Società

di Nathan Algren

Iran - Teheran impicca per omicidio un minorenne

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Teheran ha giustiziato un giovane di soli 17 anni, condannato a morte per omicidio in una vicenda dai contorni giudiziari poco trasparenti. A darne notizia sono i gruppi attivisti pro diritti umani Hengaw e Iran Human Rights (Ihr), secondo i quali il giovane Hamidreza Azari - minore di età all’epoca dei fatti e al momento della sua esecuzione, avvenuta il 24 novembre scorso - è stato ucciso per impiccagione nella prigione di Sabzevar, nella provincia di Khorasan-e Razavi nel nord-est dell’Iran, nei pressi del confine con il Turkmenistan.

Testimoni locali riferiscono che il giovane aveva solo 16 anni quando, nel maggio scorso, avrebbe ucciso un uomo nel corso di una rissa. Per questo, spiegano i movimenti attivisti, l’esecuzione costituisce una nuova violazione dei diritti umani e della Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti dell’infanzia da parte della Repubblica islamica, che definisce minore qualsiasi persona di età inferiore ai 18 anni.

Secondo una fonte Hamidreza Azari era nato il primo agosto del 2006, quindi al momento del reato di cui è stato accusato (e condannato alla pena capitale) aveva circa 16 anni e nove mesi. A questo si aggiunge il fatto che nella confessione “forzata” trasmessa in un secondo momento in televisione e nella notizia diffusa sui canali e media filogovernativi, l’età indicata dell’omicida era di 18 anni. Una palese menzogna, per “coprire” l’ennesima esecuzione di una vittima minorenne come già avvenuto in passato. E un tentativo deliberato di eludere le responsabilità per aver violato le leggi internazionali che vietano esplicitamente il ricorso alla pena di morte contro i minori autori di reati.

“L’Iran è uno dei pochi Paesi - sottolinea in una nota Ihr - che condanna a morte i bambini e giustizia più minorenni di qualsiasi altra nazione al mondo”, aggiungendo che, secondo gli ultimi dati, almeno 68 minorenni sono stati giustiziati nella Repubblica islamica dal 2010. Secondo Teheran “bisogna avere 18 anni per ottenere la patente di guida, ma basta avere 15 anni per essere giustiziati” ha aggiunto il direttore del gruppo Mahmood-Amiry Moghaddam.

Esclusa la Cina, di cui non si hanno statistiche ufficiali, il 90% circa delle condanne a morte eseguite nel mondo vengono compiute da Iran, Arabia Saudita ed Egitto. Secondo Ihr, quest’anno in Iran sono state giustiziate almeno 684 persone, soprattutto per reati di traffico di droga e all’omicidio. Il giorno precedente, 23 novembre, Teheran aveva giustiziato un ventenne, ottava persona a essere impiccata in una vicenda legata al massiccio movimento di protesta innescato dalla morte di Mahsa Amini, uccisa sotto custodia della polizia nel settembre dello scorso anno.

E in tema di velo obbligatorio (proprio per non aver osservato le regole in tema di hijab era stata fermata la 22enne curda dalla polizia della morale), attivisti e semplici cittadini della Repubblica islamica riferiscono di una ulteriore stretta nei controlli. Alle stazioni della metropolitana e in altri spazi pubblici - tra cui piazze affollate, parchi e campus universitari - si vedono “donne in chador e uomini con macchine fotografiche in mano” per segnalare quante non osservano la norma.

A fronte di una nuova ondata di proteste e malcontento, le autorità parlano di “gruppi spontanei di persone che trattano gli altri con buone maniere e rispetto”. Un articolo del quotidiano filo-governativo Hamshahri descrive le azioni degli addetti all’hijab agli ingressi della metropolitana come “semplici e gentili richiami” di persone che operano “nell’ambito della legge”. Tuttavia, molti cittadini, in particolare le studentesse, si lamentano del duro trattamento ricevuto.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

29/11/2023
2902/2024
Sant'Augusto Chapdelaine martire

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

Luci per illuminare il Colosseo contro la pena di morte

Il 30 novembre, Roma e e altre duemila città accenderanno i loro più importanti monumenti per ribadire il “no” alle esecuzioni.

Leggi tutto

Storie

Iran: Khamenei, l’Occidente non può parlare di diritti umani

“L’Occidente non ha alcuna dignità per parlare di diritti umani. Sono i nemici del genere umano”. Lo ha affermato la Guida suprema dell’Iran Ali Khamenei, come riporta l’agenzia di stampa Tasnim.

Leggi tutto

Storie

Iran: la stretta di Teheran sulle religioni

Nel fine settimana arrestati numerosi fedeli Bahai per “legami” con un “centro in Israele” e “proselitismo” in scuole e asili.

Leggi tutto

Società

Incinta a 13 anni. La madre a processo

Hanno giurato davanti ai giudici che il loro amore è sano e profondo, ma ciò non è servito a evitare il processo per un ragazzo di 21 anni e per la madre 50enne della compagna

Leggi tutto

Storie

Asia in fermento

Notizie e curiosità dall’Asia

Leggi tutto

Storie

In Siria troppi interessi economico-politici e poco rispetto per la sovranità nazionale

In #Siria tutto e’ pronto per una guerra devastante tra due blocchi intenzionati a non mollare! La tensione e’ altissima in Siria, e l’Onu e’ ancora una volta impotente di fronte a venti di guerra che soffiano sul Medio oriente. Il cacciatorpediniere americano USS “Donald Cook”, armato con missili Tomahawk, ha lasciato il porto cipriota di Larnaca e si dirige verso il Mediterraneo orientale, per portarsi nel raggio d’azione di Damasco, accusata dall’Occidente di aver usato le armi chimiche lo scorso 7 aprile a Duma. Russia e Iran pronte a difendere l’incolpevole alleato a tutti i costi da quella che considerano una trappola israeliana

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano