Chiesa

di Tommaso Ciccotti

Papa Francesco: ‘Ascoltare chi soffre, e agire’

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

“È fondamentale avere la capacità di ascoltare chi sta soffrendo. Penso alle vittime dei conflitti, delle guerre, a quanti sono colpiti dagli effetti del cambiamento climatico, alle moltitudini di migranti forzati, a chi oggetto di sfruttamento sessuale o lavorativo, in particolare le donne e le bambine”. È quanto sottolinea papa Francesco, in un messaggio pubblicato in occasione della X Giornata internazionale di preghiera e riflessione contro la tratta di persone, che si celebra oggi, memoria liturgica di Santa Giuseppina Bakhita. “Ascoltiamo - è il monito del pontefice - il loro grido di aiuto, lasciamoci interpellare dalle loro storie; e insieme con le vittime e con i giovani ritorniamo a sognare un mondo in cui le persone possano vivere con libertà e dignità”.

Il tema per il decennale è “Camminare per la dignità: ascoltare, sognare, agire”, che rappresenta anche un’esortazione rivolta a tutti: “Con la forza dello Spirito di Gesù Cristo - afferma il papa - dobbiamo trasformare questo sogno in realtà, mediante azioni concrete di contrasto alla tratta”. E lo fa invitando a camminare “sui passi di Santa Bakhita, la Suora sudanese che da bambina fu venduta come schiava ed è stata vittima della tratta. Ricordiamo l’ingiustizia che ha subito, la sua sofferenza, ma anche la sua forza e il suo percorso di liberazione e di rinascita a una nuova vita”.

Santa Bakhita, prosegue, “ci incoraggia ad aprire gli occhi e le orecchie, per vedere gli invisibili e ascoltare chi non ha voce, per riconoscere la dignità di ciascuno e per agire contro la tratta e ogni forma di sfruttamento”. Una tratta che colpisce anche molti Paesi dell’Asia e del Medio oriente ma che spesso passa sotto silenzio perché, come sottolinea il pontefice, è “spesso invisibile” e per questo è ancora più importante il ruolo di media e “reporter coraggiosi” che “gettano luce sulle schiavitù del nostro tempo”. Attaccando “la cultura dell’indifferenza” che “anestetizza” e plaudendo all’impegno di molti giovani, Francesco chiede di aiutarsi “insieme a reagire, ad aprire le nostre vite, i nostri cuori a tante sorelle e tanti fratelli che sono trattati come schiavi”.

Per questa causa, continua il papa nel suo messaggio, servono preghiera e azione nelle famiglie, nelle comunità parrocchiali e religiose, nelle associazioni e nei movimenti ecclesiali, nella società e nella politica, per una causa che è legata alla “dignità” umana. “Sappiamo che è possibile contrastare la tratta, ma bisogna arrivare - avverte - alla radice del fenomeno, sradicandone le cause”. “Vi incoraggio pertanto - conclude il papa - a rispondere a questo appello alla trasformazione, in memoria di Santa Giuseppina Bakhita, simbolo di coloro che, purtroppo ridotti in schiavitù, possono ancora riconquistare la libertà. È una chiamata a non rimanere fermi, a mobilitare tutte le nostre risorse nella lotta contro la tratta e nel restituire piena dignità a quanti ne sono stati vittime. Se chiuderemo occhi e orecchie, se resteremo inerti, saremo complici”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

09/02/2024
2202/2024
Cattedra di S. Pietro

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

PAPA - E’ urgente formare uomini capaci di relazioni sane

Il Papa, ricevendo in udienza le delegazioni di Federazione Italiana Settimanali Cattolici, Unione Stampa Periodica Italiana, Associazioni “Corallo” e Aiart, parla delle ultime drammatiche notizie di violenza contro le donne per ribadire la necessità di educare al rispetto e alla cura: “Prudenza e semplicità ingredienti educativi basilari nella complessità di oggi, specialmente del web, dove non bisogna cedere alla tentazione di seminare odio”

Leggi tutto

Storie

Hong Kong e la chiesa sotterranea

Nella solennità dell’Epifania la consacrazione della nuova chiesa della parrocchia di San Giuseppe, nel quartiere vicino al confine

Leggi tutto

Storie

Nuova Guinea: i timori dei vescovi

Il bilancio dei morti dei disordini del 10 gennaio è salito a 22 persone, mentre il Paese rischia il collasso socio-economico. P. Giorgio Licini, segretario generale della Conferenza episcopale della Papua Nuova Guinea: “I comuni cittadini, le Chiese, lo Stato e il governo sono tutti ugualmente responsabili”.

Leggi tutto

Chiesa

Perdono, genocidio e misericordia

San Giovanni Paolo II, più volte, aveva parlato prima delle tensioni nel paese e, fin dall’Aprile del 1994, non mancò di appellarsi al ritorno della pace: «Le tragiche notizie che giungono dal Ruanda suscitano nell’animo di tutti noi una grande sofferenza. Un nuovo indicibile dramma: l’assassinio dei capi di Stato di Ruanda e Burundi e del seguito; il capo del Governo ruandese e la sua famiglia trucidati; sacerdoti, religiosi e religiose uccisi. Ovunque odio, vendette, sangue fraterno versato. In nome di Cristo, vi supplico, deponete le armi, non rendete vano il prezzo della Redenzione, aprite il cuore all’imperativo di pace del Risorto! Rivolgo il mio appello a tutti i responsabili, anche della comunità internazionale, perché non desistano dal cercare ogni via che possa porre argine a tanta distruzione e morte» (Regina Coeli 10 Aprile 1994). Qualche settimana dopo, la voce del Papa si fa ancora più sofferente e vibrante: «Vi invito accoratamente, ad una preghiera sofferta e fervorosa per il Ruanda. La tragedia di quelle popolazioni sembra non voler arrestarsi: barbarie, vendette, uccisioni, sangue innocente versato, ovunque orrore e morte. Invito quanti detengono responsabilità ad una azione generosa ed efficace perché si arresti questo genocidio. È l’ora della fraternità! È l’ora della riconciliazione!» (Udienza Generale 27 aprile 1994).

Leggi tutto

Chiesa

XAVIER NOVELL, il vescovo che gli LGBT detestano

Giovane, colto e carismatico vescovo spagnolo: stava commentando Amoris Lætitia con il suo popolo.
Gli omosessualisti insorgono tacciandolo di “omofobia”

Leggi tutto

Chiesa

Perego il vescovo pilota

Don Alessandro Guerinoni ha ricevuto una dura reprimenda dal suo vescovo, burocraticamente mediata dal Vicario generale e dal Cancelliere episcopale e confezionata con tutti i timbri del caso.
Motivo? La sua ospitalità al Popolo della Famiglia nei saloni parrocchiali. Il successore di mons.Negri sembra voler attuare le trame di un’ostilità politica al movimento politico del Family Day.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano