Media

di Tommaso Ciccotti

Papa ai media Cei: non allinearsi a logiche dominanti

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

“Autentici per vocazione” non è solo lo slogan ma il mandato che il Papa affida ai media della Conferenza episcopale italiana, Tv2000 e Radio inBlu, ai quali indica precise coordinate per la missione che testate cattoliche (non è un “limite”, questo, ma “espressione di libertà”, dice) devono compiere. Quindi andare “controcorrente” rispetto a un mondo, come quello della comunicazione, che “rischia di appiattirsi su alcune logiche dominanti, di piegarsi al potere o addirittura di costruire fake news”; poi non dimenticare quanti sono ai margini, sia persone che storie; avere “coraggio” senza mai scadere in polemiche o aggressività; essere “messaggeri che informano con rispetto, con competenza, contrastando divisioni e discordie”.

Francesco riceve dipendenti e dirigenti in Aula Paolo VI, in occasione del 25.mo anniversario della nascita del circuito inBlu2000 e di TV2000, l’ex Sat2000 punto di riferimento di informazione e intrattenimento per migliaia di italiani. Testate che hanno saputo rinnovarsi nel tempo, in un processo di “ripensamento e riorganizzazione” del lavoro, di trasformazione di produzione e fruizione dei contenuti e rilancio anche di prodotti nuovi. L’ultimo è l’App Play2000 che il Pontefice ricorda nel suo discorso augurandosi che possa contribuire a “comunicare con prossimità, cuore e responsabilità”.

Prossimità, cuore e responsabilità sono infatti le direttrici indicate dal Papa per far fronte anche, come media, a un’epoca in cui “l’intelligenza artificiale sta modificando in modo radicale anche l’informazione e la comunicazione e, attraverso di esse, alcune basi della convivenza civile”. Un “vortice”, secondo Francesco, che “pare trascinare non solo gli operatori del settore ma un po’ tutti noi”. Tuttavia, dice, ci sono alcuni principi “fissi” a cui guardare.

Ciò riguarda in modo particolare voi, che, insieme al quotidiano Avvenire e all’Agenzia Sir, avete un’appartenenza ben precisa: la Conferenza Episcopale Italiana. Questo non è un limite, anzi è espressione di una grande libertà, perché ricorda che la comunicazione e l’informazione hanno sempre le radici nell’umano.

Significa che bisogna “incarnare la fede nella cultura”, in particolare attraverso la testimonianza, “narrando storie in cui il buio che è intorno a noi non spenga il lume della speranza”. In questo senso va intesa la prossimità: “Ogni giorno - tramite la televisione o la radio - vi fate vicini a tante persone, che trovano in voi degli amici da cui ricevere informazioni, con cui trascorrere piacevolmente del tempo, o andare alla scoperta di realtà, esperienze e luoghi nuovi”, dice il Papa. “E questa prossimità si estende anche ai territori e alle periferie dove la gente abita”.

A me piace pensare che la prossimità è una delle qualità di Dio che si è fatto prossimo a noi. Sono tre le cose che fanno vedere Dio: la prossimità, al prossimo; la tenerezza - Dio è tenero - e la compassione. Sempre perdona. Non dimenticatevi questo: la prossimità, compassione e tenerezza.

L’incoraggiamento è dunque a “creare reti”, “tessere legami”, “raccontare il bello e il buono delle nostre comunità”, non dimenticando chi sta ai margini e rendendo “protagonisti quanti solitamente finiscono a fare le comparse o non vengono nemmeno presi in considerazione”. Le minacce di fake news e appiattimento su potere e logiche dominanti sono dietro l’angolo. Non cadete nella tentazione di allinearvi, andate controcorrente, sempre consumando le suole delle scarpe e incontrando la gente. La seconda parola del Papa è perciò “cuore”, quasi un paradosso in un mondo tutto tecnologico come la comunicazione. “Invece tutto nasce da lì”, assicura Francesco: “Non si può osservare un fatto, non si può intervistare qualcuno, non si può raccontare qualcosa se non a partire dal cuore”. Infatti, comunicare non si risolve nella “trasmissione di una teoria o nell’esecuzione di una tecnica”, ma nel “fare spazio all’altro, restringendo un po’ quello dell’io”, liberandosi dalle “catene dei pregiudizi”, dicendo “la verità senza separarla dalla carità”. Mai separare i fatti dal cuore! E poi, avere coraggio. Non è un caso che “coraggio” derivi da cor - coraggio. Chi ha cuore ha anche il coraggio di essere alternativo, senza però diventare polemico o aggressivo; di essere credibile, senza avere la pretesa di imporre il proprio punto di vista; di essere costruttore di ponti. “Questo è molto importante”, evidenzia Papa Francesco a braccio, “un comunicatore possiamo pensarlo come un ponte, perché il comunicatore necessariamente è un costruttore di ponti”. E un comunicatore ha anche una grande “responsabilità” - ecco la terza parola - che è quella di “assicurare che ogni forma di comunicazione sia obiettiva, sia rispettosa della dignità umana e attenta al bene comune. In questo modo, potremo ricucire le fratture, trasformare l’indifferenza in accoglienza e relazione”. Ricordate, è la raccomandazione conclusiva del Papa, che “al centro di ogni servizio, al centro di ogni articolo, al centro di ogni programma c’è la persona”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

31/01/2024
2802/2024
San Romano

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Media

Sugli stregoni della notizia

È dai tempi di Reagan che la Casa Bianca consulta scrupolosamente dei media-influencer

Leggi tutto

Politica

Verona, Roma, Vaticano: le tre giornate sull’aborto

Chiunque si permette di mettere in discussione “conquiste” consolidate viene linciato

Leggi tutto

Politica

Lettera al signor ministro

Lei è Ministro delle Pari Opportunità e poi dopo della Famiglia. Quindi per Lei le Pari Opportunità sono più importanti. Perfetto, allora, iniziamo con queste. Uomini e donne vivono la famiglia e il lavoro diversamente: spiace iniziare con la biologia, ma le mamme mettono ancora al mondo bambini e ne hanno bisogno (si pensi a quante donne, passati i trentacinque anni, chiedono di avere accesso alle tecniche di fecondazione assistita: circa 78 mila coppie nel 2017, ma ahinoi solo 13 mila bambini, nascono), i bambini poppano ancora da mamma e/o comunque hanno necessità di stare con questa più a lungo possibile. Inoltre i bambini maturano la loro parziale autonomia nei primi tre anni di vita, e durante questi tre anni (dalla nascita ai 36 mesi), si forma tutto il loro bagaglio psicologico che la Teoria dell’Attaccamento (cfr. 100.000 baci

Leggi tutto

Politica

Presentato oggi a Ostia libro sulla teologia di Papa Francesco

Presentazione del libro di don Franco Nardin parroco di Nostra Signora di Bonaria alla presenza del Vescovo a. Dario Gervasi e il Prefetto don Roberto Visier. Modera il giornalista Rai Gianni Maritati

Leggi tutto

Società

ROGHI E ASSALTI: DISPERAZIONE O STRATEGIA ANARCHICO INSURREZIONALE?

No alla strumentalizzazione ideologico politica per polarizzare i consensi elettorali e di partito, ma analisi seria e aiuto alla popolazione: basta abusare del dolore dei cittadini

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco all’udienza generale parla di San Giuseppe

All’udienza generale, il Papa ha iniziato un nuovo ciclo di catechesi dedicato allo sposo di Maria e padre terreno di Gesù

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano