Società

di Nathan Algren

India: cristiani dalit discriminati ancora nelle processioni

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Un gruppo di cristiani dalit (in passato definiti paria o intoccabili secondo le caste indiane) del panchayat di Purathakudi-Magizhambadi nel distretto di Trichy nel Tamil Nadu ha denunciato una nuova discriminazione di casta nei loro confronti da parte dei cristiani non dalit della chiesa di San Francesco Saverio. Nonostante un’ordinanza dell’alta corte del 2015 consenta loro di partecipare alle attività della chiesa, inclusa l’annuale festa, insieme agli altri. La parrocchia in questione fa parte della diocesi di Kumbakonam.

Intorno alla chiesa risiedono circa 1.500 famiglie di cristiani non dalit e altrettante famiglie di dalit. I cristiani dalit denunciano di essere esclusi alla festa annuale della chiesa: “Durante la celebrazione, nelle nostre strade non si svolgono processioni con bandiere, fiaccolate o cortei di automobili. La comunità cristiana dominante non ci permette di toccare le auto né di abbellirle con ghirlande. Siamo completamente esclusi da tutte le attività religiose e culturali della nostra chiesa. Anche dopo 14 riunioni dei comitati per la pace sociale, non è arrivato alcun consenso per far partecipare i dalit le processioni”, hanno detto. La festa cade il 3 dicembre, e anche dopo la sentenza della corte è stata celebrata insieme dai cristiani dalit e non solo nel 2017.

Eppure il tribunale di Madurai dell’Alta Corte ha ordinato anche quest’anno alle autorità, al vescovo della diocesi di Kumbakonam e al parroco di intraprendere le iniziative più appropriate per coinvolgere i cristiani dalit durante la festa annuale: “Ma le istituzioni religiose si schierano a favore dei cristiani non dalit”, denunciano i dali mentre gli altri membri della comunità negano le accuse, attribuendo il mancato ingresso della processione in alcune zone solo a motivi logistici.

Padre R Arockiadoss, vicario foraneo nella zona di Lalgudi, ha detto che la diocesi è pronta ad attuare le indicazioni dell’alta corte: “Il nostro vescovo ha fatto del suo meglio per riunire entrambi i gruppi di cristiani per organizzare la processione con le auto”. Ad AsiaNews p. Raj, ex segretario nazionale dell’Ufficio per i dalit e classi oppresse della Conferenza episcopale indiana (Cbci), spiega: “Anche se l’alta corte ha ordinato di portare il corteo automobilistico anche nelle strade dei cristiani dalit, non è stato ancora organizzato. La scusa è che le strade sono troppo piccole per portare le auto in processione attraverso le strade abitate dai dalit. Ma tutti dovrebbero riunirsi con fede e carità cristiana e risolvere la questione”.

Sul tema interviene anche il gesuita p. A.X.J. Bosco, da molti anni attivo nella sensibilizzazione della Chiesa indiana su questo tema: “I cristiani dalit hanno combattuto per ottenere i loro diritti all’interno della Chiesa. Purathakudi ne è un esempio. Le caste non possono essere accettate dai cristiani: i dalit sono uguali agli altri. Pur avendo la fede cristiana sempre affermato che tutti siamo figli di Dio, di fatto molti cristiani hanno sempre trattato i dalit come intoccabili e quindi diseguali, con il sostegno silenzioso dei vescovi e dei sacerdoti perpetuando la mentalità delle caste”.

“Se vuole - aggiunge p. Bosco - il vescovo può cancellare le feste fino a quando le persone non accettano di riunirsi per celebrare. La politica ufficiale della Conferenza episcopale indiana (Cbci) afferma che le caste sono un peccato e la discriminazione di casta è contro Gesù e i suoi principi. Finché la gerarchia e i sacerdoti continueranno a peccare senza nemmeno rendersi conto di esserlo, i cristiani dalit e Gesù, che mangiava e beveva con i peccatori, i samaritani, gli emarginati e i pubblicani, non troverà posto nella Chiesa indiana”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

27/11/2023
2102/2024
Sant'Eleuterio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Certa CEI contro l’ora di religione

Uno degli aspetti più controversi della “Buona Scuola” è che l’immissione di questi mitologici professori non curriculari nell’organico degli istituti porterebbe per la natura stessa delle cose a emandare loro le materie alternative all’ora di Religione Cattolica. Morale della favola, chi si avvale dell’Irc resta di fatto penalizzato e depotenziato rispetto agli altri. I Vescovi vedono e tacciono

Leggi tutto

Politica

Ministro Bonetti: 30 milioni per i campi estivi

Non si coglie come sia possibile immaginare l’apertura di centri estivi – e chi dovrebbe educare i bambini ai giusti comportamenti all’interno dei medesimi? – se non si riconoscono le condizioni adeguate per riaprire le scuole. Si tratterebbe comunque di luoghi di “assembramento sociale”, in che spazi? Gestiti da chi? Insomma, le risposte del ministro contengono sempre una parte di giudizio interessante, a tratti anche condivisibile («i nostri figli hanno diritto di giocare», «la priorità è sostenere le famiglie e investire nel valore sociale che continuano a mettere in campo»), purtroppo innestate – quasi innaturalmente – in una concezione talmente ideologica e statalista per cui gli “aiuti” vanno promessi – si spera prima o poi anche erogati – al fine di un «cambio di paradigma» della società, che deve diventare come il ministro desidera.

Leggi tutto

Storie

Cina - Jiangsu: raid della polizia contro scuole cristiane

Colpita l’Abeka Accademy di Suzhou e un istituto privato di Zhenjiang. Decine le persone arrestate, compresi bambini e genitori.

Leggi tutto

Storie

“Dal Natale al Battesimo” in mostra a San Pietroburgo

Fino al prossimo 2 febbraio sarà possibile visitare presso il Museo delle Religioni di San Pietroburgo,  la mostra dedicata al tema “Dal Natale al Battesimo”,

Leggi tutto

Storie

Open Doors: perseguitato 1 cristiano su 7

In media ogni giorno 16 cristiani uccisi e 10 rapiti nel mondo. 2 cristiani asiatici ogni 5 vivono in un’area dove si sperimenta la persecuzione. A Jaipur diffuso un altro rapporto che elenca 300 attacchi contro i cristiani avvenuti in India negli ultimi nove mesi.

Leggi tutto

Storie

Gujarat: archiviate le accuse alle Missionarie della Carità

Secondo il procuratore locale non c’è nessuna prova delle “conversioni forzate” nell’ostello di Varadara delle suore di Madre Teresa. Le religiose: “Andremo avanti a servire i più poveri”

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano