti provenienti da tutto il mondo.
La breve cerimonia di firma sarà preceduta dal convegno di studi intitolato “L’Italiano della Chiesa”, che, oltre alle relazioni di Andrea Riccardi e Edgar Peña Parra, accoglierà quella della studiosa di temi linguistici ecclesiastici Rita Librandi, professore emerito dell’Università “Orientale” di Napoli, e i saluti di apertura dell’ambasciatore d’Italia presso la Santa Sede, Francesco Di Nitto.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

17/11/2023
0812/2023
Immacolata Concezione della Beata Vergine Maria

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Perchè la Chiesa tace ?

Serve che si capisca la straordinarietà di questo tempo, la rapidità dei tempi con cui tutto questo sta accadendo. Serve chi sappia organizzare una risposta netta e su ampia scala. Serve erigere una diga altrimenti saremo travolti senza neanche accorgercene e i deboli resteranno senza difesa alcuna e noi che sappiamo senza giustificazione alcuna. Ora serve fare, rispondere, combattere, spiegare. Serve non temere di poter essere irritanti. Ora l’essere accomodanti proprio non basta più.
Ora serve essere, e fino in fondo, cristiani.

Leggi tutto

Società

Punti di forza e di debolezza della scuola italiana oggi

Riflessione sulla scuola italiana.Il testo di un ricco e stimolante intervento dalla terza festa nazionale del nostro quotidiano.

Leggi tutto

Chiesa

Ecce Quaresima

La parola “Quaresima” deriva dal termine anglosassone “Lencten”, che significa primavera. Nella maggior parte delle lingue romanze, slave e celtiche viene tuttavia usato un derivato della parola latina
“quadragesima”, che si riferisce al “40°” giorno prima della Pasqua.

Leggi tutto

Chiesa

Il programma ufficiale del viaggio spirituale di Papa Francesco in Ungheria e Slovacchia

Tre giorni ricchissimi di impegni, dal 12 al 15 settembre prossimi, per Papa Francesco che presiederà la Messa finale del Congresso Eucaristico internazionale a Budapest per poi trasferirsi a Bratislava. Visite nelle città di Košice, Prešov e Šaštin. Appuntamenti con giovani, vescovi, rom e una Divina liturgia bizantina.

Leggi tutto

Politica

Ragionando ancora un po’sull’astensionismo

Ancora una volta il vero vincitore di queste elezioni è il partito astensionista. I motivi per cui metà o più degli italiani non vada a votare possono essere i più vari. Ma uno credo sia comune a tutti loro: la convinzione che comunque non cambierà nulla

Leggi tutto

Storie

Capitale italiana della Cultura 2024: le candidate

Sono 23 le città che hanno presentato il dossier di candidatura a Capitale italiana della cultura per l’anno 2024.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano