{if 0 != 1 AND 0 != 7 AND 0 != 8 AND 'n' == 'n'} Il Papa a Bartolomeo I: i cristiani preghino perché tacciano le armi

Chiesa

di Tommaso Ciccotti

Il Papa a Bartolomeo I: i cristiani preghino perché tacciano le armi

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

I cristiani, uniti, preghino Dio, perché “cessi il frastuono delle armi, che porta solo morte e distruzione”, mentre i leader religiosi e governativi cerchino sempre “la via del dialogo e della riconciliazione”. Francesco guarda ai santi Apostoli Pietro e Andrea cercando la loro intercessione perché i popoli possano avere pace e fraternità, e lancia il suo ennesimo appello attraverso il messaggio inviato al Patriarca ecumenico Bartolomeo I, in occasione dell’odierna festività di Sant’Andrea, patrono della Chiesa ortodossa di Costantinopoli.

Francesco, ricordando i vincoli “di fede, speranza e carità che uniscono le Chiese sorelle di Roma e Costantinopoli”, ne sottolinea uno dei fondamentali punti di partenza: lo storico incontro a Gerusalemme, nel gennaio del 1964, tra Papa Paolo VI e il Patriarca ecumenico Atenagora. Un evento, scrive il Papa che “è stato un passo avanti fondamentale nell’abbattere la barriera di fraintendimento, diffidenza e perfino ostilità che esisteva da quasi un millennio”. A quasi 60 anni dall’incontro, indica ancora il Papa, più che le “parole e le affermazioni di quei Pastori profetici”, oggi ciò che più si ricorda è il loro “caloroso abbraccio”, il “reciproco riconoscimento di fraternità ecclesiale” che diede il via al “cammino di riconciliazione, aumentando la vicinanza e superando gli ostacoli che ancora impediscono la piena e visibile comunione”.

Il “contatto personale” e il “tempo trascorso insieme”, come viene indicato dall’esempio di Paolo VI e Atenagora, caratterizzano “tutti i cammini autentici verso il ripristino della piena comunione tra i discepoli del Signore”. Grazie al “dialogo amichevole”, alla “preghiera comune” e all’”azione congiunta al servizio dell’umanità”, prosegue il messaggio del Papa, “i membri delle diverse Chiese giungono a scoprire sempre più profondamente la loro fiducia condivisa nell’amorevole provvidenza di Dio Padre, la loro speranza nella venuta del Regno inaugurato da Gesù Cristo e il loro comune desiderio di esercitare la virtù della carità ispirata dallo Spirito Santo”.

Papa Francesco ricorda anche la prosecuzione del cammino tracciato dai “venerabili Predecessori”, rinnovato da numerosi incontri e abbracci, come in occasione dell’ultimo evento condiviso con Bartolomeo: la Veglia Ecumenica di Preghiera dello scorso 30 settembre, in occasione della vigilia dell’apertura della XVI Assemblea Generale del Sinodo dei Vescovi, ai cui lavori prese parte anche un delegato fraterno. Il sostegno del Patriarca e della Chiesa ortodossa di Constantinopoli, conclude il Papa, sono quindi “una grande fonte di incoraggiamento per il fecondo proseguimento del processo sinodale in corso nella Chiesa cattolica”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

01/12/2023
2902/2024
Sant'Augusto Chapdelaine martire

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Papa Francesco: la povertà è uno scandalo

Il Papa, alla Messa per la settima Giornata Mondiale dei Poveri, chiede ai fedeli di “diventare dono per gli altri” di fronte all’indifferenza di una società indaffarata e distratta.

Leggi tutto

Chiesa

Il Papa ed il Presepe

Il Papa ha incontrato in Vaticano le delegazioni dei luoghi di provenienza dell’albero di Natale e del presepe, che quest’anno rievoca la prima rappresentazione natalizia realizzata 800 anni fa da San Francesc

Leggi tutto

Chiesa

ZUPPI E LA CONTAMINAZIONE TRA VERITÀ E VITA

Ho letto la lunga intervista di Cazzullo a Zuppi. Interessante, a tratti bella. Mi chiedo solo perché, almeno a Natale, non si provi a dire una schietta verità: viviamo in una condizione opulenta ma sempre più triste e rabbiosa, cupa e sostanzialmente impazzita. Fatichiamo a trovare un senso, perché questa storia “un senso non ce l’ha”

Leggi tutto

Chiesa

Papa - La Quaresima sia cammino di libertà

Il messaggio del pontefice per il tempo forte verso la Pasqua che si apre il 14 febbraio. “Anche oggi siamo schiavi di un modello di crescita che ci divide e ci ruba il futuro, portandoci a brancolare nelle diseguaglianze e nei conflitti”. Ma “Dio non si è stancato di noi: non cvi vuole sudditi ma figli”.

Leggi tutto

Chiesa

Fiducia supplicans, benedizioni non liturgiche e distinzione di Ratzinger

Un’istruzione pubblicata nel 2000 dall’allora prefetto della Congregazione per la dottrina della fede distingueva le preghiere di guarigione, rituali e inserite nei libri liturgici, da quelle pastorali o spontanee.

Leggi tutto

Politica

Mai più un soldo pubblico a questi blasfemi (e fuori dalle scuole)

Decine di migliaia di euro in meno di tre mesi quest’anno al circolo gay Cassero di Bologna. Che svolge iniziative volgari e blasfeme. Ora basta

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano