Società

di Nathan Algren

Kim Jong-un contro la denatilità: madri più comuniste

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Il leader nordcoreano Kim Jong-un ha parlato del “compito rivoluzionario primario” delle madri nell’arrestare non solo il crollo delle nascite ma anche i crescenti comportamenti antisocialisti tra le nuove generazioni, dichiarando che “a meno che una madre non diventi comunista, è impossibile per lei allevare i suoi figli e le sue figlie come comunisti e trasformare i membri della sua famiglia in rivoluzionari”. E ha aggiunto: “Fermare il calo dei tassi di natalità e fornire una buona assistenza all’infanzia e un’istruzione sono tutti problemi delle nostre famiglie che dovremmo risolvere insieme alle nostre madri”.

Sono questi solo alcuni degli elementi che Kim Jong-un ha toccato rivolgendosi a una platea di migliaia di donne nordcoreane durante la quinta – dopo undici anni - Conferenza nazionale delle madri, tenutasi a Pyongyang tra il 2 e il 3 di dicembre.

Come la Corea del Sud e gli altri Paesi dell’Asia orientale, anche la Corea del Nord si trova a fronteggiare un continuo calo della natalità, nonostante, con un tasso di fertilità di 1,9 figli per donna nel 2022 (che diventeranno 1,8 secondo le stime nel 2023), il problema non sia ancora pronunciato come al Sud. Tuttavia il dato risulta più basso rispetto a molti altri Paesi in via di sviluppo, per cui rischia di delinearsi come un problema urgente da gestire.

Già nel 2004, in realtà, gli anziani con più di 65 anni d’età erano il 7% della popolazione. Da allora Pyongyang ha cominciato a fare i conti con l’invecchiamento demografico, mantenendo tuttavia la politica dell’autosufficienza per contrastare i limiti delle sanzioni internazionali, basandosi sulla mobilitazione della manodopera interna per tenere a galla la propria economia.

Le ragioni del problema sono in parte diverse e in parti simili con la Corea del Sud. A Seoul il crollo della natalità è dovuto principalmente a un nuovo stile di vita delle giovani generazioni, ai vertiginosi costi per mantenere un figlio e a un mercato immobiliare con prezzi fuori dalla portata delle famiglie. Non è il caso della Corea del Nord dove casa ed educazione vengono gratuitamente forniti ai cittadini dallo Stato che controlla anche il mercato del lavoro.

Però anche a Pyongyang l’atteggiamento nei confronti del matrimonio sta mutando tra le nuove generazioni. Mentre nel 2008, secondo i dati del Population Reference Bureau solo il 4% delle donne tra i 30 e 34 anni non era mai stata sposata, oggi, anche per via dell’esposizione alla cultura pop sudcoreana che arriva al Nord illegalmente, i giovani rifiutano i matrimoni combinati, convivono senza sposarsi oppure non trovano affatto un partner.

Sono questi i comportamenti antisocialisti che secondo Kim Jong-un dovrebbero essere arrestati attraverso l’educazione familiare fornita in particolare dalle madri. Ma quello dell’educazione e della fertilità sono davvero problemi di cui dovrebbero farsi carico le donne? Tra gli anni ’70 e ’80 la Corea del Nord si trovava ad affrontare il problema opposto e aveva messo in atto politiche per il controllo delle nascite, che secondo gli esperti non sono però la causa dell’attuale invecchiamento della popolazione. Le ragioni risiedono invece nella carestia degli anni ’90 e nella conseguente malnutrizione che ancora oggi imperversa in Corea del Nord.

Negli ultimi 30 anni, infatti, la mancanza di cibo non ha mai smesso di colpire il Paese, per cui i nordcoreani preferiscono rinunciare a un altro figlio per non avere una bocca in più da sfamare. Secondo dati delle Nazioni unite, nel 2021 il tasso di denutrizione in Corea del Nord ha raggiunto il 41,6%, un considerevole aumento rispetto al 33,8% registrato tra il 2004 e il 2006. Inoltre, nel 2020 il 18,2% dei bambini di età inferiore ai cinque anni era affetto da un arresto della crescita. Per quanto riguarda lo stato di salute delle donne, invece, nel 2019 il 33,9% delle nordcoreane di età compresa tra 15 e 49 anni soffriva di anemia, una condizione che ha un impatto significativo sulla capacità di restare incinta. Le donne che non assumono abbastanza ferro hanno infatti maggiori probabilità di soffrire di mancanza di ovulazione e cattiva salute degli ovuli, rendendo la gravidanza fino al 60% più difficile rispetto alle donne con livelli di ferro normali.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

07/12/2023
2102/2024
Sant'Eleuterio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Essere madre oggi

Essere madre non è né un desiderio (o almeno non solo) e – tantomeno - un dovere: è un dono che sta inscritto nel dna della natura della donna. L’uomo per sua natura non può avere una gravidanza nemmeno se lo desiderasse come la cosa più importante al mondo. Prova ne è che nell’atto sessuale l’apporto dell’uomo è tecnicamente genetico: niente di più. E io tra l’apporto genetico e quello relazionale do più importanza al secondo. Del resto, in un certo senso il maschio è sempre escluso dalla nascita di un figlio. Se è il marito, gli viene automaticamente attribuita la paternità, ma a meno che non ricorra all’esame del Dna, non può averne alcuna certezza. Le coppie di maschi omosessuali potrebbero adottare uno o più bambini, oppure crescere il figlio o i figli che uno dei partner potrebbe aver avuto da un precedente legame con una donna. E questo è naturale? Questo tiene conto di tutti i fattori in gioco, del bene di tutti i fattori in gioco (a partire dal bambino, cioè da colui che non può pretendere perché senza voce)? È una falsa parità quella che si vuole stabilire tra uomini e donne quando si affronta la nascita di un figlio. Così come è un alibi e una menzogna quello di sostenere che “l’egoismo vero non è tanto interrompere una gravidanza ma mettere al mondo dei bambini senza avere la possibilità di poterlo fare per questioni economiche”.

Leggi tutto

Chiesa

La Chiesa di Seul ha 23 nuovi sacerdoti

Nella cattedrale di Myeongdong le ordinazioni nella celebrazione eucaristica, presieduta dall’arcivescovo Peter Chung Soon-taick

Leggi tutto

Storie

Padre americano mette il guinzagio ai figli

Il video di questo papà americano, Jordan Driskell, è diventato subito virale ed ha provocato immediatamente scalpore per il suo contenuto. Centinaia gli utenti del web che si sono scagliati contro di lui perché tiene i suoi figli al guinzaglio per passeggiare. «Sono esseri umani, mica cani!» è solo uno – e anche tra i più gentili – dei tanti commenti che accusano questo papà.

Leggi tutto

Società

L’allattamento materno

Da anni il fermento a favore dell’allattamento materno, anche dal punto di vista dell’approvazione di leggi che lo tutelino dall’aggressività del marketing (cfr il Codice per la commercializzazione dei sostituti del Latte Materno, e D.M. n° 82/2009 e successivo D. Leg. n° 84/2011), è attivo anche grazie alle mamme che - non senza difficoltà essendo in molte a essere figlie di donne che non le hanno allattate - si muovono incessantemente per sensibilizzare, sostenersi a vicenda e denunciare malefatte di operatori sanitari (farmacisti, medici, ostetriche) che interferiscono intenzionalmente o meno con l’andamento naturale della maternità.

Leggi tutto

Politica

USA e lotta per la vita

Secondo i dati diffusi dal Guttmacher Institute, nel 2022 sono state introdotte 536 misure legislative pro-vita in 42 stati

Leggi tutto

Politica

Nato primo bimbo in Gb con Dna di 3 ‘genitori

E’ nato il primo bambino del Regno Unito con il Dna di 3 ‘genitori’. Il piccolo è venuto al mondo grazie a una tecnica nota come Trattamento di donazione mitocondriale (Mdt), che mira a evitare che il bebè erediti malattie incurabili di cui la mamma risulta portatrice, e implica l’utilizzo di una parte del tessuto degli ovuli di una donatrice per creare embrioni privi della mutazione dannosa.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano