Società

di Nathan Algren

Tratta minori: bambini dello Sri Lanka vittime del traffico

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

La settimana scorsa l’ente di controllo dell’immigrazione e dell’emigrazione dello Sri Lanka ha presentato una denuncia formale alla divisione investigativa sulla tratta di esseri umani, il contrabbando e la criminalità marittima del Dipartimento investigativo penale (Cid) riguardo ad un presunto ‘cartello’ del traffico di essere umani - in particolare bambini sotto i 18 anni, per lo più cittadini tamil provenienti dalle aree settentrionali e orientali -, che sarebbero stati portati in Malaysia. Arrivati nel Paese del Sud-Est asiatico “regolarmente” e spesso accompagnati dai genitori che in cambio ricevono denaro, i trafficanti fornirebbero loro passaporti falsi con cui questi bambini verrebbero poi venduti in altri Paesi tra cui Francia e Regno Unito utilizzando documenti di viaggio contraffatti.

Secondo gli alti funzionari di polizia, finora sono stati accertati 13 casi di minori mandati in Malaysia con questo sistema, ma potrebbero essere di più. Nell’operazione è stato identificato un trafficante intermediario, mentre attualmente sono in corso le indagini per arrestare i sospettati. Nel frattempo, sono in corso le operazioni di recupero dei minori trafficati all’estero con falsi passaporti.

Alti funzionari del Ministero per le donne e l’infanzia hanno rivelato che le istituzioni si stanno attualmente consultando con le agenzie delle forze dell’ordine coinvolte per intraprendere azioni a livello ministeriale in merito al presunto racket del traffico di bambini segnalato dalla Malaysia, mentre l’Autorità nazionale per la protezione dell’infanzia (NCPA) sta monitorando le indagini in corso.

Rivolgendosi al Parlamento, il ministro per le donne e l’infanzia Geetha Kumarasinghe ha affermato di essere stata informata degli sviluppi del caso e di essere in attesa di informazioni sull’angosciante racket organizzato e specializzato del traffico di bambini: “Ho incaricato il segretario del Ministero - ha detto Kumarasinghe - di avviare un’indagine su questo fenomeno scioccante”.

Nel frattempo, le istituzioni dovrebbero muoversi sul fronte della prevenzione del fenomeno: secondo l’avvocato Sahan Senanayake “il Dipartimento per l’immigrazione e l’emigrazione dovrebbe essere più attento quando rilascia passaporti ai bambini, anche se la richiesta viene avanzata dai loro stessi genitori”.

Il presidente dell’Autorità nazionale per la protezione dell’infanzia, Udayakumara Amarasinghe, ritiene che questi bambini siano andati in Malaysia con i loro genitori o tutori legali. “Da lì poi subentra il gruppo criminale che li manda in Europa e non solo”. Amarasinghe mette l’accento sul fatto che “a volte ai genitori o ai tutori viene offerta somma di denaro, commettendo così un reato penale”.

Secondo un alto funzionario di polizia dello Sri Lanka, nel 2020 erano stati circa i 30 bambini venduti per denaro dalle famiglie, attraverso un racket noto come “baby farming”. Le donne delle fasce più fragili della popolazione venivano attirate col denaro dato in cambio dei loro bambini, venduti poi all’estero.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

30/11/2023
2102/2024
Sant'Eleuterio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Il Popolo della Famiglia all’alba del neo-bipolarismo

Dopo aver perso contro Salvini per averlo attaccato dal fronte piddino, ora la Chiesa sembra soppesare l’opportunità di provare a influenzarlo (e potrebbe essere un ulteriore errore). Peccato, perché il momento sarebbe propizio per la nascita di un vero nuovo bipolarismo: i fattori paiono esserci.

Leggi tutto

Storie

Bimbi sani in Europa, i disabili gravi restano a Kiev

I bambini sani vanno in Europa, quelli gravemente disabili rimangono a Kiev. È l’amara decisione, maturata con la guerra in diversi orfanotrofi ucraini, che ha esasperato le difficoltà degli istituti di accoglienza dei minori, in gran parte risalenti al regime sovietico, che spesso, già prima del conflitto, lamentavano carenza di cibo e medicine.

Leggi tutto

Politica

L’Ue gioca la carta dei rimpatri per superare lo stallo su migranti

Rilanciare la strategia dei rimpatri, e mettere l’Unione europea nelle condizioni di intervenire direttamente nella gestione dei flussi migratori. Al Consiglio europeo in agenda questa settimana, il 9 e 10 febbraio a Bruxelles, sarà un po’ questa la formula su cui si punterà per evitare strappi tra i governi Ue sul dossier dei migranti. Un tema particolarmente divisivo. Sull’incremento dell’azione esterna per la difesa dei confini Ue, in particolare, ha posto l’accento l’ultima bozza delle conclusioni del summit dei leader.

Leggi tutto

Storie

SRI LANKA - Armonia tra comunità religiose

Nella comunità di Kalpitiya il parroco p. Sampath ha promosso il gesto per testimoniare l’armonia tra le comunità religiose. La gioia del ven. Diyasena Thero per questo dono: “È nell’unità tra tutti i leader religiosi di questo Paese che possiamo creare la pace”

Leggi tutto

Società

Parigi-Bruxelles: solo i cristiani possono far superare lo scontro di inciviltà

Gli attentati di Bruxelles, in stretta connessione con quelli di Parigi, mettono a nudo l’impotenza dell’Europa davanti ai nemici della sua cultura. Si potrebbe tuttavia aggiungere, che essi comprovano pure come l’Occidente stesso sia il primo dei suoi stessi nemici. In questo scenario solo i cristiani possono, se lo vogliono, accompagnare il processo di una vera integrazione

Leggi tutto

Politica

OSTIA DI NUOVO “DORMITORIO”; PAPA FRANCESCO LA CHIAMAVA “ CITTA’ ”

Un quartiere ‘dormitorio’. Così veniva chiamata Ostia e il suo Territorio tanti anni fa quando veniva usato solo per ‘dormirci’ appunto e tutte le attività che contavano e le decisioni e i posti buoni per lavorare erano nella Capitale o altrove. Poi lunghi e faticosi percorsi di partecipazione, di coscienza e consapevolezza identitaria l’hanno a fatica portata ad acquisire una certa considerazione.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano