Chiesa

di Raffaele Dicembrino

Papa - Non lasciamoci paralizzare dalla paura

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Dopo aver condiviso la Mensa eucaristica con i poveri riuniti in San Pietro e idealmente con tutti i poveri e i bisognosi del mondo, nella Giornata mondiale a loro dedicata, dalla finestra assolata dell’Angelus, davanti a oltre 20mila pellegrini, il Papa commenta la parabola dei talenti da cui – dice – emergono due modi per accostarci a Dio: uno con paura che paralizza il nostro agire e la nostra missione e ci rende schiavi, l’altro con fiducia che ci fa essere audaci, vittoriosi, attivi e creativi nel bene.

Colui che seppellisce il talento ricevuto, nascondendo quella moneta sotto terra, non si fida né del padrone né di se stesso, ha un immagine di Dio distante e sbagliata:

Non vede la stima e la fiducia che il signore ripone in lui, ma vede soltanto l’agire di un padrone che pretende più di ciò che dà, di un giudice. Questa è la sua immagine di Dio: non riesce a credere alla sua bontà. Per questo si blocca e non si lascia coinvolgere nella missione ricevuta.

Gli altri servi a cui il padrone affida i suoi beni invece si fidano, riescono ad investire e persino a raddoppiare i talenti ricevuti, accettando il rischio di mettersi in gioco.

Non sanno in partenza se tutto andrà bene: studiano, vedono le possibilità e prudenzialmente cercano il meglio, accettano il rischio di mettersi in gioco. Così hanno il coraggio di agire con libertà, in modo creativo, generando nuova ricchezza.

Paura e fiducia, ecco il bivio che, afferma Francesco, ci si apre davanti ogni volta, eppure la scelta del cristiano è semplice: fidarsi del Padre che sempre ama i suoi figli.

Ricordiamo: la paura paralizza, la fiducia libera. E questo vale anche nell’educazione dei figli. E chiediamoci: “Credo che Dio è Padre e mi affida dei doni perché si fida di me? E io, confido in Lui al punto di mettermi in gioco senza scoraggiarmi, anche quando i risultati non sono certi né scontati? So dire ogni giorno nella preghiera ‘Signore, io confido in Te, dammi la forza di andare avanti: io mi fido di Te, delle cose che Tu mi hai dato. Fammi sapere come, come portarle avanti …’

Anche di fronte a risultati incerti e non scontati, a situazioni difficili della vita, il Pontefice esorta ad “investire” in Cristo senza lasciarsi paralizzare dall’incertezza. Tra gli interrogativi che il Papa lancia al termine della catechesi e su cui invita a riflettere, uno in particolare è per la Chiesa: Come Chiesa: coltiviamo nei nostri ambienti un clima di fiducia e di stima reciproca, che ci aiuti ad andare avanti insieme, che sblocchi le persone e stimoli in tutti la creatività dell’amore? Pensiamoci.. E la Vergine Maria ci aiuti a vincere la paura, mai avere paura di Dio! Timore sì, paura no. Dopo la preghiera mariana il Papa leva ancora la sua voce per i tanti conflitti in atto nel mondo. In particolare prega e lancia appelli per il Medio Oriente, l’Ucraina e il Myanmar e dice: “la pace è possibile, non rassegniamoci alla guerra”. Ricorda le vittime della strada e accanto alla settima Giornata Mondiale dei Poveri menziona anche quella della pesca che verrà celebrata il prossimo 21 novembre. Infine ricorda anche la beatificazione ieri nella Cattedrale di Siviglia di don Manuel González-Serna Rodríguez e un gruppo di compagni uccisi in odio alla fede nel 1936, durante la guerra civile spagnola.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

20/11/2023
2406/2024
Natività di San Giovanni Battista

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

India - monumento in memoria dei martiri di Kandhamal

Una stele con 105 nomi nella parrocchia di Kolanaju ricorda i 105 cristiani uccisi per la loro fede nella persecuzione del 2008.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco: “impariamo dagli indigeni”

Papa Francesco incontra i partecipanti al sesto incontro globale del Forum dei popoli indigeni, promosso dal Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD)

Leggi tutto

Chiesa

Un pane per il Papa, il dono degli ungheresi

Simbolo di vita, benedizione e buon augurio, verrà offerto al Pontefice al suo atterraggio a Budapest.

Leggi tutto

Chiesa

Papa - Le guerre e le miserie portano al declino della fraternità umana

Papa Francesco riceve i partecipanti ad un Conferenza su crisi alimentari e umanitarie in corso in Vaticano e parla dell’urgenza di alleviare le sofferenze di chi soffre la fame.

Leggi tutto

Storie

Il Papa e le operazioni del passato

Il professor Alfieri ha spiegato che il laparocele che provocava dolore a papa Francesco è una conseguenza delle chirurgie pregresse.

Leggi tutto

Chiesa

È beata Madre Elisa Martinez

Il cardinale Semeraro, prefetto del Dicastero per le Cause dei Santi, quale Rappresentante del Papa, ha celebrato la Messa di Beatificazione della religiosa, scomparsa nel 1991, nel Santuario di Santa Maria di Leuca, che dà il nome alla Congregazione da lei fondata

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano