Società

di Mario Adinolfi

MANIFESTO DELL’UOMO CHE AMA

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

L’uomo che ama è geloso e in un rapporto sano è gelosa anche la donna amata, perché aspiriamo alla purezza e vogliamo tutti essere unici per qualcuno. L’uomo che ama è protettivo ed è una caratteristica che nulla ha a che fare con l’ansia di possesso, ma con la radice del maschile pronta al sacrificio anche estremo per la donna, per i figli. L’uomo che ama è Dante con Beatrice, è Petrarca con Laura, è Boccaccio con Fiammetta, è Leopardi con Silvia, è Fedez con la Ferragni, è versi dedicati all’amata perché ognuno cerca il modo di consegnare il suo amore all’infinito, all’immortalità. L’uomo che ama è diverso dalla donna che ama e questa diversità è meravigliosa e necessaria. L’uomo che ama non ha paura di assumersi responsabilità verso la donna amata e questo non è patriarcato, ma la premessa necessaria ad avere padri e madri capaci di essere punto di riferimento autorevole nella crescita dei propri figli. Ognuna di queste caratteristiche positive può tracimare in dimensioni ossessive, ma è l’eccezione e non la regola, come in una donna la giusta attenzione per una salutare silhouette può trasformarsi in anoressia, cioè in una patologia. Ma il rischio, statisticamente remoto, di una deriva patologica non può essere usato per demolire ciò che invece è naturalmente sano. Continuate a crescere i figli maschi nel profondo rispetto per la donna, per il suo corpo, teneteli lontani dalle troppe pornografie della contemporaneità. Spiegate loro che l’uomo che ama è un cavaliere capace di “servitù d’amore”, di andare in battaglia e di tornare con doni da innamorato. Ogni donna sia per ogni uomo raffigurazione di amica, sorella e madre prima di essere compagna o moglie. Questo nostro Paese, da amare anche se la parola “patria” è contenuta nell’odiosa retorica sul patriarcato, è intriso di devozione mariana come nessun altro in Occidente e questa sua radice misurabile in ogni borgo dall’infinito numero di immagini, chiese, vie, piazze, feste, processioni intitolate alla Madonna è all’origine del rispetto che l’uomo che ama riserva naturalmente alla donna. L’uomo che ama la vede sempre “umile e alta più che creatura”. Bruciate il male, non bruciate tutto. E l’uomo che ama non è il male.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

22/11/2023
2102/2024
Sant'Eleuterio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Tag associati

Articoli correlati

Storie

Di Noto ed i drammi della violenza

Non tutti i giovani non amano, ma non è più tollerabile questa forma di violenza proprio tra le nuove generazioni – prosegue don Di Noto -. Nelle scuole, tra i giovani, nelle famiglie dobbiamo parlare della inviolabilità della vita umana, è una guerra offensiva silente e devastante”.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco e la tempesta perfetta

In occasione della Cop26, Francesco invia un audio-videomessaggio alla BBC. Centrale l’auspicio di una rinnovata solidarietà globale per compiere “scelte radicali” che ci permettano di uscire dalle crisi trasversali e interconnesse che l’umanità affronta

Leggi tutto

Media

“Il cuore nel cuore” di Francesco Giannelli Savastano

Questo libro “Il cuore nel cuore” è un diario personalissimo e corale allo stesso tempo. Francesco racconta la sua avventura, racconta i suoi drammi nel viverla, e il dolore che prova ogni volta che incontra una nuova famiglia con il suo carico di sofferenze.

Leggi tutto

Politica

Aborto, M5S: “Con ddl Fdi sarà esproprio patriota dell’utero

Ecco il volto disumano dei 5 stelle

Leggi tutto

Storie

Chiesa primitiva: donna e autorità

La vita religiosa – sia quella contemplativa sia quella attiva come la conosciamo oggi – si è evoluta nel corso di due millenni. In questo secondo articolo, Christine Schenk racconta di una ricerca originale su evidenze archeologiche riguardo all’attività delle donne del cristianesimo delle origini, rilevate nei fregi di sarcofagi datati tra la fine del III e l’inizio del V secolo

Leggi tutto

Storie

Per Asia Bibi un futuro tutto da scoprire

L’ordine di rilascio dalla prigione di Multan - nel centro del Pakistan, dove era detenuta – viene vincolato dal governo: il portavoce del ministero degli Esteri, Muhammad Faisal, ha dichiarato che Asia Bibi “si trova in un luogo sicuro e che è ancora in Pakistan”, smentendo le notizie di una partenza della donna per l’estero. Come di concluderà questa interminabile vicenda?

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano