Politica

di la redazione

Israele e Palestina l’unica soluzione è quella dei due Stati

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

La soluzione più praticabile per raggiungere una pace duratura rimane quella dei due Stati, “con uno status speciale garantito a livello internazionale per la città di Gerusalemme”. Quanto affermato da Papa Francesco a più riprese in merito alla questione mediorientale, viene ribadito con vigore da monsignor Gabriele Caccia, Osservatore permanente della Santa Sede alle Nazioni Unite di New York, che ieri, 24 gennaio, è intervenuto sulla situazione in Medio Oriente e sulla questione palestinese. “È fondamentale – osserva Caccia – che la comunità internazionale, insieme ai leader dello Stato di Palestina e dello Stato di Israele, persegua tale soluzione con rinnovata determinazione in un momento di diffusa disperazione e ostilità”.

L’Osservatore della Santa Sede si sofferma sulla preoccupazione del Papa per la guerra in atto, e ne ripete le condanne contro l’attacco del 7 ottobre verso il popolo israeliano, le richieste di liberazione degli ostaggi a Gaza, le invocazioni per il cessate il fuoco esteso a tutti i fronti e affinché si faciliti la distribuzione degli aiuti umanitari, ne ribadisce poi la convinzione che quello in atto non è “il modo di risolvere le controversie tra i popoli”. Caccia quindi indica l’estrema gravità della situazione umanitaria a Gaza che “colpisce gli innocenti”, causando “sofferenze inimmaginabili”, le oltre 20mila persone uccise e i quasi due milioni di sfollati.

Nell’intervento, l’arcivescovo esprime deplorazione per il fatto che “ospedali, scuole e luoghi di culto, che rappresentano l’ultima risorsa per coloro che fuggono dalla violenza a Gaza, vengano utilizzati per scopi militari e di conseguenza attaccati”. È essenziale – ripete poi – evitare che un’intera popolazione paghi le conseguenze di un atroce atto di terrorismo”, ricordando poi come “qualsiasi azione intrapresa per autodifesa deve essere guidata dai principi di distinzione e proporzionalità e rispettare il diritto internazionale umanitario”. L’appello ancora una volta è alla comunità internazionale affinché compia lo sforzo per “difendere e applicare il diritto umanitario”, unico modo per “garantire la difesa della dignità umana in situazioni di guerra”.

In Israele così come in Palestina e in ogni altra parte del mondo, conclude Caccia, “ogni essere umano, sia esso cristiano, ebreo, musulmano, di qualsiasi popolo o religione, è sacro, prezioso agli occhi di Dio, e ha il diritto di vivere in pace”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

26/01/2024
2802/2024
San Romano

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Papa Francesco: stop agli idoli, bisogna pregare Dio

Papa Francesco, nonostante una caldissima giornata romana, ha ripreso l’appuntamento con l’udienza generale del mercoledi. Dopo la sosta programmata a Luglio il Pontefice sarà nuovamente presente, tutti i mercoledi, per l’abbraccio con i fedeli. L’appuntamento odierno ha riguardato i Comandamenti e specificatamente il Vescovo di Roma ha approfondito io tema dell’idolatria “non avrai altri dei difronte a me”.

Leggi tutto

Chiesa

Monsignor Paolo Giulietti e la Fede ai tempi del Coronavirus

La tutela della salute, infatti, è senza dubbio un bene primario, per il quale è giusto fare delle rinunce. Mi domando però se una società possa considerare irrilevante o marginale ciò che alimenta il “capitale morale” della nazione (e i riti religiosi sono certamente un elemento importante da questo punto di vista). Il senso del dovere e del sacrificio non sono innati, ma sono il frutto di esperienze educative e spirituali alle quali debbono continuare ad alimentarsi, pena il dilagare di quegli atteggiamenti di irresponsabilità ed egoismo che hanno sicuramente aggravato la crisi.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco incontra la diocesi di Roma

Papa - Parlando questa mattina in Aula Paolo VI alla diocesi di Roma, Papa Francesco ha rivolto un forte incoraggiamento a seguire la voce dello Spirito Santo che non conosce confini, ad ascoltare ciascun appartenente all’unico popolo di Dio e anche quanti vivono ai margini della comunità.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco: “La libertà si realizza nella carità”

All’udienza generale in Aula Paolo VI, il Papa spiega il concetto di libertà secondo la fede cristiana: non consiste nello stare lontano dagli altri, sentendoli come “fastidi” che limitano la nostra azione, ma essere inseriti in una comunità, amare e servire gli altri

Leggi tutto

Chiesa

Gregoriana: ripensare a San Roberto Bellarmino

A quattrocento anni dalla morte di San Roberto Bellarmino, teologo e dottore della Chiesa, l’Ateneo pontificio della Compagnia di Gesù, di cui è patrono, gli dedica tre giorni di studi multidisciplinari, dal 17 al 19 novembre

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco e l’appuntamento con la Messa a Nicosia

Ai circa 10 mila fedeli riuniti per la Messa allo Stadio di Nicosia, il Papa raccomanda di essere uniti, dialogare e camminare insieme: l’annuncio non è proselitismo ma testimonianza, non moralismo che giudica ma misericordia.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano