Politica

di Roberto Signori

Migranti, via libera della Corte albanese all’accordo con l’Italia

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Via libera dell’Albania all’accordo sulla gestione dei migranti. La Corte costituzionale di Tirana ha infatti approvato il progetto dell’Italia e del suo stesso Governo di creare due centri di accoglienza per alcuni migranti nel Paese balcanico. Cinque dei nove giudici hanno votato a favore, quattro contro.

Si prevede ora che anche il Parlamento albanese voterà a favore, dal momento che il partito del premier socialdemocratico Edi Rama ha la maggioranza. La Camera dei deputati italiana lo ha già approvato, ma il testo deve ancora essere ratificato dal Senato.

Il provvedimento riguarda i migranti che vengono presi a bordo dalle autorità competenti in alto mare e diretti in Italia. Rama e la sua omologa italiana Giorgia Meloni hanno firmato un memorandum d’intesa sulla questione poco più di due mesi fa. I centri, che saranno gestiti dall’Italia, sono previsti nel porto di Shengjin sull’Adriatico e in una ex base militare a Gjader e potranno ospitare circa 3.000 persone contemporaneamente. L’Albania sarà coinvolta nel monitoraggio dei centri.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

31/01/2024
2802/2024
San Romano

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Scuola e chiesa ora tocchiamo veramente i fondi

Gabriele Toccafondi è un fiorentino del ‘72, laureato in scienze politiche, ha fatto il consigliere all’università di Firenze, è stato membro di un sacco di commissioni e promotore di iniziative culturali e dal ‘99 ha messo i piedi in politica per poi non toglierli più. Ha militato tra le file di una lista civica, poi è passato a Forza Italia, poi è stato deputato PdL e nel 2013 ha indossato la casacca NCD, grazie alla quale ora siede sulla poltrona di Sottosegretario di Stato al Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca.

Leggi tutto

Società

L’export italiano e la rinascita post covid

In un contesto di incertezza ancora elevata, seppure in calo, l’Ufficio Studi di SACE ha elaborato due scenari di previsione alternativi rispetto allo scenario base: il primo ipotizza uno shock positivo sulla fiducia mondiale, favorendo una ripresa più robusta; e l’altro peggiorativo in relazione all’efficacia dei vaccini e alla comparsa di nuove varianti del Covid-19 con maggiore capacità di trasmissione.
Il primo, definito come confidence boost, ipotizza la crescita economica globale più intensa sia nel 2021 che nel 2022, ma l’accelerazione proseguirebbe nel biennio successivo a ritmi minori e in linea con le previsioni dello scenario base. Il valore delle esportazioni italiane di beni nel 2021 segnerebbe +14,7%, pari a 3,4 punti percentuali in più rispetto allo scenario base. Dinamica più accentuata nel 2022 (+3,7 punti percentuali) e al termine dell’orizzonte di previsione il nostro export potrebbe arrivare a superare i 577 miliardi di euro contro i 550 previsti dalla baseline.
Nel secondo scenario, “nuove varianti”, seppur con una minore probabilità di accadimento, la ripresa dell’economia globale rallenterebbe inevitabilmente con un ritorno alle misure restrittive di contenimento del contagio e un deterioramento della fiducia di imprese e famiglie. Questo scenario prevede una crescita iniziale più ridotta seguita da un calo marcato rispetto al modello base. Le ripercussioni sul valore delle esportazioni italiane di beni sarebbero significative e concentrate prevalentemente nel prossimo anno. In questo scenario la crescita delle nostre esportazioni sarebbe più limitata quest’anno (+7,2%) e pressoché nulla nel 2022. Il pieno recupero delle vendite Made in Italy nei mercati esteri sarebbe quindi rimandato al 2023.

Leggi tutto

Politica

Mattarella il 16 dicembre in visita di congedo dal Papa

Il presidente della Repubblica italiana sarà ricevuto alle 9.30del prossimo 16 Dicembre nel Palazzo Apostolico, a conclusione del suo settennato.

Leggi tutto

Storie

Vicini all’Ucraina, lontani dal prossimo

Sotto gli occhi di tutti Mariek era morto da 48 ore. Ma ci s’imbarca verso Kiev per i profughi.

Leggi tutto

Società

In Italia è crollo delle nascite

Nel suo rapporto annuale l’Istat rileva una drastica diminuzione delle nascite e l’aumento delle “famiglie” con un solo componente.

Leggi tutto

Politica

Politica – Ecco I ministri del governo di Giorgia Meloni

Questa mattina il governo Meloni ha giurato davanti al Presidente della Repubblica

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano