Storie

di Roberto Signori

Giornata internazionale delle persone disabili

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

“La Chiesa non è estranea al mondo in cui vive, anzi vuole contribuire attivamente con una sensibilità che ci viene dal Vangelo. Vuole abbracciare la città in un cambio di mentalità che vede le persone con disabilità come protagoniste, persone a tutto tondo, sacre poiché la vita è sacra, indipendentemente dal fatto se una persona sia in grado di camminare o meno, o di comprendere certi ragionamenti”. Don Luigi D’Errico è il responsabile del Servizio diocesano per la pastorale delle persone con disabilità e presenta così l’incontro “Io sono parte”, che si terrà al Santuario della Madonna del Divino Amore di Roma domenica 3 dicembre, in occasione della Giornata internazionale delle persone con disabilità. Si tratta del primo appuntamento pubblico promosso dal Servizio diocesano, nato con la costituzione apostolica In Ecclesiarum communione di Papa Francesco.

Ad aprire l’evento, alle 16, sarà un videomessaggio del cardinale Matteo Zuppi, presidente della Conferenza episcopale italiana. Quindi introdurrà i lavori il cardinale vicario Angelo De Donatis, che terrà una relazione sul tema: “La sacralità della vita passa anche attraverso queste gravissime disuguaglianze invisibili”. Ancora, prenderà la parola Barbara Funari, assessore alle Politiche sociali e alla Salute di Roma Capitale, che parlerà de “Le attese della città”; sarà poi la volta del cardinale Enrico Feroci, rettore del Santuario, su “Dalla periferia al centro”; e di suor Veronica Donatello, responsabile del Servizio nazionale per la pastorale delle persone con disabilità. Ancora, interverranno Mariella Tarquini, presidente della Consulta per i diritti delle persone con disabilità o con problemi della salute mentale dell’VIII Municipio; Antonio Pelagatti, esperto del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali; Elisabetta Gambardella, logopedista ed interprete Lis; Stefano Capparucci della Comunità di Sant’Egidio. Non mancheranno le testimonianze dal mondo ecclesiale: il vescovo Dario Gervasi, ausiliare del settore Sud della diocesi; don Stefano Zanoni, parroco di San Giovanni Battista de La Salle; infine don Luigi D’Errico. Il convegno sarà tradotto in Lis.

Gli interventi sono “rappresentativi di un mondo enorme, che è quello della disabilità a Roma”, sottolinea don D’Errico. Significativo anche il luogo scelto, il Divino Amore, “perché è alla periferia della città ma nello stesso tempo è un luogo simbolo di Roma – spiega il responsabile del Servizio diocesano –, caro al popolo romano e legato anche a momenti di sofferenza. L’ottica del cammino sinodale che sta compiendo la Chiesa è quella di valorizzare le periferie, sia geografiche che esistenziali”. Il titolo, “Io sono parte”, indica proprio questo: “Si vuole ribadire che ogni persona disabile può legittimamente affermare che è ‘parte’ attiva, fondamentale e protagonista della Chiesa e della società, da qui il titolo Io sono parte, di questa realtà umana, di questa comunità ecclesiale, di questo quartiere e di questa città”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

30/11/2023
2902/2024
Sant'Augusto Chapdelaine martire

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Papa Francesco e l’Angelus dell’Immacolata

8 Dicembre - da Piazza San Pietro l’Angelus di Papa Francesco in occasione di questa festività così importante. Eccomi è la parola-chiave della vita. Segna il passaggio da una vita orizzontale, centrata su di sé e sui propri bisogni, a una vita verticale, slanciata verso Dio. Eccomi è essere disponibili al Signore, è la cura per l’egoismo, è l’antidoto a una vita insoddisfatta, a cui manca sempre qualcosa. Eccomi è il rimedio contro l’invecchiamento del peccato, è la terapia per restare giovani dentro. Eccomi è credere che Dio conta più del mio io. È scegliere di scommettere sul Signore, docili alle sue sorprese. Perciò dirgli eccomi è la lode più grande che possiamo offrirgli. Perché non iniziare così le giornate, con un “eccomi, Signore”? Sarebbe bello dire ogni mattina: “Eccomi, Signore, oggi si compia in me la tua volontà”. Lo diremo nella preghiera dell’Angelus, ma possiamo ripeterlo già ora, insieme: Eccomi, Signore, oggi si compia in me la tua volontà!

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco: siamo chiamati a testimoniare l’amore di Dio

All’udienza generale in Aula Paolo VI, Francesco si concentra sul tema della giustificazione: l’amore di Cristo ci ha salvato tutti “gratis”.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco all’Angelus: il Signore cerca cuori che sanno ascoltare

Papa Francesco ritorna sul tema dell’ascolto e commentando le letture del giorno, afferma che la Parola del Signore “non può essere ricevuta come una qualsiasi notizia di cronaca: ma va ripetuta, fatta propria e custodita”

Leggi tutto

Chiesa

Papa udienza generale: San Giuseppe nella storia della salvezza

All’udienza generale Papa Francesco prosegue il ciclo di catechesi iniziato mercoledì scorso sulla figura di San Giuseppe. Tema questa volta è il ruolo del padre putativo di Gesù nella storia della salvezza

Leggi tutto

Chiesa

Nasce la Fondazione Fratelli tutti

Tra gli scopi, investire sulla crescita culturale e spirituale attraverso eventi, esperienze, percorsi ed esercizi spirituali, al fine di promuovere i principi dell’enciclica di Papa Francesco

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco: la gioia offerta da Gesù non è mai annacquata

Dio vuole per noi il meglio, ci vuole felici: così Francesco commenta all’Angelus il brano sulle nozze di Cana, precisando che il segno di cui si racconta “non è una guarigione straordinaria o un prodigio”, ma un “gesto che viene incontro a un bisogno semplice e concreto di gente comune”

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano