Politica

di Roberto Signori

Stretta dell’Ue sui trafficanti di esseri umani

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

I rappresentanti di 57 Paesi, dall’Europa al Sud-Est asiatico, dal Nord Africa ai Balcani, si sono riuniti martedì 28 novembre a Bruxelles per la Conferenza di Alto livello per contrastare il traffico di esseri umani, convocata dalla Commissione Europea.

A margine di questa giornata di lavori, l’esecutivo Ue ha adottato con procedura scritta due testi, che dovranno ora essere approvati dal Consiglio e dal Parlamento europeo. Il primo è un regolamento sul rafforzamento della cooperazione di polizia in relazione alla prevenzione, all’individuazione e alle indagini sul traffico di migranti e sulla tratta di esseri umani. In questa cornice avrà un ruolo chiave l’Europol, che sarà messa in condizione di lavorare più a stretto contatto con la giustizia, anche per lo scambio di dati, e che avrà la possibilità di intervenire sul campo, sia negli Stati membri che nei Paesi terzi. Il secondo testo aggiorna la direttiva, risalente a ventuno anni fa, che stabilisce le norme contro chi facilita l’ingresso, il transito e il soggiorno di persone migranti non autorizzate nell’Unione. Saranno poi armonizzate le sanzioni: i casi di reati aggravati - che causano la morte di una o più persone - saranno punibili con un livello massimo di reclusione di almeno quindici anni, aumentato dagli attuali otto previsti dalla legislazione esistente.

Dalla visita di settembre a Lampedusa, “siamo riusciti a migliorare la situazione lavorando duro su un piano in dieci punti. Abbiamo unito le forze con l’Italia, le agenzie Onu e la Tunisia”, ricorda la presidente della commissione europea, Ursula von der Leyen. “Il miglior modo di salvare vite è evitare che queste persone intraprendono quel viaggio”, ha spiegato ancora la leader. L’Italia è stato uno dei Paesi sotto i riflettori del vertice, perché più esposto ai primi arrivi ed è quello che ha sollevato di più la questione migratoria in ambito europeo. Oltretutto il governo di Roma resta un osservato speciale per il recente accordo con l’Albania, definito dalla Commissione UE non in contrasto con il diritto Ue, perché al di fuori di esso.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

30/11/2023
2202/2024
Cattedra di S. Pietro

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Bangladesh - La comunità cattolica accoglie il nuovo nunzio apostolico

Mons. Kevin Rondall, di origini statunitensi, è arrivato nel Paese a fine novembre e ha presentato le credenziali al presidente il 7 dicembre. Nel fine settimana la prima messa, assieme all’arcivescovo della capitale.

Leggi tutto

Chiesa

“Fiducia supplicans”. Sarah: “Ci opponiamo a un’eresia che mina la Chiesa”

Di seguito segnaliamo una riflessione scritta dal Card. Robert Sarah e pubblicata sul blog di Sandro Magister, da cui è stata rilanciato da diakonos.be.

Leggi tutto

Storie

Agenzia Antiriciclaggio: si decide

C’è anche Roma (anche se con poche speranze) tra le nove città che si candidano ad ospitare la nuova Agenzia Antiriciclaggio dell’Unione Europea.

Leggi tutto

Chiesa

I Vescovi di Francia contro eutanasia e suicidio assistito

I 118 presuli d’Oltralpe vergano un importante documento contro le derive mortifere di una politica radicale di massa. Un testo luminoso e ragionevole. Quali che siano le nostre convinzioni, il fine vita è una tempo che vivremo tutti e un’inquietudine che condividiamo. Ciascuno deve quindi potervi riflettere il più serenamente possibile, schivando gli scogli delle passioni e delle pressioni.

Leggi tutto

Politica

I temi etici non sono politici?

Cosa ha provato a spiegare il Popolo della Famiglia? Che spendere decine di milioni di euro delle casse pubbliche per avviare una pratica generalizzata di selezione eugenetica finalizzata alla soppressione dei nascituri down era una scelta di stampo nazista. Il Nipt senza ombra di dubbio ha quella finalità: è stato reso gratuito in Islanda e in Danimarca a seguito del programma governativo “Down Syndrome free” ottenendo nell’ultimo quinquennio la soppressione del 100% in Islanda e del 98% in Danimarca dei nascituri down individuati dal test. Non sto a dire che per un cattolico tale comportamento e anche tale scelte politica di impiego delle risorse pubbliche dovrebbe implicare una immediata presa di distanza. Ma anche per chiunque abbia un minimo a cuore la sorte dei bambini down, al di là di qualsiasi orientamento religioso, un governatore che avvia questo tipo di “sperimentazioni” dovrebbe risultare immediatamente invotabile.

Leggi tutto

Chiesa

L’arcivescovo Gallagher all’Onu: i diritti umani sono sempre inalienabili

Gallacher - Il segretario del Vaticano per i Rapporti con gli Stati, l’arcivescovo Paul Richard Gallagher, ha invitato le Nazioni Unite a “riscoprire il fondamento dei diritti umani, al fine di attuarli in modo autentico”, mentre il mondo continua a prendere misure per combattere l’emergenza sanitaria in corso.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano