Politica

di Mario Adinolfi

IL METODO INTELLETTUALE SALUBRE

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Quando scrivo di qualsiasi cosa che a me non piace, per metodo intellettuale alla critica aggiungo sempre l’elemento costruttivo, cioè quel che farei io se potessi essere determinante. Per esempio oggi ho citato la lunga inchiesta del Washington Post sul fallimento della cosiddetta controffensiva ucraina per ribadire quel che ripeto da due anni e cioè che questa guerra è pura follia, finanziarla e armarla avrebbe senso solo se Putin fosse Hitler. E Putin non è Hitler, i russi non sono nazisti (semmai lo sono i battaglioni ucraini che avviarono il conflitto in Donbass nel 2014, ma non voglio avviare polemiche sterili). Dopo aver detto che finanziare, armare, sostenere la guerra è una follia da molto tempo sostengo che l’unica concreta soluzione è il modello cipriota che da mezzo secolo dopo una breve guerra fa sopravvivere sulla stessa isola greci e turchi che si odiano. Si deve trasformare dunque Donbass e Donetsk in quel che è la Repubblica di Cipro Nord (non riconosciuta dall’Onu ma de facto autonoma dove si parla turco, si paga in lire turche, il prefisso telefonico è turco), dando autonomia a quella regione russofona e russofila. Avessi il potere come premier italiano annuncerei la fine del sostegno armato all’Ucraina, convocherei a Roma una conferenza di pace dopo aver cercato anche la collaborazione vaticana e proporrei come base di discussione la soluzione cipriota. Non piace? Benissimo. Leggete la analitica inchiesta del Washington Post (giornale americanissimo, non filoputiniano) che dice che il proseguio della guerra sarà solo un costosissimo bagno di sangue che durerà anni e che l’Ucraina non può vincere. Poi dite che la mia soluzione è una boiata, ok, ma avrete la buona creanza di proporre una soluzione diversa, perché i social non devono essere condannati all’atrofia intellettuale del tifoso cretino. Lascio liberi tutti qui anche di insultarmi, ma dovete presentarvi con un minimo di competenza, su qualsiasi argomento. Su questo non vi piace la soluzione cipriota? Va bene, ma me ne proponete un’altra voi, dopo aver inveito se lo ritenete proprio necessario. Proviamo ad adottare un metodo intellettuale salubre.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

07/12/2023
2802/2024
San Romano

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Scusateci, siamo bianche

Post scriptum: la prima squadra maschile dell’Arsenal conta in organico 14 calciatori di colore su 31. Un’altra minoranza.

Leggi tutto

Storie

I muri ‘gridano’ ai cristiani

I muri ‘gridano’ ai cristiani: rispondere a tono? Accogliere tutti? Scindersi? Non passare oltre: che avrebbe fatto Gesù?

Leggi tutto

Media

L’arma più forte

Gli Oscar sono lo specchio del tempo. Una volta si premiavano i bei film e si ringraziava Harvey Weinstein (lo fece anche Roberto Benigni nel famoso discorso con la statuetta in mano, il trionfo de La Vita è Bella lo deve a lui). Poi è arrivata l’ideologia. Via col vento è diventato un film razzista di cui vergognarsi (Hbo lo ha rimosso dal suo catalogo) pure se di Oscar ne ha vinti otto e nel 2016 scoppia la polemica perché per due anni di fila non ci sono attori e attrici protagonisti neri tra le quaranta nomination. Ci si attrezza. Subito nomination e premio a Mahershala Ali, nel 2018 vai con la trans Daniela Vega tra i presentatori, nel 2019 miglior film a Green Book sempre con Mahershala Ali premiato pure lui, mentre quest’anno arriva la polemica femminista.

Leggi tutto

Storie

Cresce l’ospedale dell’Isola Tiberina

Presentato un anno di nuova gestione: dalla ristrutturazione dei sei centri di eccellenza suddivisi per patologie, da ultimo quello in oncologia radioterapica e medica dedicato a San Leopoldo Mandi. Nel 2024 arriverà un pronto soccorso più funzionale e un nuovo reparto di ostetricia

Leggi tutto

Politica

Cosa succede il 5 Dicembre

Il 5 dicembre ed il referendum spiegati da Mario Adinolfi

Leggi tutto

Società

Se arrivano a volerci in galera

La violenza di chi l’ha denunciata è sotto gli occhi di tutti, la clamorosa dimensione della discriminazione di cui è fatto oggetto chi non la pensa come il coro dominante sul tema dei “nuovi diritti” dovrebbe far saltare in piedi l’Italia intera a difesa di Silvana De Mari. Invece in piedi insieme a lei ci siamo noi e pochi altri amici. Non un opinionista di un importante quotidiano, non una trasmissione televisiva che gridi allo scandalo, alla lesione importante di un fondamentale diritto alla libertà di opinione, non un collega giornalista che rivendichi persino per noi la libertà di stampa e l’articolo 21 della Costituzione. No, quell’articolo è invocato solo se l’opinione è quella “giusta”, cioè quella dominante.
In un’Italia così sarà motivo d’orgoglio essere radiati dagli Ordini e mandati in carcere. Quando poi il fascismo finì, fu chi subì quei provvedimenti a poter dire: io ho resistito.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano