{if 0 != 1 AND 0 != 7 AND 0 != 8 AND 'n' == 'n'} Papa Francesco: la Chiesa non annuncia se stessa

Chiesa

di Tommaso Ciccotti

Papa Francesco: la Chiesa non annuncia se stessa

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

L’annuncio della redenzione portata da Cristo non avviene in forza di una militanza religiosa o di un attivismo ‘attivismo missionario. Esso può avvenire solo “nello Spirito Santo”. Lo ha ripetuto oggi Papa Francesco, continuando il Ciclo di catechesi dedicato alla gioia di annunciare il Vangelo. Nel nuovo intervento, pronunciato in sua vece Ada un officiale della Segreteria di Stato per evitare affaticamento,

Papa Francesco ha delineato un dato essenziale dell’annuncio cristiana, che rende la missione della Chiesa imparagonabile a ogni forma di propaganda politica, culturale e religiosa: ”per ‘comunicare Dio’ ha chiarito la catechesi papale letta davanti alla moltitudine raccolta nell’Aula Paolo VI - non bastano la gioiosa credibilità della testimonianza, l’universalità dell’annuncio e l’attualità del messaggio. Senza lo Spirito Santo ogni zelo è vano e falsamente apostolico: sarebbe solo nostro e non porterebbe frutto».

Citando l’Esortazione apostolica Evangelii gaudium, Papa Francesco nella nuova catechesi ha ricordato che «Gesù è il primo e più grande evangelizzatore»; che «in qualunque forma di evangelizzazione il primato è sempre di Dio», il quale «ha voluto chiamarci a collaborare con lui e stimolarci con la forza del suo Spirito».

Il Signore ha proseguito la catechesi papale - paragona il dinamismo del Regno di Dio a “un uomo che getta il seme nella terra; dorma o vegli, di notte o di giorno, il seme germoglia e cresce; come, egli stesso non lo sa”. Per questo - ha ribadito il Vescovo di Roma - «Lo Spirito Santo «è il protagonista, precede sempre i missionari e fa germogliare i frutti». Un fatto che «ci consola tanto» e aiuta a riconoscere che «nel suo zelo apostolico la Chiesa non annuncia sé stessa, ma una grazia, un dono, e lo Spirito Santo è proprio il Dono di Dio, come disse Gesù alla donna samaritana».

Il primato dello Spirito Santo - ha aggiunto la catechesi papale - non rappresenta una giustificazione all’indolenza e alla passività. La vitalità del seme che cresce da sé «non autorizza i contadini all’incuria del campo». a». Infatti il Signore «non ci ha lasciato delle dispense di teologia o un manuale di pastorale da applicare, ma lo Spirito Santo che suscita la missione. E l’intraprendenza coraggiosa che lo Spirito infonde ci porta a imitarne lo stile, che sempre ha due caratteristiche: la creatività e la semplicità».

La Creatività - ha proseguito la catechesi di Papa Francesco - è richiesta per «annunciare Gesù con gioia, a tutti e nell’oggi. In questa nostra epoca, che non aiuta ad avere uno sguardo religioso sulla vita e in cui l’annuncio è diventato in vari luoghi più difficile, faticoso, apparentemente infruttuoso». Una condizione in cui «può nascere la tentazione di desistere dal servizio pastorale. Magari ci si rifugia in zone di sicurezza, come la ripetizione abitudinaria di cose che si fanno sempre, oppure nei richiami allettanti di una spiritualità intimista, o ancora in un malinteso senso della centralità della liturgia. Sono tentazioni» ha proseguito la catechesi di Papa Francesco «che si travestono da fedeltà alla tradizione, ma spesso, più che risposte allo Spirito, sono reazioni alle insoddisfazioni personali. Invece la creatività pastorale, l’essere audaci nello Spirito, ardenti del suo fuoco missionario, è prova di fedeltà a Lui».

Creatività, dunque e anche semplicità, proprio perché «lo Spirito ci porta alla fonte, al “primo annuncio”». Quello che «deve occupare il centro dell’attività evangelizzatrice e di ogni intento di rinnovamento ecclesiale»

La catechesi papale si è conclusa con ‘invito a lasciarsi «avvincere dallo Spirito» e ainvocarlo «ogni giorno: sia Lui il principio del nostro essere e del nostro operare; sia all’inizio di ogni attività, incontro, riunione e annuncio. Egli vivifica e ringiovanisce la Chiesa: con Lui non dobbiamo temere, perché Egli, che è l’armonia, tiene sempre insieme creatività e semplicità, suscita la comunione e invia in missione, apre alla diversità e riconduce all’unità. Egli è la nostra forza, il respiro del nostro annuncio, la fonte dello zelo apostolico. Vieni, Spirito Santo!»

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

07/12/2023
2802/2024
San Romano

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Il Papa: l’eutanasia mai ammissibile

Papa Francesco manda il proprio saluto al Meeting della World Medical Association sulle questioni del fine-vita, che termina oggi in Vaticano. Il testo è stato divorato e divulgato, dai media, come “il Papa contro l’accanimento terapeutico” (intendendo con ciò “il Papa per l’eutanasia”). In realtà il Santo Padre ha usato parole adamantine per riaffermare la dottrina cattolica tradizionale e negare ogni liceità alla pratica dell’uccisione del malato.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco: attenti alle passioni

Nell’omelia mattutina di Santa Marta il Santo Padre ha preso le mosse dalla lettura evangelica del giorno liturgico, e quindi Francesco si è soffermato a discutere sui “consigli di Gesù”: «Abbiate sale in voi stessi, siate in pace gli uni con gli altri» ha attratto particolarmente la riflessione del Pontefice, che ha concluso invitando tutti alla pratica dell’esame di coscienza.

Leggi tutto

Chiesa

MYANMAR - Appello della Chiesa a deporre le armi

La Chiesa cattolica in Myanmar diffonde un generale appello a depore le armi e a fermare un conflitto civile che ha assunto la forma di “atrocità straziante e orribile”

Leggi tutto

Storie

UCRAINA - “Abbiamo bisogno soprattutto di pace oltre che di cibo”

“Qui la vita scorre senza panico, le fabbriche lavorano, il bombardamento dell’aeroporto non ha causato vittime, hanno colpito un vecchio magazzino in disuso, e nessuno sa il perché. Ormai ci siamo abituati a correre sottoterra nei rifugi”. Sono questi alcuni degli aggiornamenti riportati da padre Mikola Orach, OFM conv., a Leopoli.

Leggi tutto

Chiesa

Benedetto XVI ha compiuto 95 anni

Sabato Santo, è stato il compleanno del Papa emerito che ha compiuto 95 anni. I nostri colleghi di Radio Horeb a Monaco di Baviera hanno parlato con il segretario personale, l’arcivescovo Georg Gänswein. Nelle sue parole il clima di festa, ma anche la quotidianità di una personalità che “ha plasmato la Chiesa e la teologia”

Leggi tutto

Chiesa

Monsignor Nahra, ‘vero libanese’ e uomo ‘di frontiera’

Il patriarca Pizzaballa ha presieduto l’ordinazione episcopale del neo-vicario di Israele nella basilica dell’Annunciazione, a Nazareth

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano