Società

di Giuseppe Udinov

Esodo di disertori birmani in Bangladesh

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Sono almeno 106 le guardie di frontiera paramilitari del Myanmar, alcune delle quali ferite, ad essere fuggite in Bangladesh a causa dell’intensificarsi dei combattimenti tra le forze ribelli e il regime della giunta. A riferirlo sono funzionari del Bangladesh.

Da quando ha portato avanti il colpo di stato militare contro un governo eletto nel 2021, la giunta sta affrontando la sua più grande crisi, cercando di contenere la ribellione denominata 1027 - poiché avviata il 27 ottobre dello scorso anno - che ha visto gruppi alleati anti-giunta sostenuti da un governo parallelo pro-democrazia prendere il controllo di diverse postazioni militari e città.

Il rumore degli spari è stato udito oltre il confine con il Myanmar, nel distretto di Cox’s Bazar, nel sud-est del Bangladesh, dove quasi un milione di membri della minoranza musulmana Rohingya del Myanmar vivono in campi di capanne di bambù e plastica dopo essere fuggiti dalla repressione militare nel 2017. Inoltre almeno due persone hanno perso la vita a causa dei colpi di mortaio sparati dal Myanmar verso i militari in fuga che hanno colpito un villaggio oltre confine in Bangladesh. Per questo il Bangladesh ha protestato convocando l’ambasciatore del Myanmar a Dhaka, Aung Kyaw Moe, richiamando la giunta militare per le azioni e gli attacchi al confine. Il vice commissario Shah Mujahid Uddin, ha reso noto che una delle vittime è una donna del Bangladesh, Hosne Ara, mentre l’altro è un uomo Rohingya di 58 anni, di cui non si conosce ancora il nome. Sono stati uccisi nell’area di Japaitali, vicino al confine, quando una granata è caduta mentre Ara stava servendo cibo ai lavoratori stagionali Rohingya.

Ieri mattina, il ministro degli Affari esteri di Nay Pyi Taw ha convocato Manowar Hossain, ambasciatore del Bangladesh a Yangon, per discutere della situazione. Durante la conversazione, il ministro del Myanmar ha espresso l’intenzione di localizzare i fuggitivi che hanno cercato rifugio in Bangladesh e di riportarli indietro.

Negli ultimi tre giorni sono decine e decine i membri del personale dell’esercito e i funzionari governativi del Myanmar fuggiti verso il Bangladesh per scappare agli attacchi dell’esercito di liberazione Arakan. Finora, sarebbero almeno 229 persone hanno cercato rifugio in Bangladesh, dove sono state disarmate e accolte in un luogo sicuro. Intanto il governo del Bangladesh è impegnato in negoziati con il Myanmar per il rimpatrio degli sfollati, essendo già gravato dall’ospitare oltre un milione di rifugiati Rohingya, non è disposto ad accettare ulteriori afflussi rifugiati dal Myanmar.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

07/02/2024
2902/2024
Sant'Augusto Chapdelaine martire

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Myanmar: un’altra chiesa cattolica bruciata e rasa al suolo

Ancora attacchi alla chiesa da parte dei militari. Nelle scorse ore infatti la chiesa cattolica di San Nicola nella città di Thantlang, nello Stato Chin del Myanmar, è stata bruciata dai militari. L’attacco alla chiesa di San Nicola è solo l’ultimo di una lunga serie.

Leggi tutto

Storie

BANGLADESH - Timori sul reclutamento jihadista

Lo scorso anno oltre 50 ragazzi sono scomparsi da diverse aree del Paese. Di questi almeno sette erano originari di Comilla, a sud-est di Dhaka. Una delle vittime accertate è lo studente Al Amin, che voleva far ritorno a casa, ma è caduto in una imboscata di un altro gruppo miliziano

Leggi tutto

Storie

Mymensingh, padre Rabanal è tornato alla casa del Padre

Padre Rabanal missionario filippino della Santa Croce era arrivato nell’allora Pakistan Orientale come agronomo per poi scoprire la sua vocazione al sacerdozio

Leggi tutto

Storie

BANGLADESH - Ragazze obbligate al matrimonio precoce

E’ un dato drammatico quello diffuso dall’Unicef ​nelle scorse settimane, che indica come circa il 51% delle ragazze sotto i 18 anni in Bangladesh è obbligato al matrimonio precoce. A causa di una pratica culturale, che tocca quindi donne di diverse religioni, la nazione ha la più alta incidenza di matrimoni precoci nell’Asia meridionale, con circa 34,5 milioni di ragazze sposate prima dei 18 anni e oltre 13 milioni sposate prima dei 15 anni, afferma il rapporto dell’Unicef

Leggi tutto

Storie

BANGLADESH - Appello dei leader religiosi

Oltre 100 leader delle comunità religiose in minoranze in Bangladesh, paese al larga maggioranza musulmana, manifestano ed esprimono disappunto per le violenze contro i loro luoghi di culto e i membri delle loro comunità.

Leggi tutto

Storie

MYANMAR - Il Paese sull’orlo della disgregazione

La giunta militare al potere in Myanmar si trova ad affrontare attacchi su più fronti nelle zone di confine, mentre un’alleanza di gruppi ribelli di minoranze etniche si è saldata con i combattenti anti-giunta militare per cercare di conquistare il territorio nazionale. La cosiddetta “Operazione 1027”, lanciata il 27 ottobre dalla alleanza delle milizia etniche - con l’appoggio delle “Forze di Difesa Popolare”, formatesi all’indomani del colpo di stato del febbraio 2021 - ha portato attacchi coordinati contro postazioni militari nello Stato Shan (nel nord del paese, al confine con la Cina) e ha conquistato diverse città.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano