Chiesa

di Giampaolo Centofanti

Don Centofanti: Vangelo di giovedì 7 dicembre e commento

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Mt 7,21.24-27 Giovedì 7 dicembre 2023, Sant’Ambrogio, Vescovo e Dottore della Chiesa

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:

«Non chiunque mi dice: “Signore, Signore”, entrerà nel regno dei cieli, ma colui che fa la volontà del Padre mio che è nei cieli.

Perciò chiunque ascolta queste mie parole e le mette in pratica, sarà simile a un uomo saggio, che ha costruito la sua casa sulla roccia. Cadde la pioggia, strariparono i fiumi, soffiarono i venti e si abbatterono su quella casa, ma essa non cadde, perché era fondata sulla roccia.

Chiunque ascolta queste mie parole e non le mette in pratica, sarà simile a un uomo stolto, che ha costruito la sua casa sulla sabbia. Cadde la pioggia, strariparono i fiumi, soffiarono i venti e si abbatterono su quella casa, ed essa cadde e la sua rovina fu grande».

***

Dio perdona tutto, se scegliamo la sua misericordia senza condizioni ci porterà in paradiso ma qui sulla terra se a lungo rifiutiamo la grazia che ci dona ci chiudiamo alla vita, diveniamo sempre più confusi, fragili e costruiamo su basi distorte e fragili. Siamese più esposti alle intemperie della vita e meno solidi e ben orientati nell’affrontare. Talora possono rivelarsi necessari tali passaggi per farci comprendere che Dio solo per darci vita ci propone di seguirlo e quando ritorniamo a lui, ora più convinti, lui ci può gradualmente donare mille volte tanto, perché ora appunto siamo più determinati ad ascoltarlo. L’esperienza concreta della vita dunque può avere tante valenze di vario tipo. Si può pensare di aver già capito tutto, anche ciò che Dio può dare e non può dare e questo è un errore notevole perché rischia di distrarci, di chiuderci, all’infinito oltre di Dio. In questo la nostra esperienza passata può essere ingannevole. Ma l’esperienza può anche servire a mostrare che da soli non caviamo un ragno dal buco, che abbiamo bisogno di Dio e allora essa, anche sofferta, diviene un trampolino di lancio per una vita rinnovata. Su questa scia l’esperienza può divenire nel tempo un grande aiuto a credere perché, anche se gradualmente, scopriamo concretamente sempre più che ciò che risolve è fidarsi di Dio, che ne sa infinitamente più di noi anche circa noi stessi, ciò di cui abbiamo davvero bisogno e sa come donarcelo.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

07/12/2023
2902/2024
Sant'Augusto Chapdelaine martire

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Papa - Udienza generale: Noemi, l’alleanza fra le generazioni

Catechesi sulla Vecchiaia: 7. Noemi, l’alleanza fra le generazioni che apre il futuro

Leggi tutto

Storie

Bangladesh - Quattro nuovi sacerdoti per la diocesi di Dinajpur

Fanno tutti parte della comunità tribale degli Oraon e hanno sottolineato l’importanza della presenza dei missionari del Pime per la loro vocazione. Il rito di ordinazione, presieduto dal vescovo Sebastian Tudu, si è svolto il primo dicembre nella cattedrale di San Francesco Saverio.

Leggi tutto

Media

Editoria - Il Vangelo secondo Jack Kerouac

Il Vangelo secondo Jack Kerouac di Luca Miele è un’attenta lettura dell’opera del celebre padre della beat generation. Lo scrittore Luca Miele si sofferma sulle tracce della presenza di Dio nei suoi scritti. Dalla parola scritta risulta un Kerouac alla ricerca di una profonda relazione con un Dio che, tuttavia, risulta sempre in continua definizione, in una febbrile e tenace dinamica fatta di lotte, di contrasti, di domande che non possiedono mai una risposta definitiva

Leggi tutto

Storie

Karnataka, nazionalisti indù contro la Bibbia

In una nuova campagna “anti-conversioni” nel mirino la Clarence High School che propone lezioni su pagine bibliche anche ai non cristiani. L’arcivescovo Machado: “Accuse false e mistificanti”

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco e la Bibbia da usare come il cellulare

Qualcuno ha detto: cosa succederebbe se trattassimo la Bibbia come trattiamo il nostro telefono cellulare? Se la portassimo sempre con noi, o almeno il piccolo Vangelo tascabile, cosa succederebbe?; se tornassimo indietro quando la dimentichiamo: tu ti dimentichi il telefono cellulare - oh!, non ce l’ho, torno indietro a cercarlo; se la aprissimo diverse volte al giorno; se leggessimo i messaggi di Dio contenuti nella Bibbia come leggiamo i messaggi del telefonino, cosa succederebbe? Chiaramente il paragone è paradossale, ma fa riflettere. In effetti, se avessimo la Parola di Dio sempre nel cuore, nessuna tentazione potrebbe allontanarci da Dio e nessun ostacolo ci potrebbe far deviare dalla strada del bene; sapremmo vincere le quotidiane suggestioni del male che è in noi e fuori di noi; ci troveremmo più capaci di vivere una vita risuscitata secondo lo Spirito, accogliendo e amando i nostri fratelli, specialmente quelli più deboli e bisognosi, e anche i nostri nemici.
La Vergine Maria, icona perfetta dell’obbedienza a Dio e della fiducia incondizionata al suo volere, ci sostenga nel cammino quaresimale, affinché ci poniamo in docile ascolto della Parola di Dio per realizzare una vera conversione del cuore.

Leggi tutto

Chiesa

La Bibbia trascritta sugli Hanji

Ahn, fuggito da Pyongyang in Corea del Sud ai tempi della guerra ha incontrato il cristianesimo da anziano attraverso la figlia. A 90 anni ha cominciato a trascrivere i versetti sulla carta tradizionale coreana e ha realizzato 700 manifesti di questa espressione artistica

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano