Storie

di Stefano Di Tomassi

“DIVENTERO’MADRE e DIVENTERO’ PADRE”

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Si terrà sabato 9 Dicembre un’aperitivo con gli autori di questa splendida esperienza pregenitoriale, scritta ‘a specchio’ in due volumi, da chi oggi ha maturato una famiglia davvero numerosa, ma che negli anni di cui si tratta, vive quel fertile periodo di dubbi, paure, speranze, insicurezze, prove, gioie che accompagnano chi sarà genitore. L’appuntamento sarà alle ore 18 presso la parrocchia Santissima Annunziata (sala teatrale) in Via di Grottaperfetta 591, Roma.

In questo ‘viaggio di un’esperienza che cambia il mondo’ Gli autori Pier Marco Trulli ed Emma Ciccarelli hanno provato dare una risposta al tema della genitorialità in un periodo storico nel quale si fa impellente la difesa della famiglia contro le sollecitazioni di una società che smarrisce la bellezza dell’alleanza delle alleanze quella tra un uomo e una donna che si uniscono per la vita.

All’incontro sarà presente il parroco della chiesa Santissima Annunziata don Roberto Savoja e la coppia di genitori Francesco e Floriana Guzzo Cava. Modererà il dibattito Maria Doretta Di Pompeo e Paolo Perelli.

Pier Marco Trulli, laureato in Scienze Politiche è manager in un primario gruppo bancario italiano, impegnato nello scautismo e in molte realtà dell’associazionismo, nel volume “Diventerò padre” affronta il tema della paternità che per gli uomini è un periodo di dubbi, paure ma è anche un viaggio verso la maturazione.

La figura del padre che si occupa dei figli ancora oggi è una novità. Negli ultimi anni con l’avvento della pandemia e la conseguente crisi economica ha rivoluzionato le abitudini portando ad una completa riorganizzazione delle abitudini di molte famiglie, dei compiti spingendo il ruolo di padre a essere più presente in casa e nell’educazione dei figli.

La figura di padre spesso viene paragonata alla figura di San Giuseppe, che ha accolto, custodito, perché ogni figlio in fondo lo merita. Questo volume ha lo scopo di far conoscere quella dimensione di paternità che vale la pensa di essere vissuta da tutti. L’esperienza della paternità è vista come un’avventura che cambia la vita e porta a fare i conti con i propri limiti, le proprie difficoltà e fragilità.

Nel volume “Diventerò madre” Emma Ciccarelli, laureata in Scienze Politiche, consulente familiare e pubblicista affronta il tema della maternità come il tempo in cui le donne si preparano a fare sempre più spazio al figlio.

Il tema della maternità spesso vede le donne portate al sacrificio per badare ai figli, rinunciare al lavoro, ogni scelta è fatta per lui e per il suo bene.

Le madri, oggi, assomigliano ai cosidetti “multittasking” lavorano, si prendono cura dei figli, devono badare alla casa, ai mariti. L’autrice con questo volume cerca di dare un contributo sul tema della maternità, che ancora oggi in Italia, è un ruolo difficile e complicato.

Entrambi i libri alla fine di ogni capitolo contiene delle schede di riflessione e di lavoro, nel libro “Diventerò madre” le schede attingono a figure femminili della Bibbia, nel libro

“Diventerò padre” le schede si riferiscono a figure maschili della Bibbia.

Due volumi che raccolgono una serie di riflessioni per un’esperienza sia quella di diventare padre o madre che cambia la propria vita, le prospettive per intraprendere una strada inesplorata. I figli non hanno solo bisogno di amore ma anche di una guida capace di dare conforto e responsabilità

Diventerò padre – edizioni San Paolo Pier Marco Trulli

Diventerà madre – edizioni San Paolo – Emma Ciccarelli

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

08/12/2023
2902/2024
Sant'Augusto Chapdelaine martire

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Media

Giorgio Ponte torna con il terzo capitolo della sua trilogia Sotto il cielo della Palestina

Accanto a Yocabe sono presenti altri personaggi, altrettanto ben costruiti, che sono perfettamente inseriti nella storia. Essi ci consegnano, ognuno in modo differente, un frammento di riflessione sull’umanità che, sottomessa al dolore fin dal primo peccato, attende con ansia la parola di guarigione e salvezza

Leggi tutto

Media

Libri - Lieve flessione della produzione

Il 41,4% della popolazione di 6 anni e più ha letto almeno un libro nell’ultimo anno, dato in lieve aumento rispetto al 2019 (+3%). Il 73,6% dei lettori legge solo libri cartacei, il 9,4% solo e-book o libri on line mentre lo 0,3% ascolta solo audiolibri. Il 16,6% utilizza più di un supporto per la lettura (libro cartaceo, digitale, audiolibro). Questi, in sintesi, i dati che emergono dall’ultimo rapporto Istat dedicato al comparto dell’editoria, un settore fortemente eterogeneo che, messo alla prova dall’emergenza pandemica, al contrario di altri ha mostrato una sostanziale tenuta

Leggi tutto

Media

Camminare insieme

Camminare insieme: il libro di Papa Francesco sulla sinodalità

Leggi tutto

Media

“I fiori si bagnano il venerdì”: il romanzo di Marzio Sandro Biancolino

“I fiori si bagnano il venerdì. Vite e speranze sullo sfondo della Bosnia martoriata” è il titolo del nuovo romanzo di Marzio Sandro Biancolino. In libreria dal prossimo 10 luglio, il volume è pubblicato da Oltre edizioni (322 pagine, 19 euro).

Leggi tutto

Media

Papa: il vescovo Angelelli, non un eroe ma martire e dono per la Chiesa

Pubblichiamo la prefazione del Papa al libro “Enrique Ángel Angelelli. In ascolto di Dio e del Popolo”, in uscita domani 12 febbraio. Edito dalla Libreria Editrice Vaticana, il volume raccoglie le omelie dal 1968 al 1976 del vescovo argentino assassinato per il suo impegno a favore degli oppressi e beatificato nel 2019

Leggi tutto

Media

O capiamo o moriamo

Ho scelto una tonalità da romanzo in un saggio, in cui cerco di far comprendere che quanto affermava il cardinale Biffi sull’Europa che se non sarà ricristianizzata sarà definitivamente islamizzata è totalmente vero. L’arma non sarà il terrorismo, ma la demografia che è scienza inesorabile come la matematica: se negli ultimi due anni sono morti seicentomila italiani più di quanti ne siano nati e gli islamici con il 7% della popolazione residente hanno fatto il 25% dei figli, la fine è scritta. Saremo la generazione responsabile della fine di una civiltà (lo scrive Onfray) e la Sharia “addolcita” che sostituirà gli ordinamenti giuridici fondati sulla radice giudaico-cristiana piacerà alle élites, come profetizzato in “Sottomissione” di Houellebecq, con il suo mix di poligamia legalizzata e autoritarismo.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano