Politica

di Raffaele Dicembrino

Affitti brevi: più trasparenza nel settore in Europa

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

La Commissione europea ha accolto con grande favore l’accordo raggiunto tra il Parlamento europeo e il Consiglio sulla proposta relativa alla locazione di alloggi a breve termine presentata quasi un anno fa.

Il nuovo regolamento aumenterà la trasparenza nel settore, con norme chiare per i locatori e le piattaforme in merito alla raccolta e alla condivisione dei dati, e fornirà informazioni chiave alle autorità che desiderano gestire l’impatto degli affitti a breve termine sulle comunità locali. Gli obblighi di condivisione dei dati per le piattaforme saranno adattati agli attori più piccoli. Dopo l’entrata in vigore, gli Stati membri disporranno di 24 mesi per istituire i meccanismi per lo scambio di dati, che sono già in fase di preparazione con il sostegno della Commissione.
Il regolamento sugli affitti a breve termine, risultato fondamentale per un turismo sostenibile e intelligente nell’ambito del percorso di transizione per il turismo, integrerà il regolamento sui servizi digitali e fornirà dati aggregati che confluiranno in uno spazio europeo di dati per il turismo.
“Il turismo è fondamentale per l’economia dell’UE. Gli affitti a breve termine sono una parte importante dell’ecosistema del turismo, ma non dovrebbero andare a scapito delle comunità locali”, ha commentato Thierry Breton, Commissario per il Mercato interno. “L’accordo odierno consentirà alle autorità locali di gestire gli affitti a breve termine in modo efficace e proporzionato. Basato sul regolamento sui servizi digitali, garantirà che le piattaforme online di locazione si assumano le loro responsabilità, condividano i dati e contribuiscano a ridurre la presenza di annunci illegali”

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

21/11/2023
2902/2024
Sant'Augusto Chapdelaine martire

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Europarlamento; nuove regole per proteggere le vittime di incidenti stradali

L’aggiornamento delle norme sull’assicurazione auto volute oggi, 21 ottobre, dal Parlamento Europeo, mira a garantire una migliore protezione e un trattamento equo ai cittadini che assicurano i propri veicoli o coinvolti in incidenti.

Leggi tutto

Società

Guerra ed economia europea: regna l’incertezza

Per Paolo Gentiloni, Commissario per l’Economia, “l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia sta causando sofferenze e distruzioni indicibili, ma sta anche gravando sulla ripresa economica dell’Europa.

Leggi tutto

Politica

SCOPRENDO A CIPRO LA VIA PER LA PACE

Non avrò le competenze del neodelegato dell’Ue per il Golfo Persico, Gigi Di Maio, ma ho passato la vita intera a studiare e raccontare la storia dei conflitti tra la mia weltanschaung e ciò che nel mondo avviene davvero. Il conflitto più insopportabile al mio sguardo è il disastro chiamato guerra: alcuni la chiamavano “igiene del mondo”, la nostra generazione e le successive sono le sole a non averla vissuta, già mio padre nacque sotto i bombardamenti angloamericani a Salerno, che facevano morti a centinaia al giorno. Credo che la prima missione del pro-life debba essere quella che riesca davvero a far sì che gli Stati ripudino la guerra come soluzione delle controversie internazionali (splendido in questo senso l’enunciato dell’articolo 11 della Costituzione italiana, ignorato e calpestato da governi di ogni colore).

Leggi tutto

Politica

Commissione Europei: i suoi pseudolavori mascherati

Nel documento, per circolazione interna, intitolato #UnionOfEquality. European Commission Guidelines for Inclusive Communication si parla di una pseudo uguaglianza che elimina anche le giuste differenze, annullando ed omologando le persone invece di sviluppare, fin dalla scuola, le libere identità ed il solo allora autentico scambio. Ecco sempre più smascherati i falsi valori del pensiero unico che sta svuotando, manipolando e distortamente tecnicizzando ogni cosa.

Leggi tutto

Politica

L’Europa corre ai ripari per le vittime della strada

Secondo i dati definitivi sul numero di vittime della strada per il 2021, pubblicati questa settimana dalla Commissione europea, lo scorso anno sulle strade dell’UE hanno perso la vita 19.900 persone.

Leggi tutto

Politica

L’insulto delle Ong a Meloni e von der Leyen

Per capire quale sia l’obiettivo delle Ong straniere che operano nel Mediterraneo e hanno la pretesa di sbarcare i migranti nel nostro Paese, è sufficiente analizzare il modo in cui effettuano la loro propaganda. Non vogliono regole, alzano i toni quando le autorità preposte cercano soluzioni e vogliono operare in completa autonomia e al di sopra di ogni regolamento. Non ottengono quello che vogliono? Ecco che partono gli insulti. A finire nel mirino della Ong Louise Michel, quella finanziata dall’artista Banksy, sono state di recente Giorgia Meloni e Ursula von der Leyen.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano