Politica

di la redazione

Cartelli stradali sbagliati nella Ztl green targata Pd

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Decine e decine di cartelli stradali, a quanto pare già installati, che contengono tuttavia un refuso. E che dovranno pertanto essere sostituiti. Questo è quanto riscontrato nelle scorse ore a Firenze, città amministrata dal Pd. A segnalare il tutto è stato Simone Sollazzo, capogruppo di Fratelli d’Italia nel consiglio del Quartiere 2, che ha attaccato il sindaco e la giunta “dem” chiedendosi quanto costerà ai contribuenti un errore del genere. Ma cos’è successo, nel dettaglio? La segnalazione riguarda la segnaletica stradale che indica il numero telefonico a disposizione degli utenti del centro (e non solo) per essere informati in merito alla prossima attivazione del cosiddetto “Scudo Verde” che il sindaco Dario Nardella ha annunciato lo scorso anno.

Si tratta in buona sostanza di una nuova ztl “green” voluta dalla giunta Pd che dovrebbe entrare ufficialmente in vigore la prossima estate, dopo un periodo di pre-esercizio. Secondo quanto riportato dalla stampa locale, i primi provvedimenti riguarderanno ciclomotori e motocicli in classe emissiva Euro 0 ed Euro 1, le auto e i mezzi merci a benzina in classe Euro 0 ed Euro 1 e diesel da Euro 0 a Euro 2 compresi. Nel 2025 i divieti si estenderanno ai motoveicoli Euro 2, alle auto a benzina della medesima classe e alle vetture diesel Euro 3. L’ultimo ampliamento del divieto dovrebbe concretizzarsi infine nel 2026 ed arrivare sino alla classe Euro 3 per le macchine a benzina e alla classe Euro 4 per quelle a gasolio. Di recente, in previsione della novità, sulle strade comunali sarebbero intanto stati installati i cartelli stradali che segnalano all’utenza il numero da chiamare per ulteriori informazioni.

Peccato che conterrebbero un errore, visto che sarebbero stati stampati e posizionati senza la “r” necessaria: residenti e turisti sarebbero rimasti stupiti nel leggere “infomazioni”, per un refuso che sarebbe stato ripetuto in decine di segnali stradali. E la gaffe è servita. “Quanto segnalatomi da cittadini e che poi ho verificato ha dell’incredibile: decine e decine di cartelli stradali a Firenze con errori ortografici – ha scritto Sollazzo sulla propria pagina Facebook - a qualcuno potrebbe far sorridere ma a me no: quanto costerà per le nostre tasche questo errore? Quanto costerà rifarne di nuovi? Come è possibile che nessuno si sia accorto? In attesa della “bocciatura” della giunta Nardella a giugno, mettiamo un bel 3 in pagella in italiano…”. A seguito dell’accaduto, stando a quanto riportato oggi dal quotidiano Il Tirreno, l’amministrazione Pd ha sostanzialmente addossato la responsabilità all’azienda che ha stampato e fornito i cartelli. E ha fatto sapere che dovrebbe essere l’impresa ad accollarsi i nuovi costi di ristampa e sostituzione.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

29/01/2024
2802/2024
San Romano

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Tag associati

Articoli correlati

Società

La Liguria promuoverà “Le culle per la vita”

Le culle per la vita possono rappresentare un importante strumento per evitare gesti disperati e abbandoni che avvengono in luoghi e con modalità che mettono a rischio la vita stessa del neonato, per strada o, peggio, nei cassonetti dei rifiuti.

Leggi tutto

Politica

Pro Ius soli e Lgbt: ecco i giovani della direzione Schlein

La “direzione” è chiara: avanti tutta, ostinatamente verso sinistra. I giovani che affiancheranno Elly Schlein nel nuovo corso del Pd rispecchiano appieno l’indirizzo ultra-progressista imboccato dalla leader di partito. Tra i 176 componenti della nuova direzione dem ci sono infatti nomi destinati a modificare la geografia piddina a colpi di istanze identitarie sbandierate in chiave anti-Meloni. Dallo Ius soli al ddl Zan, dai provvedimenti ecologisti a quelli in materia economica, i nuovi volti della dirigenza Pd sono portatori di proposte già bocciate dagli elettori ma sempre pronte a essere ripresentate dalla sinistra.

Leggi tutto

Politica

Renzi copia il programma del PdF

La parola definitiva sulla televendita del redivivo dittatore democratico, di ritorno dall’Isola d’Elba, l’ha detta Makkox su Gazebo. Vogliamo però soffermarci su un “dettaglio”: mentre mette in sordina Scalfarotto e Concia, Renzi inserisce “mamma” tra le “tre parole” del suo nuovo Pd. Una rincorsa in cui il Popolo della Famiglia riconosce la difficoltà di Renzi che vuole recuperare consenso.

Leggi tutto

Politica

Il Pd ed il male di vivere

Viva i 57mila resistenti che hanno votato Alternativa per l’Italia. E forse ora è più chiaro perché è assolutamente necessaria la nostra ripartenza come Popolo della Famiglia con l’assemblea nazionale del 15 e 16 ottobre. Se neanche uno difende il bimbo nascituro, la politica ha bisogno di noi, nonostante tutte le difficoltà. Per partecipare all’assemblea di Pomezia contattare Nicola Di Matteo.

Leggi tutto

Politica

Terremoto nel Pd, scoppia il caso Gentiloni

Terremoto nel Pd, scoppia il caso Gentiloni: altri problemi per Schlein

Leggi tutto

Politica

La vittoria disonorata degli anticasta

Cosa è successo in questi dieci anni? Che il sistema politico si è affidato a ogni formula possibile: governo di centrodestra, tecnico di unità nazionale, centrodestra-centrosinistra, nuovocentrodestra-Pd, gialloverde, giallorosso. Qualsiasi formula ha ripetuto lo schema del tentare di massimizzare dalla posizione di potere il proprio consenso politico, allo stesso tempo annullando completamente qualsiasi procedura democratica interna ai partiti. Insomma, i vittoriosi anticasta di quel 2007 ribollente in pochissimi anni si sono fatti casta loro stessi

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano