Società

di Mario Adinolfi

Sanremo o il teorema di Duccio

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Vedrò Sanremo. Più in generale da bravo nazpop io cerco di non perdermi mai quello che interessa a tanti, perché sono alla fine uno dei tanti. Festival, campionato di calcio, cinema, dischi, comici, programmi tv, serie sulle piattaforme, polemiche, giornali, influencer: seguo tutto e cerco di sapere tutto. Leggo molti quotidiani ogni giorno e una marea di articoli sparsi sui social insieme a spezzoni video. So quello che mi accade intorno e non credo a chi mi spiega che bisogna circondarsi solo di contenuti edificanti. Semmai mi convince di più il “teorema di Duccio” (da un noto personaggio della serie tv Boris): per stare bene non bisogna più leggere o guardare niente, bisogna “chiudersi a riccio”. Ecco, la tentazione di Duccio ammetto di subirla, chiuderla qui con tutto e con tutti. Ma finché continuerò a rispondere a centinaia di messaggi al giorno, a scrivere pezzi come questo, a pensare che sia importante dare battaglia su cose importanti, guarderò Sanremo. Perché non si può stare in campo ignorando zone rilevanti del campo, meccanismi di rappresentazione e persino di creazione della realtà che sono nazionali e popolari, nazpop come me insomma. Prima o poi diventerò un seguace di Duccio e potrò finalmente fare a meno di vedere il festival di Sanremo.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

07/02/2024
2902/2024
Sant'Augusto Chapdelaine martire

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Che spreco terribile è questo popolo che si disperde

Oggi più che mai siamo tutti chiamati ad essere i nuovi intellettuali, ad esercitare cioè la libertà di ragione e di coscienza, contribuendo tutti a ricostruire un pensiero pubblico che sappia e odori di umano. Non siamo chiamati a giocare tra chi pensa di essere il depositario esclusivo della Verità: siamo chiamati a metterci sulle spalle la croce della pazienza, della sapienza e della lungimiranza. Abbandonando le aspirazioni personali, le pretese e tutto ciò che fa parte del fardello dell’uomo fragile.

Leggi tutto

Storie

LETTERA A J-AX, “ITALIANO MEDIO”

Però ho qualcosa da dirti: non farti fregare, il conformismo è una malattia orrenda da cui non si guarisce facendo una battuta sulla mia obesità, uguale a milioni che mi sono state fatte per decenni. Trova in questa mia risposta un’occasione per una riflessione più complessa, caro Alessandro.

Leggi tutto

Politica

Confutando Spadaro e Figueroa

Il gesuita siciliano che si accredita come frontman dei consiglieri di Papa Francesco (e che con questi crediti intasca colonne di editoriale sui giornaloni) si è lasciato andare, insieme col direttore dell’edizione argentina de L’Osservatore Romano, a un’analisi sociopolitica dell’attuale quadro Usa. Stupisce l’approssimazione del testo, evasivo sui dati e apodittico sui teoremi: si può fare meglio

Leggi tutto

Politica

Da oggi si marcia verso le politiche

Il risultato conseguito dal Popolo della Famiglia a Ostia testimonia di una crescita costante e lenta, ma decisa: il risultato di Giovanni Fiori e della sua squadra permette di lasciarsi alle spalle la “sindrome dello zerovirgola”, ma il mandato che questi fatti offrono ai militanti è una serie di accorgimenti per essere ancora più incisivi nel radicare fattivamente la proposta del PdF

Leggi tutto

Società

Ciascuno deve scegliere per se

In realtà l’#alleanza terapeutica esiste già, in Italia, e funziona. Ecco perché il biotestamento non ha altro scopo che quello di alleggerire i parenti e lo Stato.

Leggi tutto

Politica

Per arrivare con metodo al 5 Marzo

Fino a pochi giorni fa Massimo Gandolfini si limitava a ignorare inelegantemente le attività e la stessa esistenza del Popolo della Famiglia. Arrivati all’ultimo giro, la sua preoccupazione sembra
essere anzitutto legata alla delegittimazione attiva dell’opzione di autonomia del PdF. Eppure il 4 marzo arriverà e trascorrerà: allora sarà il caso di non essere diventati autenticamente nemici.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano