Storie

di Jack Harper

La Transizione Energetica Globale: USA, Cina e Europa a confronto

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

In un mondo sempre più consapevole delle sfide climatiche, la transizione energetica emerge come un punto cardine per il futuro del nostro pianeta. Ogni continente, con le sue politiche e investimenti, sta delineando un proprio percorso verso un futuro più sostenibile, evidenziando sia le differenze che le similitudini nelle loro strategie ambientali. In questo articolo mettiamo a confronto Stati Uniti, Cina ed Europa, superpotenze mondiali con percorsi diversi ma paralleli in questo cruciale processo di transizione.

Cina: gigante energetico in cerca di rinnovamento La Cina si colloca in una posizione unica nel panorama della transizione energetica. Da un lato, è il maggiore produttore mondiale di gas serra, dall’altro guida gli investimenti globali in questo settore con un imponente stanziamento di 546 miliardi di dollari. Questo investimento massiccio non è solo una dichiarazione di intenti ma una strategia ben definita che pone la Cina come leader nella produzione di tecnologie per l’energia rinnovabile, specialmente nel campo eolico, solare e nella produzione di veicoli elettrici. Il paese mira a raggiungere zero emissioni entro il 2060, un obiettivo ambizioso che riflette la sua crescente consapevolezza ambientale.

La produzione di energia rinnovabile in Cina sta vivendo una crescita senza precedenti. Oltre la metà degli impianti eolici e solari globali, così come delle auto elettriche vendute nel mondo, sono prodotti in Cina. Questa significativa trasformazione industriale si inserisce in un contesto più ampio di riorientamento dell’economia cinese verso settori più sostenibili e tecnologicamente avanzati.

La produzione di energia rinnovabile in Cina sta vivendo una crescita senza precedenti. Oltre la metà degli impianti eolici e solari globali, così come delle auto elettriche vendute nel mondo, sono prodotti in Cina. Questa significativa trasformazione industriale si inserisce in un contesto più ampio di riorientamento dell’economia cinese verso settori più sostenibili e tecnologicamente avanzati.
Gli Stati Uniti, da parte loro, hanno destinato 140 miliardi di dollari per la loro transizione ecologica, con l’obiettivo di raggiungere zero emissioni entro il 2050. Il recente Inflation Reduction Act del 2022 ha stanziato oltre 500 miliardi di dollari per la sicurezza energetica e la transizione, focalizzandosi su batterie e rinnovabili, trasporti green e mobilità elettrica, oltre al raccoglimento e allo stoccaggio del carbonio. Queste mosse indicano una chiara volontà degli Stati Uniti di posizionarsi come leader nella lotta contro il cambiamento climatico e nella promozione di un’economia più sostenibile e resiliente.

Gli Stati Uniti puntano alto: oltre 500 Miliardi per un futuro ecosostenibile

Gli Stati Uniti, da parte loro, hanno destinato 140 miliardi di dollari per la loro transizione ecologica, con l’obiettivo di raggiungere zero emissioni entro il 2050. Il recente Inflation Reduction Act del 2022 ha stanziato oltre 500 miliardi di dollari per la sicurezza energetica e la transizione, focalizzandosi su batterie e rinnovabili, trasporti green e mobilità elettrica, oltre al raccoglimento e allo stoccaggio del carbonio. Queste mosse indicano una chiara volontà degli Stati Uniti di posizionarsi come leader nella lotta contro il cambiamento climatico e nella promozione di un’economia più sostenibile e resiliente.
L’ Europa, con un investimento di 180 miliardi di dollari nel 2022, si candida a diventare il primo continente completamente carbon free. Il pacchetto “Fit for 55” dell’UE stabilisce obiettivi ambiziosi per il 2030: un 42,5% di energia da fonti rinnovabili e miglioramenti significativi in termini di efficienza energetica. Le politiche europee includono inoltre l’introduzione di un meccanismo di tassazione del carbonio sulle importazioni (Cbam) dal 2026 e il divieto di vendita di nuove auto a diesel e benzina dal 2035. Con una spesa totale di 578 miliardi di euro per il clima e tecnologie green nel periodo 2021-2027, pari al 33% del budget complessivo, l’UE dimostra un impegno senza precedenti nella lotta contro il cambiamento climatico.
È dunque da sottolineare quanto sia importante l’impegno da parte dell’ Unione Europea in ottica transizione energetica, specialmente in risposta all’Inflation Reduction Act degli Stati Uniti che ha rafforzato ulteriormente il ruolo americano in questo campo. Se l’Europa dovesse rallentare nell’adattamento a questa transizione, infatti, ciò potrebbe risultare in una perdita di competitività.

L’ UE investe per un 2030 all’insegna dell’ecologia

L’UE è chiamata a tenere il passo


I Paesi dell’Unione Europea devono continuare ad intensificare gli sforzi e le risorse per l’innovazione e la produzione, onde evitare impatti negativi sull’industria e sulla strategia Europea di crescita.

Un potenziale rischio derivante da un’incapacità di seguire opportunamente la strada della transizione energetica a livello Europeo è quello di vedere le imprese trasferirsi negli Stati Uniti, attratte da maggiori incentivi, specialmente nel settore dell’energia solare.

Insomma, è fondamentale per l’Unione Europea non perdere il passo con Cina e Stati Uniti, che sono pienamente impegnati nella corsa allo sviluppo sostenibile e che delineano pertanto un contesto globale in cui rimanere indietro non è un’opzione minimamente percorribile per l’UE.

Insomma, è fondamentale per l’Unione Europea non perdere il passo con Cina e Stati Uniti, che sono pienamente impegnati nella corsa allo sviluppo sostenibile e che delineano pertanto un contesto globale in cui rimanere indietro non è un’opzione minimamente percorribile per l’UE.


Fonte: https://www.prontobolletta.it/news/transizione-energetica-globale/

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

24/11/2023
2306/2024
San Giuseppe Cafasso

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Tag associati

Articoli correlati

Chiesa

Arborelius primo cardinale svedese

Il vescovo carmelitano di Stoccolma è stato indicato tra i nomi di quanti verranno creati cardinali nel prossimo concistoro del 28 giugno. Se già nell’attuale collegio cardinalizio stupiscono le nomine
dei prelati europei, quella di Anders Arborelius colpisce anche perché si tratta del primo svedese che si fregia della porpora romana; e si tratta di un convertito dal luteranesimo; ed è il giubileo luterano

Leggi tutto

Storie

Gallagher ricorda l’11 Settembre 2001

Nell’anniversario degli attentati alle Torri Gemelle e al Pentagono dell’11 settembre, il segretario vaticano per i Rapporti con gli Stati si esprime sul terrorismo di matrice religiosa: oltre a spezzare il flusso di armi e denaro, è necessario educare alla fraternità.

Leggi tutto

Politica

Biden non tutela i cristiani in Nigeria

La Nigeria è il luogo dove ogni anno muoiono più cristiani al mondo per mano dei terroristi islamici. Eppure il dipartimento di Stato ha cancellato la Nigeria dalla lista nera per inserire invece la Russia

Leggi tutto

Storie

Cina: scomparsi per malattia tre sacerdoti e una suora

Dall’inizio dell’anno, tre sacerdoti e una suora sono deceduti in Cina a causa di malattie

Leggi tutto

Storie

L’UNICA POSSIBILTA’ LOGICA : Francesco

La situazione mondiale diventa sempre più tragica mentre i nostri leader se la giocano come a Risiko

Leggi tutto

Chiesa

Le intenzioni del papa

La posizione di Francesco sulla guerra russo-ucraina testimonia della sua buona fede, alla quale sempre sono stato propenso a credere. Anche perché il mare di vive intuizioni innovative che trasmette non potrebbe facilmente provenire da un burocrate. Francesco vuole uscire dalle astrazioni, dagli spiritualismi, del razionalismo ma non avendo ricevuto la grazia di intuire un oltre rispetto al razionalismo stesso esso resta la sua cultura di riferimento, sia pur guardata con sospetto. Così finisce nel pragmatismo del “famo a capisse” e non in una rinnovata ricerca del discernere divino e umano del Gesù dei vangeli, del suo cuore nella luce che scende a misura, come una colomba.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano