Storie

di Giuseppe Udinov

Mali: liberato missionario

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Dopo un anno quasi esatto dal suo sequestro, è libero padre Hans Joachim Lohre, il padre bianco (Missionario d’Africa) di nazionalità tedesca, rapito in Mali domenica 20 novembre 2022. La liberazione è avvenuta ieri, domenica 26 novembre, informa l’Agenzia Fides spiegando che le circostanze non sono chiare. Il rilascio di padre Lohre è stato annunciato domenica da un rappresentante del governo del Mali e da due rappresentanti dell’arcidiocesi di Bamako che hanno voluto mantenere l’anonimato. Sarebbe stato direttamente dal governo tedesco a negoziare, e il missionario una volta rilasciato dai suoi rapitori e consegnato alle autorità maliane, è stato subito preso in custodia da rappresentanti delle autorità di Berlino e trasferito nella notte in Germania con un volo apposito. La Germania ha ancora in Mali un proprio contingente di soldati che fanno parte della Missione di mantenimento della pace delle Nazioni Unite Minusma, che dovrebbe cessare le attività entro la fine dell’anno, come chiesto dalle autorità militari golpiste che hanno preso il potere con un colpo di stato nel 2020.

Conosciuto localmente con il soprannome di “Ha-Jo”, padre Hans-Joachim Lohre, 66 anni, viveva da più di 30 anni in Mali dove tra l’altro insegnava presso l’Istituto islamo-cristiano di formazione (Ific) ed era responsabile del Centro Fede e Incontro di Hamdallaye. Il giorno del rapimento il missionario era atteso per celebrare la Messa nella comunità di Kalaban Coura. La sua automobile era parcheggiata davanti a casa e il gli investigatori hanno successivamente trovato la collanina con la croce mozzata del sacerdote accanto al suo veicolo.

Il rapimento non è stato rivendicato ma è stato comunque attribuito, da fonti diplomatiche e della sicurezza, al Jnim, il Gruppo di sostegno all’Islam e ai musulmani, legato ad al-Qaeda, spiega ancora Fides. E ricorda che Lohre è il secondo tedesco a essere liberato nel Sahel in meno di un anno, dopo il rilascio dell’operatore umanitario Jörg Lange nel dicembre 2022 che era stato rapito l’11 aprile 2018 nel Niger occidentale, al confine con il Mali. Un certo numero di ostaggi stranieri, tra cui un sudafricano e una coppia italiana con il figlio, sono tuttora detenuti nel Sahel.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

29/11/2023
2902/2024
Sant'Augusto Chapdelaine martire

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Suor Serena: “nulla di quello che avevo chiesto è accaduto, eppure sono pienamente felice”

Ho deciso d’intervistare Suor Serena perché il suo sorriso è contagioso. No, non è uno scherzo. Lei ride. Ride alla vita. I suoi occhi scintillanti guardano il viso dei suoi giovani e raggiungono il loro cuore. Fu la mia bambina che, quando la vide, disse proprio: “Quella suora mi fa ridere il cuore!”, era fuor di dubbio che io avrei voluto sapere tutto, di lei. Questo è il racconto della sua vita, “impastata e stesa” da Dio.

Leggi tutto

Storie

La lettera di suor Rosalina a Mario Draghi

La ferma lettera di Suor Rosalina a Mario Draghi contro l’invio di armi in Ucraina

Leggi tutto

Storie

NAMIBIA - L’impegno della Chiesa con i giovani

Già durante la riunione pre-sinodale, svoltasi dal 19 al 24 marzo 2018 a Johannesburg, in Sud Africa, I giovani della regione IMBISA hanno espresso nel loro messaggio il desiderio di essere consultati su decisioni e questioni che li riguardano direttamente, nonché di essere guidati nello svolgimento di responsabilità e compiti.

Leggi tutto

Storie

SANTA MARTINA

Continuiamo con la storia dei Santi: oggi si ricorda Santa Martina

Leggi tutto

Storie

43mila Scout in Corea per il Jamboree

Il 25º raduno dello scoutismo è in programma dal 1° al 12 agosto a Saemangeum, nella contea di Buan. Si tratta del secondo Jamboree ospitato dalla Corea del Sud dopo l’edizione del 1991. Ragazzi da 170 Paesi per il primo appuntamento dopo la pandemia

Leggi tutto

Storie

Parolin: la morte di Navalny ci riempie di dolore

Il cardinale segretario di Stato, a margine di una Messa alla Chiesa del Gesù per il 106.mo anniversario della Restaurazione dello Stato della Lituania, commenta la morte del dissidente russo: “Pensavo che la cosa si risolvesse in maniera diversa”

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano