Storie

di Raffaele Dicembrino

Congo, Unicef: due milioni di persone bisognose di assistenza umanitaria

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Sono circa due milioni, il 60% delle quali bambini, le persone che hanno bisogno di assistenza umanitaria a causa delle devastanti inondazioni in Repubblica Democratica del Congo (RDC), dove l’innalzamento del fiume Congo ha raggiunto livelli mai visti in oltre sessant’anni. Lo afferma l’Unicef che, in una nota, riporta le stime dell’Ocha secondo cui 18 delle 26 province del Paese sono state colpite da piogge eccezionalmente intense negli ultimi due mesi; le acque alluvionali avrebbero distrutto o danneggiato quasi 100 mila abitazioni, 1.325 scuole e 267 strutture sanitarie. Le colture si sono deteriorate nei campi sommersi dall’acqua, accrescendo la prospettiva di carenze alimentari in alcune località.

Con il 40% dei casi di colera riscontrati in aree inondate o a rischio di inondazione, l’Unicef ha intensificato gli sforzi per contenere un’epidemia che rischia di andare fuori controllo. Alcuni meteorologi prevedono ulteriori piogge, aumentando la possibilità che il colera si sposti dalle aree in cui è endemico attraverso il fiume Congo al centro urbano di Kisangani e poi a Kinshasa, la capitale. In una situazione simile nel 2017, il colera si è esteso all’intero Paese, causando quasi 55 mila casi e più di 1.100 morti.

“I bambini nella RDC stanno affrontando le peggiori inondazioni degli ultimi decenni e la peggiore epidemia di colera da anni. L’innalzamento delle acque danneggia le loro case e amplifica la minaccia di malattie trasmesse dall’acqua, esponendoli a un rischio maggiore”, ha dichiarato Grant Leaity, rappresentante dell’Unicef nel Paese africano. “Senza un’azione immediata per fornire acqua sicura, servizi igienici e assistenza sanitaria per contenere la diffusione del colera, le inondazioni diffuse potrebbero portare il numero di casi a livelli senza precedenti”.

Secondo l’Oms, nel 2023 nella Repubblica Democratica del Congo sono stati registrati più di 52.400 casi di colera e 462 decessi, che ne fanno una delle più grandi epidemie al mondo. La RDC ha registrato l’80% di tutti i casi di colera nell’Africa occidentale e centrale.

L’Unicef sta fornendo acqua potabile, kit per il trattamento dell’acqua e materiale sanitario alle aree colpite. Sta inoltre collaborando con le autorità locali per garantire la continuità dei servizi di protezione dell’infanzia, come il ricongiungimento dei bambini separati con le loro famiglie e il sostegno alla salute mentale.

Anche i team di gestione del colera sostenuti dall’Unicef sono sul campo e forniscono una prima risposta quando si sospettano casi di colera. Questo include la distribuzione di kit per la prevenzione del colera, la decontaminazione delle case e delle latrine comuni e la creazione di punti per la disinfezione delle mani. I team stanno anche intensificando le misure di prevenzione, comprese le attività di sensibilizzazione e sorveglianza, e potenziando i centri di trattamento del colera, anche a Kinshasa. Per sostenere il piano di risposta del Governo alle inondazioni, l’Unicef sta utilizzando un finanziamento di base di 700 mila dollari per dare il via agli interventi per l’acqua e i servizi igienici, la salute e la protezione dell’infanzia. È necessario un totale di 9 milioni di dollari per la risposta iniziale dell’Unicef alle inondazioni in queste tre aree.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

09/02/2024
2202/2024
Cattedra di S. Pietro

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

News sulla Violenza Ostetrica: parla la Relatrice Speciale delle Nazioni Unite (parte prima)

Il motivo principale presupposto dei maltrattamenti è la diseducazione dilagante generale. Se ognuno di noi si recasse in diversi reparti di diversi nosocomi pubblici - e anche privati - di modo tale da poter osservare, come potrebbe fare una mosca, il trattamento che viene riservato a ogni singolo paziente durante le ore del giorno e della notte e in diverse circostanze, non rimarrebbe stupito nel constatare che in ogni turno, composto da diversi operatori sanitari (medici, infermieri, ostetriche, ausiliari) vi è chi possiede tatto - e quindi comunica in una certa maniera sia coi colleghi e i sottoposti, sia coi pazienti - e chi pare proprio mostri una condotta sbagliata - con colleghi, sottoposti e/o pazienti

Leggi tutto

Storie

Nigeria: rapiti tre seminaristi

Il sequestro, di cui ha dato notizia ‘Aiuto alla Chiesa che Soffre’, sarebbe avvenuto in seguito ad un attacco di uomini armati, nel quale sono rimasti feriti altri sei studenti.

Leggi tutto

Società

A maggio “la fiera sulla fertilità”

Le date sono state fissate, per sabato 21 e domenica 22 maggio, mentre il luogo è ancora sconosciuto. Milano, come è stato comunicato alle famiglie che si sono iscritte alla newsletter per ricevere informazioni, ospiterà l’evento “Un sogno chiamato bebè“.

Leggi tutto

Chiesa

Papa e viaggio rimandato: “Posticipare non è annullare”

Nel post Angelus, il Papa parla del viaggio in Congo e Sud Sudan rinviato su richiesta dei medici. “Posticipare non è annullare”, aveva dichiarato il direttore della Sala Stampa Vaticana.

Leggi tutto

Storie

CONGO RD - Scontri tra etnie Téké e Yaka

Sono stato a Kwamouth, dal 23 al 26 settembre, per confortare i nostri fratelli e sorelle che stanno attraversando momenti difficili di violenza e sofferenza. Le immagini testimoniano la mia vicinanza a queste popolazioni ferite che non hanno perso la loro gioia e la loro fede”, ha affermato il Cardinale Fridolin Ambongo, Arcivescovo di Kinshasa, al termine della sua visita nel territorio di Kwamouth,

Leggi tutto

Storie

CONGO - La lunga strada dell’annuncio cristiano

L’imminente visita di Papa Francesco nella Repubblica Democratica del Congo (RDC) offre l’occasione per ripercorrere una tra le più interessanti avventure legate all’annuncio del Vangelo e alla trasmissione della fede cattolica nel Continente

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano