Storie

di Tommaso Ciccotti

Chiesa primitiva: donna e autorità

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Dato che la maggior parte della storia si basa su documenti prodotti da uomini, la ricerca di dati storici affidabili riguardo alle donne nel cristianesimo primitivo può diventare una vera sfida. Il cristianesimo si fonda fortemente sulla parola scritta come primo mezzo per la conoscenza della sua storia. Come afferma la dottoressa Janet Tulloch in un articolo pubblicato nel 2004, le informazioni raccolte da artefatti visivi come affreschi, dipinti e fregi sui sarcofagi sono state finora affidate quasi esclusivamente a storici dell’arte e archeologi. Nonostante siano state molte le donne mecenate a sostenere finanziariamente gli uomini della Chiesa primitiva (Maria di Magdala, Febe, Lidia, Paola, Olimpia), la loro presenza è scarsamente menzionata nelle fonti letterarie. Da un po’ di tempo, invece, gli studiosi hanno capito che l’archeologia è una fonte importante per quanto riguarda la presenza delle donne nel cristianesimo primitivo.

Per i primi quattro secoli della storia cristiana (e fino a oggi), gli uomini di Chiesa hanno giustificato la limitazione dell’autorità della donna rifacendosi all’ammonimento nella prima lettera di Paolo a Timoteo, secondo il quale la donna doveva rimanere in silenzio nelle assemblee e non insegnare né “dettare legge all’uomo” (2,12). Eppure, l’arte funeraria cristiana tra la fine del III e l’inizio del V secolo rappresenta donne nell’atteggiamento di insegnare e predicare. In questa sede sarà possibile solo una breve dissertazione su questo argomento affascinante.

Sia per i romani cristiani, sia per quelli pagani, un sarcofago non era semplicemente il contenitore di una salma, ma un monumento carico di significati. L’arte funeraria romana aveva lo scopo di rendere visibile l’identità della persona deceduta e di commemorare i suoi valori e le sue virtù. Solo le persone benestanti potevano permettersi un monumento funebre così costoso; anche la progettazione della rappresentazione, cioè di come voler essere ricordati, era un procedimento importante. Essere raffigurati con una pergamena, una capsa (contenitore per pergamene) o un codex (libro) era un indicatore immediato dell’istruzione, dello status e del benessere della persona deceduta.

Sia gli uomini cristiani sia le donne erano ricordati e idealizzati come persone di un certo status, con una certa autorevolezza, erudizione e devozione religiosa. Se la persona defunta veniva rappresentata con una pergamena o con una capsa e immersa in scene bibliche, questo stava a indicare la loro erudizione nelle Scritture ebraiche e cristiane.

Nel corso di tre anni ho analizzato 2.119 immagini e descrizioni di sarcofagi e frammenti datati dal III all’inizio del V secolo, comprese tutte le immagini reperibili di sarcofagi cristiani. Da un’indagine approfondita dei motivi iconografici selezionati è risultato che molte donne del cristianesimo primitivo sono state ricordate come persone di un certo stato sociale, influenti e autorevoli nelle loro comunità. Una scoperta davvero significativa è che ci sono, rispetto a ritratti funerari di uomini cristiani, almeno tre volte tanti ritratti di donne cristiane, e le probabilità che questi ritrovamenti siano dovuti solo al caso sono inferiori a 1 su 1.000.

Molti dei rilievi sui sarcofagi rappresentano donne in mezzo a scene bibliche, nel gesto dell’oratore oppure con pergamene o codici nelle mani. Questa è una testimonianza efficace del fatto che le donne del IV secolo non si attenevano alla disposizione di rimanere in silenzio. La loro diffusione lascia pensare all’emergere di una nuova identità femminile di erudizione biblica e di autorevolezza nell’insegnamento. Un’altra verifica interessante è che i ritratti femminili hanno il doppio delle possibilità di essere affiancate da figure di apostoli (spesso Pietro e Paolo), probabilmente per avvalorare la loro autorevolezza religiosa. L’iconografia del cristianesimo primitivo ci dice che le donne cristiane erano istruite, pie e benestanti. A giudicare dal numero di sarcofagi con la rappresentazione di sole donne questo sta a indicare che si trattava anche di donne singole o vedove, a ricordare le prime comunità di vedove o di vergini di cui abbiamo parlato nel primo articolo di questa serie. Considerando poi che molte di loro sono rappresentate con pergamene e in attitudine di predicazione in una scena biblica, ne possiamo dedurre che fossero erudite nelle Scritture e volevano essere rappresentate come donne che confidavano nel potere salvifico di Dio ed esperte della vita di Gesù e dei suoi miracoli di guarigione. Le loro comunità poi le idealizzavano come figure erudite con l’autorità, quantomeno, di proclamare e insegnare le Scritture. plausibile che le “madri della Chiesa” di epoche successive, come Marcella, Paola, Melania l’anziana e Proba, ammirassero questi modelli femminili primitivi che le ispirarono ad amare e studiare le Scritture. Le fonti letterarie riguardo alle “madri della Chiesa” coincidono con i ritrovamenti archeologici, a conferma di quanto studiosi contemporanei – compreso Papa Benedetto XVI – avevano già teorizzato e cioè che nel cristianesimo primitivo le donne avessero un’influenza molto maggiore di quanto non sia generalmente riconosciuto. Mentre nella documentazione letteraria sono le figure maschili a predominare, i ritratti funebri nel campo dell’archeologia dimostrano invece come siano in preponderanza le donne cristiane a essere ricordate per aver esercitato sostanzialmente l’autorità ecclesiale all’interno delle loro comunità. E, come vedremo, le donne che si riunivano intorno alle nostre “madri della Chiesa” si sono evolute successivamente in alcune delle nostre primissime comunità - intenzionali - di religiose.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

07/02/2024
2802/2024
San Romano

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

PAKISTAN - Ragazza cristiana rapita si riunisce alla sua famiglia

Leggi tutto

Storie

Quattro incontri per raccontare San Pietro

Conoscere o riscoprire la figura dell’Apostolo Pietro attraverso la storia, le arti e la cultura. È lo scopo del ciclo di quattro incontri “Lectio Petri” che, da ottobre a marzo, si svolgeranno nella Basilica Vaticana.

Leggi tutto

Storie

Autismo di talento

Un ragazzo, un pianoforte, una disabilità e talento da vendere! Giorgio Esposito, 20 anni, ha deciso di superare i suoi limiti e le sue paure, finalmente è riuscito a mostrarsi al mondo

Leggi tutto

Storie

Ritrovarsi dopo aver perso un bambino

Uno dei più grossi problemi che le coppie si trovano a gestire in caso di morte di un figlio è l’afflusso di parole inutili.

Leggi tutto

Storie

L’arte in cammino

A Loreto ha preso il via la prima tappa di una mostra itinerante che si concluderà nel 2023 a Senigallia, dedicata al tema del pellegrinaggio: Dipinti, sculture, stendardi processionali, dal Medioevo al Seicento, costituiscono l’esposizione “Sulle orme di san Michele Arcangelo. Pellegrini e devoti nell’arte da Crivelli a Caravaggio”

Leggi tutto

Storie

Le nuove scoperte sulle malattie neurodegenerative

Nuovi risultati per il team di ricerca guidato da Maria Pennuto – Principal Investigator del VIMM e professoressa associata dell’Università degli studi di Padova – che da diversi anni sta investigando il coinvolgimento del muscolo scheletrico nella malattia neurodegenerativa nota come malattia di Kennedy.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano